Aringa

Valori nutrizionali delle aringhe fresche

Valori nutrizionali delle aringhe marinate

Valori nutrizionali delle aringhe affumicate

L'aringa è un pesce d'acqua salata il cui nome scientifico è Clupea Arengus, diffuso prevalentemente nell'oceano Atlantico settentrionale. Vive nei mari freddi dell'Europa settentrionale, della Groenlandia, del Canada e del Nord America. È un pesce relativamente piccolo, arriva fino a 50 cm di lunghezza, panciuto, dalla pelle argentata, ed è caratterizzato da una mandibola prominente e da un'unica piccola pinna sul dorso.

Pesca dell'aringa

La pesca dell'aringa nei mari del Nord è diffusa fin dal Medioevo. Oggi viene effettuata dai pescherecci con reti a strascico ed è abbastanza abbondante sia per la facilità di riproduzione delle aringhe (ogni esemplare femmina depone fino a 40 mila nuove larve) sia per il fatto che le stesse si muovono in branchi molto densi.

Secondo la tradizione, la stagione di pesca dell'aringa inizia il primo di maggio e continua per un paio di mesi. In tutti i paesi del Nord Europa e del Nord America la pesca dell'aringa ha assunto un valore quasi sacro.
In Olanda e in Svezia, per esempio, il primo giorno della pesca all'aringa viene organizzato in onore della regina e proclamato festa nazionale.

Aringa

La conservazione dell'aringa

L'aringa viene consumata fresca i primi mesi (maggio e giugno). Ma per garantire la sua commercializzazione (l'aringa è sempre stata una delle principali merci di scambio per i paesi del Nord) e la sua conservazione a lungo termine, nel tempo vennero inventati e perfezionati metodi di essiccazione, salagione, affumicatura e marinatura dell'aringa fresca che tutt'oggi sono praticati con estremo rigore.

 

 

Per prima cosa le aringhe fresche, pescate da non più di due ore, vengono lasciate sotto sale in barili di legno per 24 ore, poi vi si aggiunge una salamoia. Il solo processo di salagione può durare fino a due mesi.

Le aringhe vengono poi lavate e messe su spiedi ad affumicare per un periodo di tempo compreso tra le 12 ore e i 12 giorni.

In base al periodo di affumicatura si ottengono le tre diverse tipologie di aringa affumicata:

SILVER (affumicata per non più di 12 ore) GOLDEN (affumicata per 3 giorni) HARD CURE (affumicata dai 10 ai 12 giorni)

Infine le aringhe vengono confezionate in scatole di legno o sottovuoto. Ovviamente il processo di affumicatura dell'aringa influisce in maniera evidente sulle sue caratteristiche nutritive.

Caratteristiche nutritive dell'aringa

In Italia l'aringa non è uno dei pesci più largamente consumati, derivando, appunto, da una tradizione tutt'altro che italiana, ma ovviamente è facilmente reperibile sia nella grande distribuzione che dal pescivendolo di fiducia, soprattutto nella versione affumicata.

Purtroppo le aringhe che arrivano in Italia sono molto salate e difficilmente possono essere consumate tal quali, vanno prima dissalate ma la carne rimane comunque un po' troppo secca e il gusto ne risente. Spostandosi già solo in Austria o in Germania, si trovano aringhe affumicate morbide, giustamente salate, che si possono mangiare così come sono, basta ricavarne i filetti in modo molto semplice, e sono deliziose.

 

Dal punto di vista nutrizionale l'aringa rientra nella categoria dei pesci grassi e più calorici con le sue 185 kcal/hg. A differenza di altri pesci contiene una buona percentuale di grassi polinsaturi, tra cui gli omega 3 benefici per il cuore .

Il discorso cambia se consideriamo invece l'aringa affumicata: il quantitativo di grassi cala a 12,7 g perch?© il grasso cola durante l'affumicatura a caldo, le proteine aumentano e le calorie rimangono pressoch?© invariate.

L'aringa in cucina

L'aringa è un'ottima fonte di omega 3 e quindi è consigliata come alternativa agli altri tipi di pesce azzurro.

L'aringa fresca è ottima cruda con le cipolle, un cibo da strada molto tradizionale in Olanda.

Molto tradizionale nei paesi nordici è l'aringa marinata, con cipolle, aceto e spezie, purtroppo in Italia non arrivano prodotti di qualità, e spesso contengono conservanti e altri additivi nocivi.

L'aringa affumicata si sposa molto bene con le cipolle, le patate, il cavolfiore o la barbabietola rossa e c'è chi la condisce in insalata con agrumi come l'arancia e il pompelmo.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Emulsionanti

Gli emulsionanti sono additivi utilizzati principalmente per stabilizzare nel tempo alimenti che contengono grassi, e prodotti da forno come colombe e panettoni.


Additivi miglioratori della farina

Gli additivi o miglioratori della farina sono sostanze in grado di accelerare la maturazione della farina al fine di renderla maggiormente adatta alla panificazione.


Polifosfati

I polifosfati sono additivi utilizzati in svariati alimenti, spesso a sproposito, e hanno una certa criticità dal punto di vista degli effetti sulla salute.


Addensanti (additivi alimentari)

Gli addensanti sono additivi alimentari utilizzati per assicurare agli alimenti determinate caratteristiche fisiche, come aspetto, consistenza, stabilità nel tempo.

 


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.