Boga

La boga o boba è un pesce d'acqua salata appartenente alla famiglia delle Sparidae, come i saraghi e il dentice.

Il suo nome etimologicamente significa "occhio di bue", dato il suo occhio molto grande rispetto al muso, ed il termine scientifico usato per indicarla è boops boops.

La boga ha un corpo allungato e una colorazione che va dal verde argentato del dorso al bianco del ventre, possiede, inoltre, delle sfumature dorate sui fianchi. Gli esemplari giovani di boga sono color rosa salmone. Le sue pinne sono composte da raggi simili ad aculei che sono di color bruno-rossastro. È un pesce piccolo, normalmente sui 20 cm, ma può raggiungere fino a 40 cm di lunghezza e pesa circa mezzo chilo. L'età massima raggiungibile dalla boga è di 15 anni.

Riproduzione della boga

La boga è una specie ermafrodita proterogina: tutti gli esemplari nascono femmine e invecchiando si trasformano in maschi. È il processo inverso a quello che avviene per la mormora. Depone le uova tra febbraio e maggio, e sono uova molto piccole, di diametro inferiore al millimetro, che galleggiano sull'acqua.

Dove vive la boga

Boga

La Boga è un pesce molto diffuso nell'Oceano Atlantico orientale, dal golfo di Biscaglia alle coste dell'Angola, nel Mar Mediterraneo e nel Mar Nero. Vive a basse profondità, è facile incontrarla tra i due e i trenta metri. In età adulta non si spinge oltre i 250 metri di profondità. Preferisce fondali ricchi di vegetazione, dato che si nutre di vegetali, oltre che di plancton e piccoli crostacei, ma abita anche fondali sabbiosi.

La pesca della boga

La boga viene pescata soprattutto dai pescatori sportivi, dato che abbocca facilmente all'amo e dato che le sue carni non hanno un grande valore commerciale. Professionalmente, comunque, viene catturata con reti da posta, con lampare, con reti a strascico, con reti pelagiche, con palamiti o con nasse. In Italia la sua pesca è diffusa principalmente in Sicilia. La stessa boga viene usata anche come esca per pesci più grandi.

Il consumo della boga

 

 

La boga appartiene a quella categoria di pesci cosiddetti "poveri", le sue carni sono discrete, ma non molto apprezzate dal mercato e vanno consumate entro poche ore dalla cattura altrimenti l'intestino va facilmente in putrefazione e conferisce alla boga un cattivo odore.

E' un pesce usato nella cucina tradizionale siciliana, cucinato principalmente al vino bianco o al passito di Pantelleria e spesso abbinato all'uva sultanina.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

 


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.