Cernia

La cernia è un pesce di acqua salata appartenente alla famiglia delle Serranidee, sottofamiglia Epinephelinae. La cernia è un pesce che vive ad elevate profondità (dai 10 ai 400 metri), preferisce le scogliere, ha grandi dimensioni (può arrivare a più di un metro di lunghezza e a 50-60 kg di peso) ed è considerato uno dei più pregiati del Mediterraneo assieme al tonno.

Esistono 12 sottospecie di cernia, tra le quali la più diffusa in Italia è la cernia comune (vedi foto in basso) con manto grigio e maculato, ma ce ne sono anche di altri colori (bruna, nera, rossa o bianca). 

Caratteristiche della cernia

La cernia è un pesce robusto e possente, possiede il tipico corpo compatto e l'imponente testa dei pesci teleostei. La mascella inferiore è prominente rispetto a quella superiore, le labbra carnose e i denti sono lunghi e aguzzi e sono disposti su entrambe le mascelle. La pinna dorsale è lunga e divisa in due parti: la parte anteriore è dotata di robuste ed acuminate spine, la posteriore ha raggi molli. Le pinne pettorali sono larghe e la pinna caudale è arrotondata. La pinna anale è poco evidente.

Il dorso è bruno, i fianchi sono leggermente chiari e il ventre è giallastro, come la parte esterna delle labbra. Capo, dorso e fianchi sono marezzati di giallo, di bianco o di arancione, a seconda degli esemplari. Le pinne sono scure e hanno il margine più chiaro. In realtà la colorazione di questi pesci varia moltissimo in funzione dell’habitat in cui vivono. La Cernia è infatti dotata di un mimetismo accezionale ed il suo colore può assumere tonalità verdi se il fondale dove abita ha molte alghe, oppure quasi nero se frequenta grandi antri, o addirittura bianco se si trova sulla sabbia.

Cernia

Si riproduce in estate ed è carnivora, si nutre di piccoli pesci, di crostacei e di molluschi che cattura inspirando l'acqua come un'idrovora.

La cernia in cucina

La cernia è un pesce molto importante sotto il punto di vista della gastronomia, tanto che negli ultimi tempi si è iniziato ad allevare per soddisfare la richiesta del mercato. 
Nelle pescherie si trovano solitamente cernie di piccole dimensioni (3-10 kg), sufficienti per una cena di 2-4 persone.

Il miglior modo per gustarla è al forno, oppure in umido o scottata in padella e usata come condimento per la pasta. Le sue lische sono indicate per fare un brodetto o un fumetto di pesce. 

 

 

Dal momento dell'acquisto la cernia si conserva un paio di giorni in frigorifero e massimo 2 mesi in congelatore.

La pesca della cernia

La cernia viene pescata sia dalla barca con traina, soprattutto in Sicilia e in Calabria, che con tecniche di pesca subacquea, è uno dei pesci più ambiti dagli sportivi poiché vive rintanata a stretto contatto con il fondo e riesce a mimettizarsi bene. La pesca alla cernia viene solitamente effettuata in tana, la difficoltà sta nel raggiungere le grandi profondità alle quali trovare gli esemplari di grandi dimensioni (in genere oltre i 20 metri).

Come esche vengono di solito usati seppie o calamarri morti, prede molto gradite alla cernia.
Le ore migliori per la pesca alla cernia sono l'alba e il tramonto.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.