Mazzancolla

Le mazzancolle sono crostacei decapodi della famiglia delle Penaeidi il cui nome scientifico è Penaeus kerathurus.

Le mazzancolle sono molto simili ai gamberi, con i quali vengono spesso confuse, anche se hanno dimensioni più grandi (più o meno 20 cm di lunghezza per 100 grammi di peso), una coppia di antenne più lunghe, zampe anteriori più lunghe e la parte addominale racchiusa da placche più rigide e resistenti. Inoltre, la testa presenta la parte superiore seghettata e gli occhi sono più sporgenti.

Le mazzancolle sono tipiche dei nostri mari, a differenza del gambero che si trova un po' in tutto il mondo, ed in particolar modo del Mar Mediterraneo. Vivono nelle acque costiere, sepolte nei fondali sabbiosi dai 5 fino ai 100 metri di profondità. Escono esclusivamente di notte per nutrirsi di vermi e altri invertebrati.

Raggiungono la maturità nei mesi tra giugno e luglio ed è in questo periodo che le femmine depongono le uove (circa un milione di uova per ogni esemplare) preferibilmente vicino alla foce dei fiumi, dove l'acqua è meno salata.

Dopo solo 20 giorni i piccoli di mazzancolla hanno già raggiunto i 6 cm (quanto un gamberetto maturo per intenderci).

Mazzancolle

Esiste una specie di mazzancolla che viene allevata in Giappone dagli anni Trenta, la Penaeus japonicus, e che viene spesso importata anche sui nostri mercati.

In commercio troviamo la mazzancolla fresca, riconoscibile dal colore grigio brillante e dalla consistenza morbida delle carni quasi impalpabile, oppure surgelata o decongelata.

La pesca delle mazzancolle viene effettuata con reti a strascico.

Caratteristiche delle mazzancolle

Le mazzancolle hanno una carne pregiata, caratterizzata da un sapore delicato e da un profumo e un aroma fini e gradevoli.

Come i gamberi e tutti i crostacei, sono un alimento proteico e a basso contenuto di grassi (100 kcal/hg). Sono, inoltre, ricche di fosforo, calcio, ferro e vitamina B1.

 

 

 

Il loro contenuto di colesterolo è, invece, di 150 mg per 100 g.

In cucina vengono utilizzate spesso in sostituzione dei gamberi, quindi si prestano a tutti quei piatti dove tradizionalmente sono previsti i gamberi, insalata di mare, spaghetti ai frutti di mare, risotti, zuppe di pesce etc.. Quando sono freschissime sono ottime crude.

Inoltre, le mazzancolle possono essere cucinate al forno, sotto sale, fritte o saltate in padella con le verdure.

Uno dei classici abbinamenti delle mazzancolle è con la pancetta: ogni mazzancolla viene avvolta con una fettina sottile di pancetta e poi cotta in padella con l'olio. 

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Lime o limetta

Lime o limetta, un frutto che sopravvive solo nei climi tropicali.


Lamponi

Lamponi: i frutti di bosco che maturano a fine estate spesso impiegati in pasticceria.


Kiwi

Il kiwi, uno dei frutti più ricchi di vitamina C, è molto coltivato in Nuova Zelanda.


Bacche di Goji

Bacche di Goji, un frutto spesso erroneamente considerato miracoloso.

 


Zuccheri semplici

Gli zuccheri semplici sono i carboidrati più importanti, vengono classificati in monosaccaridi e disaccaridi.


Olio di palma: fa male?

L'olio di palma fa davvero male? Scopriamo la verità scientifica su questo olio così diffuso e ingiustamente denigrato.


Pesticidi negli alimenti: dove si trovano e come evitarli

I pesticidi sono sostanze medicinali che permettono una crescita sana delle piante, ma si possono trovare anche negli alimenti che mangiamo.


Fragole

Le fragole coltivate e le fragole di bosco: varietà e qualità nutrizionali.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.