Nasello

Valori nutrizionali del nasello

Il nasello è un pesce d'acqua salata appartenente alla famiglia delle Merlucciidae, il cui nome scientifico è Merluccius merluccius. Quest'assonanza di nomi ha portato spesso, erroneamente, a confondere il nasello con il merluzzo, ma si tratta di due pesci diversi.

Il merluzzo, infatti, appartiene alla specie Gadus morhua, è generalmente di dimensioni più grandi del nasello, corpo più tozzo ed ha tre pinne dorsali separate, mentre il nasello ha un corpo affusolato e tre pinne dorsali ma di cui le ultime due unite.

Il nome scientifico Merluccius deriva dal termine con cui il nasello veniva chiamato nel Medioevo: Maris Lucius, cioè "luccio di mare", per la sua somiglianza con il luccio.

Il nasello ha un corpo allungato e snello, ricoperto di piccole squame, il muso a punta, la bocca e gli occhi grandi, la testa lunga e appiattita. Presenta su entrambe le mascelle varie serie di piccoli denti appuntiti. La sua colorazione è grigio-acciaio sul dorso, più chiara sui fianchi, e bianco-argentea sul ventre. Arriva ad una lunghezza massima di 100-110 cm e ad un peso massimo di 15 Kg.

Zona di diffusione del nasello

Nasello

Il nasello si trova nel mar Mediterraneo, nel sud del mar Nero e nell'Oceano Atlantico orientale lungo le coste dall'Islanda alla Mauritania. E' presente in tutti i mari italiani, dove vive a profondità variabili da 70 a 1000 m. La sua distribuzione batimetrica dipende molto dall'età e dal tipo di alimentazione, i pesci più giovani preferiscono le zone costiere, gli esemplari adulti, invece, possono essere trovati nei fondali più profondi. Di norma, predilige i fondali di tipo sabbioso o melmoso. Il nasello è una specie longeva che può raggiungere anche i 20 anni di età e più di un metro di lunghezza.

 

 

Pesca del nasello

Il nasello è la più importante specie commerciale del Mediterraneo. Viene pescato con reti da traino, reti a strascico e palamiti. La pesca degli esemplari giovani, al di sotto dei 20cm di lunghezza, è vietata, ma viene comunque praticata di contrabbando perché questi pesciolini sono molto richiesti dal mercato, soprattutto italiano, in quanto utilizzati per la caratteristica frittura di paranza. Il nasello è reperibile durante tutto l'anno.

Guida alla scelta e caratteristiche nutritive del nasello

Il nasello ha carni bianche e delicate, facilmente digeribili e si può trovare sul mercato sia fresco che congelato. Il consumo da fresco offre più garanzie rispetto all'origine: per esempio esiste una specie africana senegalese di nasello molto simile al nostrano ma venduta di solito congelata.

Sia il fatto che sia fresco o congelato, sia la provenienza, è un dato obbligatorio che il commerciante deve esporre, dunque quando non esposto chiedete sempre.

Un nasello fresco si riconosce quando le sue scaglie sono argentate, l'occhio vivo e la carne soda (se lo si tocca con un dito non rimane la conca del polpastrello). È ricco di potassio, fosforo, cloro, e come tutti i pesci magri non è una fonte particolamente interessante di omega 3.

Il nasello in cucina

Di solito viene cucinato lesso e condito con olio, limone e prezzemolo, ma può essere anche cucinato arrosto, grigliato o, se piccolo, fritto nella classica frittura di paranza.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..


Micotossine dell'ergotismo

Tra le manifestazioni più importanti di intossicazioni da micotossine troviamo senz'altro l'ergotismo, patologia causata dalla farina di segale contaminata dalla muffa Claviceps purpurea.

 


Micotossine

Le micotossine sono sostanze tossiche, spesso cancerogene, prodotte dalle muffe che facilmente contaminano le derrate alimentari.


Aflatossine

Le aflatossine sono micotossine (cioè tossine prodotte da funghi) cancerogene che si producono abbastanza facilmente nei cereali, nella frutta secca e in altri alimenti di uso comune.


Latte di bufala

Il latte di capra è più adatto alla produzione di formaggi freschi o poco stagionati, poiché non resiste alle alte temperature.


Salumi ed insaccati

In questa pagina trovi una descrizione dei salumi e degli insaccati, un elenco dettagliato dei salumi tradizionali italiani, e di alcuni salumi internazionali.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.