Ombrina

L'ombrina (umbrina cirrosa) è un pesce d'acqua salata della famiglia Sciaenidae. Ha il ventre piatto e il dorso arcuato in una specie di gobba, la testa massiccia, la bocca piccola con il labbro superiore sporgente ed un caratteristico barbiglio sotto il mento.
La livrea dell'ombrina è argentea con striature blu e gialle e le pinne sono gialle. Di solito misura dai 30 ai 70 centimetri ed eccezionalmente può raggiungere il metro di lunghezza. Il peso varia da uno a dodici chili massimo. Recentemente, a maggio del 2011 è stato raggiunto il record di pesca all'ombrina: nel Mar di Marmara, in Turchia, è stato pescato un esemplare di 1,96 metri di lunghezza e 74 Kg di peso.

Zone di diffusione dell'ombrina

Ombrina

L'ombrina è una specie molto diffusa nel Mar Mediterraneo ed è presente anche nell'Oceano Atlantico. nel Mar Nero, nel Mar di Marmara e, attraverso il canale di Suez, è penetrata anche nel Mar Rosso. Vive a medie profondità in fondali sabbiosi e melmosi, dato che si ciba di invertebrati che cattura grufolando nella sabbia. Ama anche stazionare alla foce dei fiumi, in acque salmastre, soprattutto in giovane età.

La pesca e l'allevamento dell'ombrina

Data la prelibatezza delle sue carni e l'ingente richiesta del mercato, l'ombrina viene catturata con tanti metodi diversi sia di pesca sportiva che commerciale, principalmente con reti a strascico e attrezzi da posta, quali nasse e tramagli, o con il surf casting o con la semplice lenza. Attualmente è diventato un pesce abbastanza raro proprio a causa della sovrapesca ma in Italia sono corsi ai ripari attraverso l'acquacoltura, a cui l'ombrina si sta adattando molto bene.

L'allevamento dell'ombrina oggi conta qualche decina di migliaia di esemplari ma è un settore che promette bene e avrà ampi sviluppi garantendo quindi la reperibilità dell'ombrina ogni mese dell'anno.

 

 

Uso dell'ombrina in cucina

Le carni dell'ombrina sono considerate tra le più pregiate dei pesci del Mediterraneo.
Hanno un sapore delicato e si prestano molto bene a svariate preparazioni, si può gustare bollita, in guazzetto, alla griglia, in crosta di sale, in crosta di patate, ai carciofi, ai funghi, etc.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.

 


Le differenze tra l'astice e l'aragosta

Le differenze tra l'astice e l'aragosta: può sembrare banale ma sono le chele dell'astice a fare la differenza!


Aragosta - Cucinare l'aragosta

L'Aragosta, il più nobile dei crostacei è anche il più costoso.


Astice

L'Astice, il secondo crostaceo più pregiato dopo l'aragosta, si trova in tutto il Mediterraneo, nell'Oceano Atlantico e nel Mar Adriatico.


Indice di sazietà degli alimenti

Il potere saziante dei cibi è una variabile fondamentale per controllare lo stimolo della fame.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.