Smeriglio

Lo smeriglio, scientificamente conosciuto come Lamna nasus, è uno dei pesci più piccoli della famiglia dei Lamnidi, un ordine di squali, molto simile allo squalo bianco.

Ha un corpo fusiforme più ingrossato al centro e molto massiccio tanto che viene anche chiamato "vitello di mare", un muso appuntito e una grande bocca posizionata ventralmente.
La sua pinna dorsale è a forma triangolare e posta al centro del dorso, la pinna caudale, invece, forma una mezzaluna. Il suo occhio è privo di membrana.
Il colore varia dal grigio-azzurro al marrone sulla parte dorsale mentre rimane biancastro sulla parte ventrale. Alcune specie di smeriglio possiedono, inoltre, delle macchie bianche su tutto il corpo.
Lo smeriglio arriva a lunghezze di 3,5-4 metri e ad un peso intorno ai 500 kg.

La termoregolazione dello smeriglio

Smeriglio

Lo smeriglio è un pesce "a sangue caldo", possiede, cioè, la capacità di convertire la forza muscolare in calore. È un grande nuotatore, sia perché per riuscire a respirare deve nuotare costantemente, sia perché attraverso l'attività fisica riscalda il sangue, ottenendo una temperatura anche di una decina di gradi superiore a quella dell'ambiente esterno, motivo per cui predilige le acque fredde, in genere a temperature inferiori ai 10°C .

Zone di diffusione dello smeriglio

Lo smeriglio è diffuso in tutti i mari freddi, sia dell'emisfero boreale che australe, e vive fino a profondità di 370 metri. È una specie che si può incontrare anche nel Mediterraneo e nell'Adriatico, anche se raramente, si contano poco più di una dozzina fra catture e avvistamenti negli ultimi anni. Lo smeriglio, come tutti gli squali, è considerato una specie vulnerabile dalla lista rossa dello IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura).

 

 

Lo smeriglio in cucina

In Italia lo smeriglio si trova in commercio quasi sempre congelato o essiccato poiché viene pescato principalmente nei mari del nord. Viene venduto solitamente a fette e le sue carni sono tenere di discreto sapore, molto più simile alla carne bianca che al pesce, inoltre, è un pesce privo di lische.
Va cucinato alla griglia a mo' di bistecca, o al forno.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

 


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.