Storione

Gli storioni sono pesci molto antichi, il cui aspetto deve essere molto simile a quello dei primi pesci ossei primitivi, attualmente sono talmente rari da essere considerati dei veri e propri fossili viventi. Esistono numerose specie di storione: lo storione beluga, lo storione bianco, lo storione cobice, lo storione pallido, lo storione russo, lo storione stellato... E lo storione comune, il più diffuso nel mar Mediterraneo, quello di cui andrò a trattare in questo articolo.

Lo storione comune

L' acipenser sturio, noto volgarmente come storione comune, è il più grande pesce d'acqua dolce e salmastra diffuso in Europa. La sua forma ricorda quella dello squalo anche se appare meno slanciato e meno aggraziato nei movimenti.

Lo storione ha un muso allungato, di una lunghezza pari a quasi la metà del corpo, una bocca priva di denti ma tubiforme e protrattile che si ciba delle prede aspirandole, e possiede 4 barbigli sul mento. Sul corpo sono presenti numerosi scudi, sia sul ventre che sul dorso, che ai lati. Le sue pinne sono dotate di raggi alcuni dei quali ossei. La livrea dello storione è bruna, grigia o verdastra sul dorso e più chiara ai lati e sul ventre.

Abitudini dello storione

Lo storione passa la vita nella parte di mare vicino alle lagune o agli estuari, risalendo il corso dei fiumi quando si avvicina il periodo della riproduzione che avviene sempre in acque dolci. Lo storione compie delle migrazioni di più di mille chilometri, e nei mesi da aprile a luglio penetra nei fiumi dove la femmina depone oltre 2 milioni di uova di colore nerastro sul fondo. I giovani appena nati in autunno ritornano verso il mare, mentre gli adulti lo fanno subito dopo aver deposto le uova.

 

 

Zone di diffusione dello storione

Lo storione è diffuso nell'Oceano Atlantico orientale e nel mar Mediterraneo. Vive in acque costiere poco profonde, fino ad un massimo di 150 metri, e predilige i fondali sabbiosi. Quando risale i fiumi, invece, preferisce fondali melmosi e correnti lente. In Italia lo storione è una specie autoctona, che fino alla fine dell'Ottocento era molto abbondante soprattutto nel mar Adriatico e nel Po e nel Golfo di Palermo e nel fiume siciliano Oreto. Attualmente è quasi del tutto scomparso, ne è stata tuttavia segnalata una scarsa presenza in tutti i principali immissari del mar Adriatico e del mar Tirreno.

Pericolo di estinzione per lo storione

Storione

Due fattori principali hanno fatto sì che lo storione sia attualmente una specie fortemente a rischio di estinzione: il crescente inquinamento dei fiumi e l'eccessiva sovrapesca, dovuta in parte all'elevata qualità delle carni dello storione, ma soprattutto al fatto che dalle sue uova si ricava il pregiato caviale.

La lista rossa dello IUCN [http://www.iucnredlist.org/] lo definisce critically endangered, il passo immediatamente precedente al rischio d'estinzione.

La pesca e l'allevamento dello storione

Dato il pericolo d'estinzione di questa specie, lo storione in Italia è stato definito specie protetta e la sua pesca è severamente vietata a meno che non si soddisfino certe condizioni: che l'esemplare abbia superato il metro di lunghezza e che stia nuotando nei fiumi lombardi. In passato, invece, la sua cattura avveniva con reti a strascico. Sempre in Lombardia si è iniziato da qualche anno ad allevare lo storione, anche se la specie scelta non è l'acipenser sturio, bensì lo storione bianco, proveniente dal Nord America.

Il consumo di storione

Lo storione, che difficilmente troveremo fresco sul bancone del pesce, proviene principalmente dagli allevamenti lombardi. Viene commercializzato sia al naturale che affumicato e venduto a tranci. Le sue carni sono molto prelibate, bianche e ricche di omega 3 e di proteine. Le preparazioni più adatte allo storione sono simili a quelle con cui si cucina il tonno: alla brace o in padella, ma è ottimo anche stufato. Per ulteriori approfondimenti sullo storione rimando alla pagina del caviale.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

 


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.