Triglia

La famiglia dei Mullidae comprende numerose specie di pesci di mare diffusi in tutti gli oceani nelle acque calde e temperate, che in italiano prendono il nome di triglie.

La triglia ha un aspetto caratteristico: un corpo allungato ed affusolato, una fronte ripida, gli occhi grandi, due pinne dorsali ben separate e pinna caudale forcuta e soprattutto il suo tratto più peculiare sono i due vistosi barbigli sotto il mento.

La colorazione della livrea della triglia varia dal rosso bruno al giallo oro. Di norma è un pesce piccolo, comune tra i 15 ed i 25 cm, ma più raggiungere anche i 40 cm.

Zone di diffusione della triglia

La triglia è diffusa nel mar Mediterraneo e nell'Oceano Atlantico orientale. Vive nelle acque vicine alla costa a profondità medie, massimo fino ai 300 metri, e predilige i fondali sabbiosi, fangosi o rocciosi. Nei mari italiani sono presenti due specie di questa famiglia: la triglia di scoglio e la triglia di fango.

Triglia

Triglia di scoglio e triglia di fango

La triglia di scoglio (Mullus surmuletus) è la specie più pregiata, ha un muso appuntito e un colore rosso vivo con una macchia dorata sulla prima pinna dorsale e vive, come si deduce dal nome, in prossimità di fondali rocciosi.

La triglia di fango o di sabbia (Mullus barbatus), invece, ha un valore nettamente inferiore alla triglia di scoglio, un colore giallo con marezzature rosse e predilige i fondali sabbiosi o fangosi.

Tecniche di pesca della triglia

La triglia viene pescata con reti radenti, tremagli e reti a strascico, in particolare quella di scoglio viene catturata in Sicilia e in Sardegna, mentre quella di fango nell'Adriatico.

 

 

Il consumo della triglia

Le carni della triglia sono ottime, anche se molto liscose e difficili da pulire, motivo per cui fin dall'antichità non è ben accetta da tutti. Viene commercializzata fresca o congelata. Si presta a numerose preparazioni: se l'esemplare è piccolo di solito viene usata per comporre il fritto misto, altrimenti è usata per impreziosire zuppe e brodetti, oppure cucinata alla griglia o al cartoccio.

Dal momento che la carne della triglia è molto delicata non bisogna eccedere con cotture laboriose o con l'uso di spezie e di erbe aromatiche che, invece di esaltarle, coprono il pregio delle qualità organolettiche delle sue carni.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..


Micotossine dell'ergotismo

Tra le manifestazioni più importanti di intossicazioni da micotossine troviamo senz'altro l'ergotismo, patologia causata dalla farina di segale contaminata dalla muffa Claviceps purpurea.

 


Micotossine

Le micotossine sono sostanze tossiche, spesso cancerogene, prodotte dalle muffe che facilmente contaminano le derrate alimentari.


Aflatossine

Le aflatossine sono micotossine (cioè tossine prodotte da funghi) cancerogene che si producono abbastanza facilmente nei cereali, nella frutta secca e in altri alimenti di uso comune.


Latte di bufala

Il latte di capra è più adatto alla produzione di formaggi freschi o poco stagionati, poiché non resiste alle alte temperature.


Salumi ed insaccati

In questa pagina trovi una descrizione dei salumi e degli insaccati, un elenco dettagliato dei salumi tradizionali italiani, e di alcuni salumi internazionali.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.