La trota

La trota è un pesce di acqua dolce molto comune in Italia. Esistono molte specie di trota. Purtroppo quelle autoctone europee, il cui habitat sono i torrenti di montagna con acque correnti, sono state soppiantate nell'allevamento, ma ormai anche negli stessi torrenti, dalla più adattabili trota di origine americana, la trota iridea.

Trota iridea

La trota iridea è anche chiamata "trota americana" a causa delle sue origini, "trota arcobaleno" o "trota Iridea" per la sua caratteristica livrea ad arcobaleno o iride.

Trota iridea

Originaria del Nord America, la trota iridea è stata introdotta nelle nostre acque e quelle europee verso la fine del secolo scorso. A causa delle diverse condizioni dell'ambiente, è raramente in grado di riprodursi in modo autonomo: l'immissione in acque libere dette ovunque risultati deludenti, ma la più facile possibilità di allevarla artificialmente dette poi il via ad una vera e propria industria di allevamento della trota, sia per ripopolare i corsi d’acqua, sia per incrementare un mercato ittico in continua espansione. Attualmente quasi il 90% degli impianti di acquacoltura è riservato alle trote. La qualità degli esemplari allevati dipende essenzialmente dal tipo di mangime impiegato e dal vivere in acque con forti correnti fredde (naturalmente artificiali), che danno al pesce allevato una sodezza delle carni paragonabile a quella delle trote di torrente. La trota salmonata è una normale trota di allevamento soggetta a un regime alimentare particolare che rende le carni più rosee.

 

 

Trota fario e salmerino

Trota fario

La trota fario è un salmonide indigeno delle nostre acque montane.

Tra tutti i salmonidi è il più apprezzato e pescato dai pescatori, quello forse anche più adattabile tant'è vero che lo si può trovare da oltre 2000 ms.l.m ad altezza zero del mare.

Il salmerino alpino e una specie autoctona delle nostre acque d’alta montagna delle Alpi centrorientali, dove tende a formare comunità ittiche con la sanguinerola, la quale costituisce anche la sua fonte alimentare primaria. È simile alla trota sebbene il corpo nel complesso sia più tondeggiante con testa più massiccia. Il salmerino ha in alcune zone un interesse culinario particolare: quello del parco del Corno alle Scale, in provincia di Bologna, è diventato un presidio Slow Food.

Trota marmorata e trota lacustre

Trota marmorata

La trota marmorata (Salmo Trutta Marmoratus) è il maggiore dei salmonidi italiani, in quanto è in grado di raggiungere e superare i 10 kg e il metro di lunghezza.

Si riproduce naturalmente nelle nostre acque e può raggiungere oltre un metro di lunghezza e un peso di venti chili, come hanno dimostrato catture effettuate nel Ticino.

La trota di lago (Salmo Trutta Lacustris) raggiunge le massime dimensioni fra tutti i salmonidi delle nostre acque interne, è simile nella sua conformazione alla trota fario.

D'indole solitaria, è meno esigente delle altre trote in fatto d'ossigeno, predilige le coste verticali rocciose, cosparse di anfratti e tane subacquee dove trova rifugio. Non si avvicina mai alla riva e difficilmente sale in superficie, staziona oltre i 50 metri di profondità nei laghi prealpini dell’Italia del Nord.

Trota lacustre

Come scegliere e conservare la trota

La trota è un pesce a buon mercato grazie alla facilità di allevamento, inoltre vive solo in acque pulite, e questo garantisce il consumatore rispetto alle condizioni di allevamento, che non possono essere troppo spinte e avvenire in acque non pulite (non a caso, gli allevamenti sono concentrati nelle zone montane).

Caratteristiche nutritive della trota

La trota è un pesce mediamente grasso e quella di allevamento, rispetto a quella selvatica, contiene più grassi e più omega 3, dunque rappresenta una buona alternativa a pesci più ricchi di questi grassi, come il salmone e lo sgombro. Per assumere una sufficiente quantità di omega 3 si consiglia di mangiare anche la pelle, più ricca di grassi, avendo cura di non sottoporla a cotture a temperatura troppo elevata, come in forno a più di 150 gradi.

La pesca della trota

La trota è un pesce molto ambito dai pescatori sportivi, che la pescano in lago o in torrente. Molto suggestiva la tecnica "a mosca", praticata nei torrenti di montagna per catturare la trota.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

 


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.