Semi di papavero

I semi di papavero appartengono alla pianta Papaver nelle due varietà Papaver nigrumPapaver setigerum, diffuse in tutto il bacino mediterraneo, nell'Europa dell'Est e nel medio oriente. Le piante dalle quali si ricavano i semi di papavero non sono la stessa che vediamo crescere spontanea nei campi e nelle campagne italiane, il Papaver rhoeas, dai petali di un colore rosso acceso, ma altre varietà dette papavero da semi o papavero da seta, coltivate proprio in virtù delle potenzialità alimentari dei loro semi dai quali si estrae l'olio.

Il Papaver nigrum ha petali di colore viola scuro (come nella foto più in basso), mentre il Papaver setigerum ha petali bianchi o viola macchiati di bianco. I semi di papavero sono di colore nero o blu, di forma rotonda e di piccolissime dimensioni. Generalmente, prima del consumo, i semi di papavero vengono essiccati e tostati.

Esiste, inoltre, un'altra varietà di papavero, il Papaver somniferum, da cui si ricava l'oppio, usato nella produzione di stupefacenti come l'eroina e farmaci come la morfina, ma i semi di papavero venduti per scopi alimentari non contengono i principi farmacologici dell'oppio.

Storia gastronomica dei semi di papavero

Semi Papavero

I semi di papavero vengono utilizzati in gastronomia fin dall'antichità. I Romani, ad esempio, attribuivano loro proprietà afrodisiache e ne facevano un grande uso, spesso mescolati al miele, per creare torte, bevande e liquori corroboranti.

Ma furono i Galli i primi a produrre l'olio dei semi di papavero e a diffonderlo in tutta Europa.

Attualmente semi di papavero e olio di semi di papavero non sono molto utilizzati in Italia, fatta eccezione per alcuni prodotti da forno (i semi, infatti, vengono spesso usati per guarnire superficialmente panini, grissini, croissant e quant'altro) e per alcune ricette del Trentino Ato Adige come lo strudel di mele o i pretzel.

 

 

Si abbinano bene, inoltre alle insalate e agli agrumi, più per un effetto cromatico che di aromi, il loro sapore, infatti, è decisamente amarognolo.

I semi di papavero vengono utilizzati anche nella cucina indiana, sono una delle spezie usate per comporre il curry

I semi di papavero appartengono alla categoria dei semi oleosi, come quelli di lino, di girasole, di chia, di zucca e di sesamo, e in quanto tali sono una fonte di acido linoleico (omega 6), di vitamine e sali minerali.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

 


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.