Semi di zucca

I semi di zucca sono i semi che si trovano all'interno della zucca, con buccia di colore avorio e seme interno di colore verde scuro, forma ovale con punta conica. 

Generalmente i semi di zucca vengono venduti tostati e salati, nella cosiddetta simenza o pepita, da consumare come snack, oppure nei negozi di erboristeria e di alimentazione biologica si possono trovare anche i semi di zucca al naturale, senza buccia, da utilizzare in cucina per arricchire insalate, risotti, yogurt o i cereali della mattina o anche nell'impasto del pane e di alcune torte.

Con i semi di zucca si prepara anche il croccante, un dolce tipico italiano composto da zucchero caramellato e frutta secca.

Avendo un sapore abbastanza neutro, possono essere tranquillamente impiegati sia per preparazioni dolci che salate.

Proprietà nutritive dei semi di zucca

Semi zucca

Come tutti semi, di sesamo, di lino ecc..., i semi di zucca vantano una lunga serie di benefici per l'organismo umano, se non altro perché apportatori di grassi essenziali omega 3 (vedi articolo sui grassi EFA) e andrebbero inseriti in una dieta giornaliera.

Tra le loro proprietà si annoverano: effetto vermifugo conosciuto fin dall'antichità, proprietà anti-infiammatorie contro le cistiti, aiutano a riposare bene la notte in quanto contengono triptofano (un amminoacido precursore della melatonina), azione protettiva nei confronti della prostata, regolatori del livello di colesterolo, essendo ricchi di fibre favoriscono il transito intestinale, prevengono artrite e osteoporosi.

Come tostare i semi di zucca nel forno di casa

 

 

Quando si acquista una zucca intera, si può approfittare per tenere da parte i semi e per tostarli in forno.

Basta pulirli dalle pellicine della zucca, sciacquarli e lasciarli essiccare per almeno 24 ore fuori dalla finestra (se non è troppo umido) o in alternativa nel forno spento ma con la luce accesa.

Successivamente si trasferiscono in una teglia con carta da forno, si salano, si pepano (facoltativo) e poi si cuociono a 180°C per circa 15 minuti ed eccoli pronti da sgranocchiare.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Additivi miglioratori della farina

Gli additivi o miglioratori della farina sono sostanze in grado di accelerare la maturazione della farina al fine di renderla maggiormente adatta alla panificazione.


Polifosfati

I polifosfati sono additivi utilizzati in svariati alimenti, spesso a sproposito, e hanno una certa criticità dal punto di vista degli effetti sulla salute.


Addensanti (additivi alimentari)

Gli addensanti sono additivi alimentari utilizzati per assicurare agli alimenti determinate caratteristiche fisiche, come aspetto, consistenza, stabilità nel tempo.


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.

 


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.