Gentilina

Calorie e valori nutrizionali

L'insalata gentile, o gentilina, è un ortaggio a foglia della famiglia delle Compositae. Si tratta di una varietà di lattuga, la cui caratteristica è quella di avere foglie ondulate, di colore verde intenso oppure rossicce, particolarmente dolci e croccanti. La gentilina ha un cespo di forma leggermente allungata, aperto e voluminoso, di colore verde brillante e foglie leggermente increspate, con punte frastagliate, croccanti. Il suo peso varia dai 300 ai 400 grammi per cespo.

La colorazione della gentilina può essere verde o rossa (quest'ultima detta anche "foglia di quercia").

È una pianta molto forte e resistente adatta a raccolte estive, i mesi migliori per consumarla sono giugno, luglio, agosto, anche se la troviamo anche in primavera ed in autunno.

Gentilina

L'uso della gentilina in cucina

Della gentilina si mangiano le foglie, solitamente crude anche se possono essere consumate anche cotte, bollite per 5-7 minuti. Viene usata come contorno e come guarnizione per piatti a base di carne e pesce; oppure da sola, accompagnata con altre verdure o da erbe aromatiche.

Va conservata in frigorifero dove si mantiene per uno o due giorni circa.

Proprietà nutritive della gentilina

Come tutte le verdure, l'insalata gentile è particolarmente indicata in un'alimentazione sana perché ha un bassissimo contenuto di calorie. Inoltre è ricca di vitamina A, C, D, E e K di fibre e di sali minerali quali potassio, ferro e fosforo. La gentilina svolge anche un'azione rinfrescante e digestiva, lassativa, analgesica e sedativa. Come tutte le lattughe andrebbe consumata durante il pasto serale, specialmente dalle persone nervose o che soffrono d'insonnia. È infine, un'utile fonte di acido folico.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.