Valeriana o songino

Il nome scientifico della valeriana è Valerianella olitoria ma, a seconda della regione italiana in cui viene raccolta, la si chiama con vari altri nomi: formentino, songino, soncino, gallinella, dolcetta, grassagallina, sarset o valerianella.

Questo tipo di lattuga ha foglie di forma allungata e rotondeggiante, di colore verde acceso, raggruppate in piccoli cespi. Viene piantata in inverno e fiorisce in primavera con fiori bianchi o azzurri. Raggiunge massimo i 30-40 cm di altezza e le foglie, riunite in una rosetta, sono lunghe generalmente dai 3 ai 7 cm, anche se esistono varietà con foglie di maggiori dimensioni. La valeriana non richiede grosse cure, predilige terreni soleggiati con un buon drenaggio, ma si adatta anche a zone ombrose. È una pianta che nasce anche spontaneamente in Italia ma viene generalmente coltivata per le foglie molto apprezzate dai consumatori crude in insalata.

Valeriana olitoria e Valeriana officinalis

Valeriana

La valeriana commestibile è differente dalla Valeriana officinalis, anche se entrambe appartengono alla famiglia delle Valerianaceae e crescono spontaneamente in Italia.

La Valeriana officinalis viene utilizzata in farmacia come blando sedativo e calmante.

La valeriana olitoria, invece, non ha le stesse proprietà di quest'ultima, ma in compenso è ricca di importanti sostanze nutritive come clorofilla, mucillagine, sali minerali, vitamine A, B e C. Si tratta inoltre di un alimento dalle proprietà rivitalizzanti, emollienti, lassative, diuretiche e depurative.

 

 

Il consumo di valeriana

La valeriana va acquistata freschissima poiché non si conserva a lungo, quando le foglie hanno un bel colore verde e non sono ingiallite o sciupate. Dato che alla base del cespo tende ad accumularsi terriccio, la piccola radice va eliminata prima di un lavaggio molto accurato in acqua corrente.

La valeriana va consumata esclusivamente cruda, in insalata, da sola o con altre verdure come cipollotti freschi, ravanelli e qualche scaglia di grana oppure con delle fettine di uovo sodo, delle barbabietole rosse, o noci e mele. Consiglio anche di provarla in insalata con le arance o i mandarini.

Inoltre, la valeriana viene usata anche solamente per guarnire vari tipi di piatti, in special modo gli antipasti.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

 


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.