La dieta ideale: le linee guida

Seguire una dieta ideale, che fornisca al proprio organismo tutto ciò di cui ha bisogno, potrebbe sembrare una cosa molto difficile. Infatti i parametri da controllare per ottimizzare la propria alimentazione sono potenzialmente molti. Tuttavia è impensabile che ognuno di noi misuri con il bilancino ogni cibo al fine di soddisfare con la massima precisione il fabbisogno di macro e micronutrienti, poiché verrebbe meno quel fondamentale aspetto dell'alimentazione, il piacere di mangiare, e si cadrebbe nell'ortoressia con conseguenza nefaste a lungo termine.

Per seguire una dieta ideale, fortunatamente, basta concentrarsi su pochi aspetti e utilizzare il buon senso.

Gli strumenti scientifici che ho utilizzato per stilare queste linee guida, composte da 5 regole fondamentali, sono i più recenti ed aggiornati documenti redatti dagli organismi sanitari internazionali:

  • Dietary Guidelines for Americans del 2010
  • Joint WHO/FAO expert consultation on diet, nutrition and the prevention of chronic diseases Geneva, Switzerland 28 January – 1 February 2002
  • EURODIET - Nutrition & Diet for Healthy Lifestyles in Europe

1- Il controllo del peso

Una dieta corretta deve consentire il mantenimento del peso forma a lungo termine.

Questa è la caratteristica più importante, e non a caso è la più difficile da realizzare.

Per mantenere il proprio peso forma bisogna far quadrare il bilancio calorico, ovvero assumere tramite l'alimentazione tante calorie quante quelle che si consumano.

Scopriamo quindi qual'è il nostro peso forma, e successivamente come fare a mantenerlo (o a raggiungerlo!).

Dieta ideale

2- La % di macronutrienti

Una dieta corretta deve essere bilanciata nei macronutrienti.

È importante capire che, diversamente da quanto accade per le calorie, non occorre essere troppo precisi, poiché il nostro organismo è in grado di funzionare alla perfezione se i carboidrati, le proteine e i grassi che gli vengono forniti stanno all'interno di limiti abbastanza ampi. Vedi articolo macronutrienti

3- La % di grassi saturi, monoinsaturi e polinsaturi

Una dieta corretta deve ripartire i grassi nella misura di 1/3 saturi, 1/3 monoinsaturi e 1/3 polinsaturi.

 

 

Il nostro organismo utilizza gli acidi grassi contenuti negli alimenti per costruire le membrane di tutte le cellule altre sostanze molto importanti come gli ormoni. Perché questi meccanismo avvengano al meglio occorre che i vari tipi di grassi siano ripartiti in modo ottimale. Vedi articolo sulla ripartizione dei grassi

4- I grassi essenziali

Una dieta corretta deve fornire le quantità minime di grassi essenziali (omega 3 e omega 6).

Fino a un secolo fa si moriva a causa della carenza di alcune vitamine. Oggi questo non accade più, poiché tutti noi possiamo disporre di una grande varietà di cibi che ci garantiscono il soddisfacimento dei nostri bisogni. Tuttavia molti di noi non variano abbastanza i cibi a loro disposizione e questo può causare delle carenze che si notano solo a lungo termine. Vedi articolo sui grassi essenziali

5- I micronutrienti

Una dieta corretta deve fornire una giusta quantità di micronutrienti.

Fino a un secolo fa si moriva a causa della carenza di alcune vitamine. Oggi questo non accade più, poiché tutti noi possiamo disporre di una grande varietà di cibi che ci garantiscono il soddisfacimento dei nostri bisogni. Tuttavia molti di noi non variano abbastanza i cibi a loro disposizione e questo può causare delle carenze che si notano solo a lungo termine. Vedi articolo micronutrienti

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.

 


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.


Le differenze tra l'astice e l'aragosta

Le differenze tra l'astice e l'aragosta: può sembrare banale ma sono le chele dell'astice a fare la differenza!


Aragosta - Cucinare l'aragosta

L'Aragosta, il più nobile dei crostacei è anche il più costoso.