Disinformazione alimentare

Prima o poi tutte le persone, nell'arco della loro esistenza, hanno a che fare con problemi legati all'alimentazione, siano essi i chili di troppo, un semplice mal di pancia, una colite o una intolleranza. Tutti, prima o poi, si devono scontrare con la realtà dell'informazione in questo campo specifico.

In questi anni abbiamo maturato una certa sfiducia nei confronti di alcuni nutrizionisti, a causa dei messaggi fuorvianti e contraddittori che spesso vengono divulgati. Si fa continuo riferimento alla dieta mediterranea, senza dire che nessuno la segue e anzi, facendo capire che è la "nostra" dieta, si continua a dare messaggi inutili spingendo oltre ai loro reali meriti alcuni cibi e demonizzandone ingiustamente altri, spesso per motivi commerciali.

Gli organi di informazione, dal canto loro, non fanno che peggiorare la situazione perché preferiscono dare notizie sensazionali ("scoperta la sostanza che migliora la memoria", "scoperto il farmaco che sconfigge l'obesità", ecc.) o comunque messaggi "leggeri" che non acculturano l'ascoltatore ma che soddisfano solo la sua curiosità.

In questa situazione le notizie "salutistiche" servono solamente a rendere sempre più difficile da ribaltare la tendenza al peggioramento delle abitudini alimentari degli italiani.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.