Cellulite infettiva

La cellulite infettiva, o cellulite contagiosa, è una grave infezione batterica della pelle. Si tratta di un'infiammazione acuta del derma, che si manifesta con pelle arrossata e gonfiore. La cute appare calda e soffice al tatto.

L'infiammazione si può diffondere, anche abbastanza rapidamente, ad altre zone del corpo, e se non è curata può causare gravi danni alla salute della persona, non è però, contagiosa da persona a persona. Solitamente la zona più colpita è la parte inferiore delle gambe, anche se la cellulite può verificarsi in altre parti del corpo o del viso. La cellulite potrebbe interessare solo la parte superficiale della pelle, oppure arrivare anche a infettare i tessuti sottostanti e diffondersi nei linfonodi e nel sangue. Se si presentassero i sintomi della cellulite, per prevenire situazioni gravose per la vita, è importante contattare immediatamente un medico.

Cause

La cellulite si verifica quando alcuni batteri, solitamente i più coinvolti sono lo streptococco e lo stafilococco, entrano nella pelle attraverso una ferita o un taglio. Il batterio più grave, che potrebbe causare l'infezione, è rappresentato da uno stafilococco, chiamato Staphylococcus aureus, che è divenuto resistente alla meticillina (MRSA).

I batteri potrebbero infettare zone della pelle dove ci sono tagli, dove sono state eseguite punture, se si è stati sottoposti recentemente ad un intervento chirurgico e la pelle è aperta, o se si soffre di ulcera. Bisogna prestare attenzione anche alle screpolature, alle vesciche e ad alcune punture di insetto o di ragni in grado di trasmettere i batteri.

 

 

Fattori di rischio

Diversi fattori di rischio possono concorrere a una maggiore probabilità di sviluppare la cellulite:

  • Lesioni: un qualsiasi taglio, una frattura, una piccola ustione dà una possibilità ai batteri di entrare nella pelle.
  • Indebolimento del sistema immunitario: alcune condizioni, che indeboliscono il sistema immunitario, come il diabete, la leucemia e l'HIV / AIDS, rendono la persona più suscettibile alle infezioni. Anche alcuni farmaci, come i corticosteroidi, possono indebolire il sistema immunitario.
  • Condizioni della pelle: alcuni disturbi della pelle, come l'eczema, il piede d'atleta, la varicella e l'herpes, possono causare micro ferite nella pelle dalle quali il batterio può passare.
  • Gonfiore cronico delle braccia o delle gambe (linfedema): il tessuto gonfio potrebbe rompersi, lasciando la pelle vulnerabile alle infezioni batteriche.
  • Storia personale: chi ha sviluppato nella propria vita la cellulite è più incline a soffrine ancora.
  • Uso di droghe per via endovenosa: le persone che si iniettano droghe con l'utilizzo di siringhe hanno più probabilità di sviluppare la cellulite.
  • Obesità: essere in sovrappeso aumenta il rischio di sviluppare la cellulite con episodi ricorrenti.
Cellulite infettiva

Sintomi

Possibili segni e sintomi della cellulite infettiva sono:

  • pelle arrossata, che con il passare del tempo, tende ad espandersi;
  • gonfiore;
  • pelle molto soffice al tatto;
  • dolore;
  • pelle calda;
  • febbre;
  • puntini rossi;
  • striature sulla pelle.

Alcuni sintomi, che indicano una condizione più grave, includono anche brividi, sudorazione, dolori muscolari, stanchezza e sensazione di malessere generale.

Bisogna capire che si tratta di cellulite infettiva il prima possibile, perché c'è il rischio che l'infezione si diffonda rapidamente in tutto il corpo, causando problemi seri per la vita del paziente. Nel caso il medico di base non fosse disponibile è bene rivolgersi al pronto soccorso più vicino e non sottovalutare la condizione.

Diagnosi

L'aspetto della pelle e l'esame fisico del paziente, sono generalmente sufficienti per porre un sospetto diagnostico. Il medico potrebbe anche suggerire degli esami del sangue e altri test per escludere altre patologie, per esempio, potrebbe prescrivere un'ecocolordoppler venoso o una radiografia a raggi X.

Terapia

Il trattamento della cellulite infettiva, di solito, comprende la prescrizione di un antibiotico per via orale. Entro tre giorni dall'inizio di un antibiotico il medico vi potrà dire se l'infezione sta rispondendo al trattamento oppure no. Solitamente si consiglia di prendere l'antibiotico dai 5 ai 10 giorni, ma in alcuni casi potrebbero essere necessari anche 14 giorni di trattamento. Nella maggior parte dei casi, i segni e i sintomi della cellulite infettiva scompaiono dopo pochi giorni. Se il dolore fosse eccessivo il medico potrebbe prescrivere degli antidolorifici.

Nei casi più gravi potrebbe essere necessario un ricovero ospedaliero per ricevere gli antibiotici per via endovenosa. I casi più gravi, che richiedono appunto un ricovero, includono i seguenti sintomi:

  • l'infezione non risponde agli antibiotici per via orale;
  • la zona di pelle colpita dalla cellulite infettiva è molto estesa;
  • la febbre è alta;
  • il sistema immunitario è già indebolito da altre malattie;

I medici, solitamente prescrivono un unico farmaco che è efficace sia contro gli streptococchi che conto gli stafilococchi. Gli antibiotici più comunemente indicati sono: la fenossimetilpenicillina, la benzilpenicillina o la amoxicillina. È importante continuare ad assumere il farmaco per tutto il tempo indicato dal medico, anche nel caso in cui ci si sentisse meglio dopo i primi giorni di trattamento.

Il medico potrebbe anche raccomandare di lavare con accuratezza l'area interessata con particolari detergenti, di utilizzare pomate utili a mantenere la pelle idratata e protetta. Tutti questi accorgimenti potrebbero aiutare ad accelerare il tempo di recupero.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Distrofia di Duchenne

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è il tipo più comune di distrofia ed è causata da un difetto del gene che dovrebbe mantenere i muscoli sani e fa parte quindi delle malattie genetiche ereditarie.


Drepanocitosi

La drepanocitosi, o anemia falciforme, è una forma ereditaria di anemia, una condizione per la quale non vi è un numero sufficiente di globuli rossi sani nel sangue.


Coccigodinia

La coccigodinia, o dolore al coccige, è un’infiammazione che si verifica intorno al coccige, ovvero la struttura ossea che si trova nella parte inferiore della colonna vertebrale.


Cistinuria

La cistinuria è una malattia ereditaria che provoca la formazione di calcoli, prodotti a causa dell’incapacità dei reni di riassorbire la cistina.

 


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Cisti dermoide

Una cisti dermoide è un tumore benigno, detto anche teratoma, che si sviluppa prevalentemente nelle ovaie.


Cisti di Bartolini

Le ghiandole di Bartolini sono due piccole ghiandole dell’apparto femminile esterno, situate su ciascun lato dell'apertura vaginale.


Distrofie muscolari

Le distrofie muscolari sono malattie geneticamente determinate che portano alla degenerazione e la distruzione delle cellule muscolari.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.