Couperose

Con il termine di couperose (o rosacea), intendiamo un quadro patologico cronico-recidivante di origine vasomotoria che coinvolge la cute, che risulta essere molto sensibile e si arrossa facilmente.

Si localizza principalmente al volto (naso e guance) e al collo, ed oltre all'eritrosi (arrossamento) si aggiungono anche l’irritabilità cutanea e le teleangectasie, cioè la dilatazione dei capillari sottoepidermici che si sfibrano formando una fitta rete violacea, visibile esternamente specialmente sulle guance.

Chi colpisce

La couperose interessa dall'1 al 5% della popolazione tra i 30 e i 60 anni e interessa sia uomini che donne, ma sembra che l'incidenza sia lievemente maggiore per le donne.

Si è visto anche che ne sono solitamente affetti soggetti appartenenti ai fototipi I, II e III secondo la classificazione di Fitzpatrick, ovvero soggetti con la pelle, gli occhi e i capelli chiari o rossicci. Per questo viene anche definita la "maledizione dei Celti" (antico popolo del Nord Europa).

Cause

Il paziente con couperose ha un tipo di pelle del viso estremamente sensibile agli sbalzi di temperatura a causa di un'alterazione del microcircolo cutaneo.

Questa spiccata sensibilità ha solitamente una tendenza familiare, nel senso che nelle famiglie di soggetti con pelle chiara, tale fenomeno sembra essere più frequente.

Le cause scatenanti questa patologia non sono ancora completamente conosciute, ma si pongono diverse ipotesi a riguardo.

Tra i possibili fattori scatenanti si riscontrano quelli di natura gastrointestinale, psicologica, infettiva, climatico-ambientale e immunologica.

 

 

Attualmente le teorie più accreditate conferiscono un ruolo di spicco al Demodex folliculorum, un acaro che risiede nei follicoli piliferi del volto e si nutre di sebo e alle infezioni gastriche sostenute dall’Helicobacter pylori.

È noto che meccanismi patogenetici che caratterizzano la couperose e la rosacea sono sia di tipo vasomotorio, soprattutto nelle fasi iniziali, che di tipo infiammatorio, nelle fasi più tardive.

Numerosi fattori concorrono al manifestarsi delle lesioni cliniche, come l'alcool, il caffè, i cibi piccanti, i pasti abbondanti, brusche variazioni della temperatura ambientale, stress emotivi.

Couperose

Aspetti clinici

Come già detto, la patologia si manifesta soprattutto nelle regioni centrali del volto: naso, guance, fronte e mento.

È una malattia che si manifesta in 4 diverse fasi.

  1. Flushing. La pelle si arrossa in maniera transitoria ed è accompagnata da una sensazione di calore. È dovuta ad un'improvvisa vasodilatazione dei vasi sanguigni. Questi fenomeni vasomotori possono essere causati da una serie di stimoli, come l'ingestione di alcol, caffè, cibi caldi, speziati, caldo e freddo intensi, esposizione ai raggi UV e stress emotivi.
  2. Eritema e teleangectasie. L'eritema del volto diventa permanente, fisso e compaiono le teleangectasie sulle guance e sul naso, dovute alla persistente dilatazione dei vasi sanguigni.
  3. Papule e pustole. Oltre all'eritema e alla dilatazione dei vasi sanguigni, si aggiungono papule eritematose e pustole (generalmente asettiche).
  4. Rinofima. Comparsa dell'iperplasia delle ghiandole sebacee del naso. Solitamente è un fenomeno raro e colpisce solamente gli uomini.

Diagnosi

La diagnosi viene posta dal medico dermatologo, semplicemente tramite l'anamnesi e l'esame obiettivo del paziente.

La visita dermatologica è importante anche per differenziare la rosacea da malattie di diversa natura, come acne, lupus eritematoso (LES), sifilide secondaria, sarcoidosi, tigna del viso, dermatite atopica, psoriasi, eczema da contatto, ecc…

Terapia

Alcuni provvedimenti generali di comportamento possono aiutare a prevenire la comparsa o l'evoluzione della couperose:

  • adottare uno stile di vita sano (e regolato);
  • seguire un'alimentazione corretta e appropriata, evitando cibi e bevande che possano peggiorare la situazione (es. alcolici, caffè, bevande molto calde, ecc.), integrando la dieta con cibi ricchi di vitamina C e P che hanno attività capillaroprotettrice;
  • non utilizzare formulazioni cosmetiche troppo aggressive e irritanti per la pelle;
  • proteggere la pelle nei confronti degli stimoli dannosi provenienti dall'esterno (raggi UV, freddo, calore, ecc.).

I pazienti affetti da couperose dovrebbero abituarsi a usare sempre creme protettive per il viso, anche nei mesi invernali.

Solitamente il dermatologo prescrive farmaci diversi a seconda della fase in cui si trova la patologia. Nelle prime fasi (flush ed eritema) si possono somministrare farmaci che contrastino i fenomeni di vasodilatazione, come la clonidina o i beta bloccanti a basso dosaggio. Nelle fasi più avanzate si opta per il metronidazolo topico, acido azelaico e tretinoina.

I vasoprotettori, i filtri solari e in alcuni casi gli antibiotici, rappresentano i rimedi più spesso utilizzati dal dermatologo nel trattamento topico e sistemico della rosacea.

Sono da sconsigliare le lampade abbronzanti, le creme al cortisone e i peeling con acido glicolico, per i possibili effetti irritanti sulla pelle.

Importante è anche usare i detergenti specifici per questo tipo di pelle, evitando i detergenti aggressivi e troppo schiumogeni che potrebbero aggravare l'irritazione di questa pelle già delicata.

Ai trattamenti farmacologici, spesso si possono anche affiancare metodiche fisiche, come la luce pulsata, il laser a diodi e la diatermocoagulazione.

Sono però delle metodiche di intervento che vanno concordate e suggerite dal dermatologo ed effettuate in centri specializzati.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Neurite ottica

La neurite ottica è un'infiammazione che interessa e danneggia il nervo ottico, un fascio di fibre nervose.


Chikungunya

La Chikungunya è una malattia virale trasmessa all'uomo da una zanzara infetta. Solitamente il virus provoca febbre.


Distrofia di Duchenne

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è il tipo più comune di distrofia ed è causata da un difetto del gene che dovrebbe mantenere i muscoli sani e fa parte quindi delle malattie genetiche ereditarie.


Drepanocitosi

La drepanocitosi, o anemia falciforme, è una forma ereditaria di anemia, una condizione per la quale non vi è un numero sufficiente di globuli rossi sani nel sangue.

 


Coccigodinia

La coccigodinia, o dolore al coccige, è un’infiammazione che si verifica intorno al coccige, ovvero la struttura ossea che si trova nella parte inferiore della colonna vertebrale.


Cistinuria

La cistinuria è una malattia ereditaria che provoca la formazione di calcoli, prodotti a causa dell’incapacità dei reni di riassorbire la cistina.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Cisti dermoide

Una cisti dermoide è un tumore benigno, detto anche teratoma, che si sviluppa prevalentemente nelle ovaie.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.