Distimia

La distimia è un disturbo depressivo persistente, ovvero una forma cronica e a lungo termine di depressione. Se si soffre di tale disturbo è possibile perdere interesse per le normali attività quotidiane, si hanno sentimenti tendenti al pessimismo, c'è una mancanza di produttività, l'autostima tende ad essere bassa e si ha una sensazione di generale inadeguatezza. Questi sentimenti possono durare per anni e possono interferire in modo significativo nei rapporti, nella scuola, nel lavoro e nelle attività quotidiane.

Se si dispone di disturbo depressivo persistente, difficilmente si proveranno sentimenti di gioia, anche in occasioni felici, una persona che ne soffre è descritta come cupa, che spesso riporta lamentele ed è incapace di divertirsi. Anche se il disturbo depressivo persistente non è così grave come la depressione maggiore, lo stato d'animo depresso può presentarsi in tre gradi: lieve, moderata o grave. A causa della natura cronica del disturbo depressivo persistente, far fronte ai sintomi di depressione può essere difficile, una combinazione tra psicoterapia e farmaci può essere efficace nel trattamento di questa condizione.

Cause

La causa esatta del disturbo depressivo persistente non è nota, come la depressione maggiore, può essere causata da un insieme di cause, quali ad esempio: 

  • Differenze biologiche: le persone con disturbo depressivo persistente possono avere cambiamenti fisici in alcune aree nel cervello. 
  • Chimica del cervello: i neurotrasmettitori sono sostanze chimiche presenti nel cervello che probabilmente giocano un ruolo nella distimia, infatti recenti ricerche indicano che i cambiamenti nella funzione e nell'effetto di questi neurotrasmettitori e di come essi interagiscono con i neuro-circuiti, coinvolti nel mantenimento della stabilità dell'umore, possono svolgere un ruolo significativo nella depressione e nel suo trattamento.
  • Tratti ereditari: il disturbo depressivo persistente sembra essere più comune nelle persone che hanno parenti di sangue che soffrono della stessa patologia. I ricercatori stanno cercando di trovare i geni che possono essere coinvolti nella distimia.
  • Eventi della vita: come con la depressione maggiore, eventi traumatici, per esempio la perdita di una persona cara, problemi finanziari o un alto livello di stress possono scatenare la distimia.

Fattori di rischio

 

 

 

Il disturbo depressivo persistente spesso inizia precocemente, i primi segni si possono già notare durante l'infanzia, l'adolescenza o la giovane vita adulta, ed è una malattia cronica. Alcuni fattori sembrano aumentare il rischio di sviluppare o di innescare il disturbo depressivo persistente, tra cui:

  • avere un parente di primo grado che soffre di distimia;
  • eventi di vita traumatici o stressanti;
  • tratti della personalità che tendono alla negatività, come avere una bassa autostima, avere la tendenza ad essere dipendenti da altre persone, auto-criticarsi eccessivamente ed avere una visione pessimistica della vita.   
Distimia

Sintomi

I sintomi della distimia non sono sempre uguali, infatti possono subire delle variazioni in alcuni momenti o periodi dell'anno, e anche la loro intensità può cambiare nel corso del tempo. Inoltre, si possono verificare episodi di depressione prima o durante il disturbo depressivo persistente, in questo caso si parla di "doppia depressione".

I sintomi del disturbo depressivo persistente possono includere:

  • perdita di interesse verso attività quotidiane;
  • sentimenti di tristezza e vuoto;
  • mancanza di speranza;
  • stanchezza e mancanza di energia;
  • bassa autostima, autocritica o sentimenti di incapacità;
  • difficoltà di concentrazione e difficoltà nel prendere decisioni;
  • irritabilità o rabbia eccessiva;
  • ridotta efficacia e produttività nella attività;
  • evitamento di attività sociali;
  • sensi di colpa e preoccupazioni per il passato;
  • problemi nell'appetito (scarso o eccessivo);
  • disturbi nel sonno.

Nei bambini, i sintomi del disturbo depressivo persistente possono includere umore depresso e irritabilità.

Diagnosi

Se il medico sospetta di un disturbo di distimia gli esami e i test che somministrerà sono:

  • Esame fisico: il medico può fare un esame e porre domande di approfondimento circa la salute fisica, per determinare ciò che potrebbe causare la depressione. In alcuni casi, può essere collegato ad un problema di salute fisica sottostante.
  • Prove di laboratorio: il medico può prescrivere esami di laboratorio per escludere altre condizioni mediche che possono causare i sintomi depressivi. Ad esempio, il medico può prescrivere un esame del sangue per valutare il funzionamento della tiroide (per esempio l'ipotiroidismo).
  • Valutazione psicologica: ovvero discutere e approfondire i pensieri, sentimenti e comportamenti che si mettono in atto, può includere anche la somministrazione di un questionario,  per una diagnosi più accurata. Questa valutazione può aiutare a determinare se si dispone di disturbo depressivo persistente o un'altra condizione che può influenzare l'umore, come la depressione maggiore, un disturbo bipolare o un disturbo affettivo stagionale.

 

 

Per diagnosticare il disturbo depressivo persistente, molti medici fanno riferimento ai sintomi elencati nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5), pubblicato dalla American Psychiatric Association. La diagnosi per la distimia riporta una piccola differenza tra adulto e bambino: per un adulto, l'umore depresso si verifica la maggior parte del giorno per due o più anni, per un bambino, l'umore depresso o l'irritabilità si verifica la maggior parte del giorno per almeno un anno. Quando la distimia inizia prima di 21 anni, si chiama esordio precoce; se comincia all'età di 21 anni o più in là, si tratta di insorgenza tardiva.

Trattamento

Le due principali tipologie di trattamento per la distimia sono i farmaci e la terapia della parola (psicoterapia). Il trattamento dipende da alcuni fattori, quali:

  • gravità dei sintomi;
  • desiderio di affrontare i problemi emotivi o le situazionali della vita;
  • preferenze personali;
  • precedenti metodi di trattamento;
  • capacità di tollerare i farmaci;
  • altri problemi emotivi.

La psicoterapia può essere la prima raccomandazione per i bambini e gli adolescenti con distimia, ma dipende dal singolo individuo, a volte sono necessari anche gli antidepressivi.

I tipi di antidepressivi più comunemente utilizzati per il trattamento del disturbo depressivo persistente includono:

  • inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI);
  • antidepressivi triciclici (TCA);
  • serotonina e inibitori della ricaptazione della noradrenalina (SNRI).

È essenziale parlare con il proprio medico dei possibili effetti collaterali.

Potrebbe essere necessario provare diversi farmaci prima di trovare quello che funziona. Alcuni farmaci richiedono diverse settimane per la piena efficacia e per non soffrire più degli effetti collaterali. Non bisogna smettere improvvisamente di assumere gli antidepressivi, perché questo potrebbe causare un improvviso peggioramento della depressione. Quando si dispone di disturbo depressivo persistente, potrebbe essere necessario prendere antidepressivi anche per tutta la vita, per tenere sotto controllo i sintomi. Bisogna anche prestare attenzione nei periodi di gravidanza e di allattamento. In alcuni casi, i bambini, gli adolescenti e giovani-adulti sotto i 25 anni possono avere un aumento di pensieri o di comportamenti suicidi durante l'assunzione di antidepressivi, soprattutto nelle prime settimane dopo l'inizio della cura, causando così un peggioramento del quadro sintomatico. Tuttavia bisogna tenere a mente che gli antidepressivi hanno più probabilità di ridurre il rischio di suicidio, a lungo termine, migliorando l'umore.

Essenziale, sia che si utilizzino i farmaci sia che se ne possa fare a meno, è ricorre alla psicoterapia. Ci sono diversi tipi di psicoterapia, come la terapia cognitivo-comportamentale, che possono essere efficaci per la distimia. La psicoterapia, in generale, può aiutare a:

  • far fronte ad una crisi o altra difficoltà corrente;
  • identificare i problemi che contribuiscono alla depressione e cambiare alcuni comportamenti che la possono far peggiorare;
  • identificare le credenze e comportamenti negativi, sostituirli con quelli positivi e sani;
  • trovare il modo migliore per affrontare e risolvere i problemi;
  • esplorare le relazioni ed accrescere la capacità di sviluppare interazioni positive con gli altri;
  • ritrovare un senso di soddisfazione e di controllo sulla vita;
  • contribuire ad alleviare i sintomi della depressione, come la disperazione e la rabbia;
  • imparare a fissare obiettivi realistici.

Alcune persone quando soffrono di distimia ricorrono all' uso della medicina alternativa per ottenere possibili benefici. È sconsigliabile sostituire totalmente il trattamento medico convenzionale o la psicoterapia con la medicina alternativa. Quando si tratta di depressione, trattamenti alternativi non sono un sostituto per le cure mediche. Tra i metodi alternativi si ricorda quello che suggerisce l'uso di erbe, come l'erba di S. Giovanni, si tratta di un trattamento della depressione abbastanza popolare in Europa.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Infarto intestinale

L’infarto intestinale, o ischemia intestinale, è una grave condizione caratterizzata da una necrosi che colpisce una parte dell’intestino.


Corpo luteo emorragico

Il corpo luteo emorragico si presenta quando si formano delle cisti contenenti del materiale liquido sieroso o del sangue, che vanno incontro ad una rottura improvvisa.


Gastroenterite

La gastroenterite è un'infezione intestinale caratterizzata da diarrea acquosa, crampi addominali, nausea o vomito, e talvolta febbre.


Trapianto di cartilagine del ginocchio

Il trapianto di cartilagine del ginocchio è una procedura indicata in pazienti che presentano un difetto a livello della cartilagine articolare del ginocchio.

 


Cisti sinoviali

I gangli, o cisti sinoviali, sono grumi non cancerogeni che si sviluppano tipicamente lungo i tendini o le articolazioni.


Fistole anali

Con il termine fistola anale si intende la formazione di un piccolo canale vicino all’uscita dell’ano.


Granuloma anulare

Il granuloma anulare è un’infiammazione della pelle che comunemente si presenta con piccole lesioni sulla cute.


Herpes genitale

L'herpes genitale è una comune infezione sessualmente trasmissibile causata dal virus herpes simplex (HSV).

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.