Idronefrosi

L'idronefrosi, o più precisamente la pielectasia, è una condizione che in genere si verifica quando un rene si dilata a causa del fallimento del normale drenaggio delle urine, che scorrono normalmente dal rene alla vescica. La dilatazione colpisce di solito un solo rene, ma può coinvolgerli entrambi.

L'idronefrosi non è una malattia primaria, ma è una condizione secondaria ovvero è il risultato di un'altra malattia sottostante; cioè il blocco o l'ostruzione del tratto urinario. L'idronefrosi può affliggere persone di qualsiasi età e di entrambi i sessi, esiste una forma particolare che colpisce i neonati e viene chiamata idronefrosi prenatale o fetale. Questa condizione non porta con sé particolari conseguenze, infatti la maggior parte delle idronefrosi si risolve alla nascita, circa uno su ogni 100 neonati può soffrirne.

Cause

L'idronefrosi non è una malattia primaria perché è dovuta ad altre condizioni, interne ed esterne, che influenzano le modalità di funzionamento del rene e del sistema di raccolta dell'urina. Una delle cause più comuni di idronefrosi è l'uropatia ostruttiva, ovvero l'improvviso sviluppo di un'ostruzione in uno degli ureteri, due tubi che collegano i reni alla vescica. La causa più comune di questo blocco è un calcolo renale, ovvero la formazione di sali minerali che si cristallizzano nelle vie urinarie fino a causarne il blocco. Altre cause meno comuni comprendono la formazione di un grumo di sangue, una cisti ovarica o una stenosi dell'uretere. Un uretere bloccato può causare il ritorno dell'urina verso il rene, che di conseguenza si gonfia. Questo flusso in retromarcia di urina è noto come reflusso vescico ureterale. Altre cause di blocco possono includere:

  • ostruzione della giunzione uretere-vescicale, che è il tratto dove l'uretere incontra il bacino del rene;
  • ghiandola prostatica ingrossata negli uomini, che può essere dovuta a prostatite (infiammazione della prostata);
  • gravidanza, che causa una compressione degli organi a causa del feto in crescita;
  • tumori all'interno o vicino all'uretere;
  • restringimento dell'uretra a causa di un infortunio o di un difetto congenito presente fin dalla nascita.

Sintomi

 

 

 

Normalmente, l'urina per soccorrere attraverso il tratto urinario ha bisogno di una pressione minima. La pressione può aumentare se vi è un ostacolo nel tratto urinario e causa un'eccessiva spinta di urina verso i reni. Se ciò accade per un lungo periodo di tempo l'urina può accumularsi nel rene e causarne il rigonfiamento. Il rene ingrossato d'urina può iniziare a premere sugli organi vicini e provocare dolore alla persona. Se questa condizione viene ignorata per troppo tempo la pressione può causare la perdita delle normali funzioni del rene, anche in modo permanente. I sintomi dipendono da quanto tempo il problema va avanti, i sintomi lievi di idronefrosi includono un reale aumento di minzione e sensazione costante di dover urinare spesso, altri sintomi potenzialmente gravi che si possono verificare sono:

Idronefrosi
  • dolore all'addome o al fianco;
  • nausea;
  • vomito;
  • dolore durante l'urinazione;
  • incapacità di fare la pipì, quindi blocco completo del tratto;

L'interruzione del flusso di urina aumenta la possibilità di sviluppare un'infezione del tratto urinario, esse infatti sono una delle complicanze più comuni di idronefrosi. Alcuni segni d'infezione al tratto urinario includono:

  • urine torbide;
  • minzione dolorosa;
  • bruciore;
  • flusso di urina debole;
  • mal di schiena;
  • dolore alla vescica;
  • febbre;

Se sono presenti segni e sintomi sospetti di idronefrosi è consigliabile programmare un appuntamento con il proprio medico, infatti le infezioni dal tratto urinario non trattate possono portare a condizioni più gravi come la pielonefrite, l'infezione del rene o la sepsi

Diagnosi

 

 

Verificare e accertare una diagnosi il prima possibile è estremamente importante, perché i reni potrebbero danneggiarsi in maniera permanentemente se la problematica non viene presa in considerazione per un periodo di tempo eccessivo. La diagnosi si basa inizialmente su una valutazione generale dello stato di salute della persona e l'attenzione si focalizzerà sui sintomi che potrebbero dare preziose indicazioni su quale problematica di fondo sia presente. Durante la visita medica probabilmente verrà palpato e toccato delicatamente l'addome e l'area del fianco, in modo da andare ad osservare la condizione dei reni. Potrebbe essere inserito un catetere per aiutare le urine a fuoriuscire dalla vescica ed osservare il flusso. Se anche con l'introduzione di un catetere le urine fanno fatica ad uscire potrebbe significare la presenza di un'ostruzione nella vescica o nell'uretra. L'uretra è un tubo che trasporta l'urina dalla vescica verso l'esterno del corpo. Per completare la diagnosi è anche consigliato eseguire un'ecografia a livello renale o una scansione tomografica (TC) per approfondire l'estensione del gonfiore e per localizzare l'area del blocco. Entrambe queste procedure consentono di visualizzare su uno schermo un'immagine precisa dell'interno del corpo, tuttavia l'ecografia renale è generalmente considerata lo strumento di eccellenza per la diagnosi di idronefrosi perché permette un'ottima visione nel rene.

Trattamento

Il trattamento dell'idronefrosi si concentra principalmente sull'eliminazione di tutto ciò che potrebbe bloccare e ostruire il tratto urinario e la fuoriuscita dell'urina. L'opzione di trattamento dipende da quale problematica causa l'ostruzione. In genere si sceglie tra una delle seguenti opzioni di trattamento:

  • Inserimento di un stent uretrale, un tubicino a maglia metallica che viene inserito nell''uretere in modo da permettergli di far passare i liquidi nella vescica.
  • Inserimento di un tubo nefrostomico, un tubicino flessibile che viene inserito nel fianco della persona e che consente all'urina bloccata di uscire.
  • Prescrizione e assunzione di antibiotici per controllare una possibile infezione.

Per rimuovere l'ostruzione, in alcuni pazienti, si potrebbe anche optare per un intervento chirurgico, ma solo nei casi più gravi, come per esempio se a causare il blocco è del tessuto cutaneo o un coagulo di sangue. In questi casi si potrebbe anche rimuovere completamente l'area interessata per poi ricollegare le estremità sane dell'uretere in modo tale da ripristinare il flusso normale delle urine. Se la causa dell'idronefrosi è un calcolo renale, potrebbe essere necessario un intervento di chirurgia endoscopica, che prevede l'utilizzo di minuscoli strumenti per eseguire la procedura. Questa operazione di solito richiede di effettuare solo piccole incisioni, riducendo drasticamente il tempo di guarigione e di recupero. Dopo l'operazione potrebbero essere prescritti degli antibiotici che aiuteranno a prevenire lo sviluppo di un'eventuale infezione renale.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Infarto intestinale

L’infarto intestinale, o ischemia intestinale, è una grave condizione caratterizzata da una necrosi che colpisce una parte dell’intestino.


Corpo luteo emorragico

Il corpo luteo emorragico si presenta quando si formano delle cisti contenenti del materiale liquido sieroso o del sangue, che vanno incontro ad una rottura improvvisa.


Gastroenterite

La gastroenterite è un'infezione intestinale caratterizzata da diarrea acquosa, crampi addominali, nausea o vomito, e talvolta febbre.


Trapianto di cartilagine del ginocchio

Il trapianto di cartilagine del ginocchio è una procedura indicata in pazienti che presentano un difetto a livello della cartilagine articolare del ginocchio.

 


Cisti sinoviali

I gangli, o cisti sinoviali, sono grumi non cancerogeni che si sviluppano tipicamente lungo i tendini o le articolazioni.


Fistole anali

Con il termine fistola anale si intende la formazione di un piccolo canale vicino all’uscita dell’ano.


Granuloma anulare

Il granuloma anulare è un’infiammazione della pelle che comunemente si presenta con piccole lesioni sulla cute.


Herpes genitale

L'herpes genitale è una comune infezione sessualmente trasmissibile causata dal virus herpes simplex (HSV).

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.