Labirintite

La labirintite è una patologia che consiste nell'infiammazione dell'orecchio interno, in particolare del labirinto.

Cause della labirintite

Questa infiammazione può essere dovuta a diverse cause, principalmente a infezioni da batteri o virus.

I batteri possono arrivare all'orecchio interno tramite il sangue e possono anche coinvolgere l'orecchio medio, mentre per quanto riguarda i virus, quello della parotite è il principale responsabile della labirintite virale, ma anche alcune infezioni delle alte vie aeree o un'otite acuta o cronica possono complicarsi in una labirintite.

Chi colpisce

La labirintite può colpire sia i bambini che gli adulti. Le forme più lievi in pochi giorni si risolvono, ma se si trascurano i sintomi o la forma è particolarmente aggressiva, possono essere necessari alcuni mesi per la completa guarigione e in alcuni rari casi addirittura si possono avere delle sequele per tutta la vita.

Forme di labirintite

Ovviamente esistono diverse forme di labirintite, a seconda della causa, di chi colpisce in prevalenza e delle manifestazioni cliniche. Possiamo distinguere principalmente 3 forme di labirintite.

Labirintite sierosa: solitamente colpisce i bambini ed è conseguenza dell'otite media cronica.

Labirintite purulenta: solitamente colpisce i bambini fino ai 2-3 anni di età perché può essere una sequela di una meningite. Può colpire però anche i bambini più grandicelli come conseguenza di una otite media mal curata. È la forma più grave di labirintite perché può portare a danni permanenti come la sordità. Quindi mai sottovalutare un'otite!

Labirintite virale: è la più comune forma di labirintite e colpisce prevalentemente gli adulti, soprattutto tra i 30 e i 60 anni. È rara nei bambini.

 

 

 

Sintomi della labirintite

Il sintomo principale della labirintite è la perdita dell'equilibrio solitamente associata a vertigini. Il labirinto infatti è l'organo responsabile del mantenimento dell'equilibrio del nostro corpo. Questo sintomo è dovuto alla modificazione, dovuta all'infiammazione, dell'endolinfa, un liquido contenuto nei canali auricolari, che serve per inviare al cervello la posizione esatta del corpo nello spazio. Oltre quindi alla perdita di equilibrio e alle vertigini, si può accusare anche una diminuzione dell'udito (ipoacusia) oppure si percepiscono dei suoni, dei fischi, dei rumori nell'orecchio (i cosiddetti acufeni). L'ipoacusia in alcuni casi può esitare in una sordità, ma i casi son comunque rari, certo non bisogna sottovalutare i sintomi. Altri sintomi della labirintite sono il senso di sbandamento (come se la terra sotto i piedi ruotasse), nausea, vomito, nistagmo.

Diagnosi

Labirintite

La diagnosi di labirintite si basa principalmente sull'anamnesi del paziente, che spesso racconterà appunto di questi episodi di vertigini, di cadute dovute alla perdita dell'equilibrio, di acufeni o di riduzione dell'udito.

Oltre all'anamnesi, si può ricorrere a un esame audiometrico per verificare se c'è ipoacusia (confrontandolo anche con l'orecchio controlaterale). Inoltre si possono svolgere esami strumentali come la TC (tomografia computerizzata) o alla RM (risonanza magnetica) che valutano l'anatomia dell'orecchio interno.

Terapia

 

 

Le terapie sono diverse a seconda della forma di labirintite e della sua gravità.

Per le forme lievi si utilizzano farmaci per controllare gli spiacevoli sintomi come la perdita di equilibrio e gli antibiotici (nel caso di labirintite dovute a infezione batterica) o gli antivirali (come l'acyclovir) per le forme virali.

Si possono somministrare anticolinergici e antiemetici per la nausea e il vomito alle volte presenti, così come le benzodiazepine come farmaci ansiolitici e sedativi.

In alcuni casi si deve far ricorso alla terapia chirurgica, come la paracentesi timpanica (si fora con un ago la membrana per fare fuoriuscire liquidi o pus) e interventi di mastoidectomia (mastoidite acuta).

 Le terapie chirurgiche servono per rimediare ai danni permanenti che possono seguire una labirintite purulenta.

Ovviamente durante gli attacchi di vertigine, bisogna rimanere il più fermi possibile e quando passano, evitare di guidare, leggere, o stare in luoghi molto luminosi ed evitare di svolgere lavori di precisione dove è richiesta una particolare attenzione.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Infarto intestinale

L’infarto intestinale, o ischemia intestinale, è una grave condizione caratterizzata da una necrosi che colpisce una parte dell’intestino.


Corpo luteo emorragico

Il corpo luteo emorragico si presenta quando si formano delle cisti contenenti del materiale liquido sieroso o del sangue, che vanno incontro ad una rottura improvvisa.


Gastroenterite

La gastroenterite è un'infezione intestinale caratterizzata da diarrea acquosa, crampi addominali, nausea o vomito, e talvolta febbre.


Trapianto di cartilagine del ginocchio

Il trapianto di cartilagine del ginocchio è una procedura indicata in pazienti che presentano un difetto a livello della cartilagine articolare del ginocchio.

 


Cisti sinoviali

I gangli, o cisti sinoviali, sono grumi non cancerogeni che si sviluppano tipicamente lungo i tendini o le articolazioni.


Fistole anali

Con il termine fistola anale si intende la formazione di un piccolo canale vicino all’uscita dell’ano.


Granuloma anulare

Il granuloma anulare è un’infiammazione della pelle che comunemente si presenta con piccole lesioni sulla cute.


Herpes genitale

L'herpes genitale è una comune infezione sessualmente trasmissibile causata dal virus herpes simplex (HSV).

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.