Sintomi della menopausa

I sintomi della menopausa variano notevolmente da persona a persona.

Vampate di calore

Le vampate di calore sono i sintomi della menopausa più comuni e più odiati dalle donne.

Le vampate interessano la maggior parte delle donne (75%), per lo più nei primi 5 anni. Possono durare da pochi secondi a 5 minuti con sensazione di calore che sale dal torace fino al viso e al collo, seguita da una sudorazione intensa, che scompare velocemente lasciando il posto ai brividi. Durante una vampata di calore la temperatura della pelle sale effettivamente, passando nel giro di pochi minuti dai normali 28-30 gradi, fino a 34-35.

Le vampate sono generalmente più intense e fastidiose se la menopausa si verifica in anticipo cioè durante la menopausa precoce.

Fortunatamente le vampate di calore cessano spontaneamente perché sono causate dallo squilibrio ormonale dei primi anni della menopausa, in seguito questi sintomi si alleviano sempre più fino a scomparire.

Alcune donne non avvertono questo sintomo in modo fastidioso e riescono a conviverci tranquillamente, per altre le vampate sono sintomi molto fastidiosi, in questi casi spesso si verifica una contemporanea maggiore incidenza di disturbi psichici quali ansia e depressione, perdita di concentrazione e memoria e calo del desiderio sessuale.

Modificazioni dell'apparato genitale

Sintomi della menopausa

Il decremento degli ormoni femminili causato dalla menopausa determina tutta una serie di sintomi tra cui un assottigliamento della mucosa vaginale e della cute vulvare e una variazione della flora batterica, con riduzione dell'acidità vaginale e un conseguente aumento del rischio di infezioni vaginali.

Può presentarsi un'infiammazione della vagina legata alla diminuzione ormonale (vaginite atrofica) conferendo alla mucosa un aspetto ''a fragola''.

Sintomi di carattere psicologico

 

 

 

Per quanto riguarda i sintomi psichici dovuti alla menopausa, possono essere presenti irritabilità, affaticamento, insonnia, incapacità a concentrarsi, perdita di memoria, cefalea, ansia, nervosismo. Contribuiscono alla formazione di  questi sintomi psicologici ed emotivi il calo degli estrogeni, lo stress per il passare degli anni e l'insonnia collegata alle vampate.

Si possono inoltre verificare vertigini intermittenti, parestesie, palpitazioni e tachicardia.

Sono comuni anche la nausea, la stipsi, la diarrea, le artralgie, le mialgie, il senso di freddo alle mani e ai piedi e l'aumento del peso, con possibile riduzione della libido.

Si avrà un aumento dell'incidenza delle malattie cardiovascolari legata alla diminuzione degli ormoni femminili. In caso quindi di donne con malattie cardiache note potrebbe essere consigliata una terapia sostitutiva.

Osteoporosi in menopausa

Un'importante patologia legata alla menopausa è l'osteoporosi, che può causare una riduzione di circa l'1-2% annua della massa ossea con un aumento del rischio di frattura ossea. Sono a maggior rischio le donne magre, bevitrici, fumatrici e le donne che assumono corticosteroidi.

 

 

Nella classificazione delle osteoporosi quella post-menopausale  è la tipo I, si verifica principalmente tra i 51 e i 75 anni e sarebbe 6 volte più comune nelle donne.

L’osteoporosi può verificarsi anche negli uomini dopo castrazione o con bassi livelli di testosterone sierico ed è direttamente correlata alla perdita di funzione gonadica.

Le donne dovrebbero essere avvisate di consumare 1000 mg di Calcio elementare nella loro dieta giornaliera già nel periodo che precede la menopausa, ma se è presente una forte storia familiare di osteoporosi o se l'osteoporosi è già stata diagnosticata, l'apporto totale di calcio dovrebbe essere 1500 mg/24 h.
Tipicamente, un piccolo supplemento giornaliero di vitamina D3 (400 UI) è raccomandato, a meno che il paziente non sia ipercalciurico o abbia anomali livelli di vitamina D3.

La menopausa

Terapia sostitutiva per la menopausa

Dieta in menopausa

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Cisti sinoviali

I gangli, o cisti sinoviali, sono grumi non cancerogeni che si sviluppano tipicamente lungo i tendini o le articolazioni.


Fistole anali

Con il termine fistola anale si intende la formazione di un piccolo canale vicino all’uscita dell’ano.


Granuloma anulare

Il granuloma anulare è un’infiammazione della pelle che comunemente si presenta con piccole lesioni sulla cute.


Herpes genitale

L'herpes genitale è una comune infezione sessualmente trasmissibile causata dal virus herpes simplex (HSV).

 


Idronefrosi

L'idronefrosi è una condizione che si verifica quando un rene si dilata a causa del fallimento del normale drenaggio delle urine.


Giradito

Il giradito, conosciuto anche come patereccio, è un'infezione che può coinvolgere una o più dita della mano.


Colesterolo alto e trigliceridi alti: cosa fare?

Colesterolo e trigliceridi: l'importanza dell'alimentazione nelle malattie cardiovascolari.


Grasso localizzato

Grasso localizzato: è davvero possibile eliminarlo con attività fisica o diete specifiche?

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.