Acido urico

L'acido urico è un prodotto di scarto del fegato che deriva dalla distruzione delle cellule del corpo. Circola nel sangue in parte libero ed in parte legato a proteine di trasporto, viene eliminato dal nostro organismo attraverso i reni e quindi si ritrova nelle urine (valori normali 340-500 mg/giorno).

Tuttavia, quando c'è qualche problema nell'escrezione di questo acido urico, aumenta la sua concentrazione nel sangue.

La concentrazione di acido urico nel sangue, quando supera i 7 mg/dl, viene definita uricemia e si verifica a causa o di una diminuita eliminazione oppure per una aumentata produzione di acido urico.

Per valutare l'uricemia, basta un normale prelievo di sangue, effettuato in un paziente a digiuno da almeno 8-10 ore.

Acido Urico

I valori di riferimento sono per le femmine 2,4-6,5 mg/dl, mentre per i maschi 3,4-7 mg/dl.Ovviamente esistono delle lievi variazioni che dipendono dal laboratorio di analisi che esegue l'indagine.

Valori superiori a quelli di riferimento possono essere causati da diabete mellito, anemia perniciosa, digiuno, emolisi, leucemia, linfomi, policitemia, alcolismo, psoriasi, morbo di Paget, ustioni, iperparatiroidismo, farmaci (citostatici, diuretici, salicilati) ma soprattutto da malattie come la gotta e l'insufficienza renale cronica (IRC).

Valori inferiori possono essere determinati da epatite acuta, malattia di Wilson,  linfoma di Hodgkin, mieloma multiplo, sindrome di Fanconi,  gravidanza, farmaci (FANS, gli steroidi, estrogeni, allopurinolo, dicumarolici).

 

Come già detto in precedenza, l'acido urico dovrebbe essere eliminato per via urinaria dall'organismo, ma quando questo non succede si accumula nel sangue.

Essendo poco solubile, tende a precipitare formando dei cristalli che si accumulano soprattutto a livello delle componenti articolari (tendini, cartilagini e legamenti), dell’orecchio e del rene, con la formazione dei calcoli renali.

La tipica malattia correlata con l'aumento dei livelli di acido urico nel sangue (livelli superiori a  10 mg/dl) è la gotta.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Fluorosi

La fluorosi è un disturbo molto comune che colpisce i denti, caratterizzato da un’ipomineralizzazione dello smalto dei denti.


Visita d'idoneità alla pratica sportiva agonistica

In Italia esistono delle esatte linea guida che regolano e certificano la visita di idoneità alla pratica sportiva agonistica.


Spirometria

La spirometria, o misurazione del respiro, è la modalità più comune per misurare e valutare il lavoro e la funzionalità dei polmoni.


Elettroencefalogramma

L’elettroencefalogramma è uno strumento che in grado di registrare i fenomeni elettrici derivanti dall’attività cerebrale.

 


Biopsia

Per biopsia, o esame bioptico, si intende una procedura a scopo diagnostico, che consiste nel rimuovere un pezzo di tessuto o cellule dal corpo.


Fimosi

Per fimosi si intende l'incapacità di ritrarre la porzione di pelle (prepuzio) che copre la testa del pene (glande).


Fibrosi polmonare

La fibrosi polmonare è una malattia a carico dell’apparato respiratorio, causata dalla formazione di tessuto cicatriziale all’interno del polmone.


Calcoli tonsillari

I calcoli tonsillari, conosciuti anche come tonsilloliti, sono delle formazioni di piccoli detriti, simili a pietre, posti in vicinanza delle tonsille.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.