Antitrombina

L'antitrombina III è una glicoproteina del plasma con azione anticoagulante prodotta dal fegato.

È infatti il più importante inibitore della trombina e di altri fattori della cascata coagulativa (VII, IX, X, XI, XII). Inoltre è un fattore che non dipende dalla vitamina K.

Viene anche definito il ''cofattore'' dell'eparina, in quanto questo farmaco potenzia notevolmente l'’azione anticoagulante dell'antitrombina III.

I valori normali di antitrombina, analizzati tramite un semplice prelievo di sangue, si aggirano intorno ai 20 e i 40 mg/dl. Prima del prelievo si consiglia di digiunare per 8 ore e di sospendere tutti i farmaci per 72 ore.

Si riscontrano valori più alti di antitrombina nei pazienti in TAO (terapia anticoagulante orale, tipo il coumadin), con epatiti, colestasi, diabete mellito e uso di steroidi anabolizzanti.

Antitrombina

I valori bassi invece di antitrombina possono verificarsi in caso di difetto acquisito o congenito di antitrombina III.

Per quanto riguarda i difetti acquisiti, tra essi annoveriamo le patologie epatiche che comportano quindi un difetto di sintesi di questa proteina (cirrosi o tumore), e le patologie da aumentato consumo, come nel caso della CID (coagulazione intravasale disseminata).

Anche la sepsi da microorganismi Gram positivi o negativi può ridurre i livelli ematici di antitrombina III.

Oltre ai difetti acquisiti di questa proteina, esistono anche i difetti congeniti, di origine ereditaria. Questi pazienti sono a rischio di trombosi artero-venose e le manifestazioni cliniche compaiono già in età giovanile.

 

 

Altre manifestazioni cliniche di un deficit di antitrombina III sono la trombosi venosa profonda (TVP), l'embolia polmonare, l'infarto del miocardio (IMA) e l'ictus.

Anche le gravi infezioni e l'assunzione della pillola anticoncezionale possono provocare un abbassamento dei livelli di antitrombina III.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Distrofia di Duchenne

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è il tipo più comune di distrofia ed è causata da un difetto del gene che dovrebbe mantenere i muscoli sani e fa parte quindi delle malattie genetiche ereditarie.


Drepanocitosi

La drepanocitosi, o anemia falciforme, è una forma ereditaria di anemia, una condizione per la quale non vi è un numero sufficiente di globuli rossi sani nel sangue.


Coccigodinia

La coccigodinia, o dolore al coccige, è un’infiammazione che si verifica intorno al coccige, ovvero la struttura ossea che si trova nella parte inferiore della colonna vertebrale.


Cistinuria

La cistinuria è una malattia ereditaria che provoca la formazione di calcoli, prodotti a causa dell’incapacità dei reni di riassorbire la cistina.

 


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Cisti dermoide

Una cisti dermoide è un tumore benigno, detto anche teratoma, che si sviluppa prevalentemente nelle ovaie.


Cisti di Bartolini

Le ghiandole di Bartolini sono due piccole ghiandole dell’apparto femminile esterno, situate su ciascun lato dell'apertura vaginale.


Distrofie muscolari

Le distrofie muscolari sono malattie geneticamente determinate che portano alla degenerazione e la distruzione delle cellule muscolari.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.