Azotemia

L'azotemia è un parametro che esprime la concentrazione di azoto non proteico nel sangue. È importante controllare spesso il valore dell'azotemia soprattutto per verificare il corretto funzionamento dei reni.

Azotemia e funzionalità renale

Una delle principali funzioni dei reni è quella di eliminare i prodotti metabilici di scarto derivanti dalla demolizione delle proteine, che avviene soprattutto a scopo energetico (gluconeogenesi).

Il principale prodotto del catabolismo delle proteine ad opera del fegato è l'urea.

La maggior parte dell'urea prodotta viene eliminata con le urine, solo una piccola quota viene riassorbita dai reni.

Quando i reni non funzionano correttamente, l'organismo non riesce ad eliminare dal sangue le scorie azotate, che si accumulano nel circolo sanguigno e comportano l'iperazotemia, ovvero un aumento dell'azotemia.

Valori di riferimento dell'azotemia

L'azotemia nell'adulto sano varia nell'intervallo 20-50 mg/dl e i valori possono dipendere dal tipo di analisi effettuata dal laboratorio. Per esempio, alcuni laboratori si riferiscono alla concentrazione dell'azoto ureico (BUN), che costituisce circa la metà della molecola di urea. In tal caso i valori fisiologici dell'azotemia variano da 10,3 a 21,4 mg/dl.

Significato clinico dell'azotemia

Azotemia

Un elevata azotemia non è necessariamente indice di ridotta funzionalità renale.

Per esempio, chi segue una dieta iperproteica o chetogenica spesso presenta livelli di azotemia vicini o superiori al valore massimo ritenuto normale, soprattutto se l'apporto di liquidi non è abbondante. Infatti una elevata assunzione di liquidi è in grado di abbassare l'azotemia, determinando il rischio di falsi negativi.

Anche un'attività fisica molto intensa e prolungata, che determina un elevato catabolismo proteico, può determinare un aumento dell'azotemia anche se i reni funzionano perfettamente.

 

Dunque, per verificare l'effettiva presenza di un problema a livello renale, si ricorre in genere alla contemporanea analisi di altri valori, come la creatinina e l'uricemia: se questi valori sono normali, è improbabile che l'azotemia sia elevata per cause di origine renale.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.


Legamenti del ginocchio: lesioni e traumi

I legamenti del ginocchio, i due crociati e i due collaterali: lesioni e traumi.


Coagulazione intravascolare disseminata

La coagulazione intravascolare disseminata (CID) è una rara sindrome che interessa la coagulazione del sangue, è una condizione di salute abbastanza pericolosa.


Croup

Con il termine croup, o laringotracheobronchite, si fa riferimento ad un'infezione delle vie aeree superiori, che ostacola la respirazione.

 


Cancroide

Il cancroide, conosciuto anche come ulcera molle, è un infezione a trasmissione sessuale ed è causata dal batterio Haemophilus ducreyi.


Condrocalcinosi

La condrocalcinosi, conosciuta anche come pseudogotta, è una malattia che interessa le articolazioni, i tendini e le borse sierose.


Infezioni alimentari

Le infezioni alimentari fanno parte delle malattie chiamate zoonosi, ovvero quelle malattie o infezioni che si trasmettono, direttamente o indirettamente, da animale a uomo.


Episclerite

L'episclerite è una condizione infiammatoria che interessa l'episclera, sottile strato di tessuto connettivale lasso che si trova tra la congiuntiva e la sclera.