Azotemia

L'azotemia è un parametro che esprime la concentrazione di azoto non proteico nel sangue. È importante controllare spesso il valore dell'azotemia soprattutto per verificare il corretto funzionamento dei reni.

Azotemia e funzionalità renale

Una delle principali funzioni dei reni è quella di eliminare i prodotti metabilici di scarto derivanti dalla demolizione delle proteine, che avviene soprattutto a scopo energetico (gluconeogenesi).

Il principale prodotto del catabolismo delle proteine ad opera del fegato è l'urea.

La maggior parte dell'urea prodotta viene eliminata con le urine, solo una piccola quota viene riassorbita dai reni.

Quando i reni non funzionano correttamente, l'organismo non riesce ad eliminare dal sangue le scorie azotate, che si accumulano nel circolo sanguigno e comportano l'iperazotemia, ovvero un aumento dell'azotemia.

Valori di riferimento dell'azotemia

L'azotemia nell'adulto sano varia nell'intervallo 20-50 mg/dl e i valori possono dipendere dal tipo di analisi effettuata dal laboratorio. Per esempio, alcuni laboratori si riferiscono alla concentrazione dell'azoto ureico (BUN), che costituisce circa la metà della molecola di urea. In tal caso i valori fisiologici dell'azotemia variano da 10,3 a 21,4 mg/dl.

Significato clinico dell'azotemia

Azotemia

Un elevata azotemia non è necessariamente indice di ridotta funzionalità renale.

Per esempio, chi segue una dieta iperproteica o chetogenica spesso presenta livelli di azotemia vicini o superiori al valore massimo ritenuto normale, soprattutto se l'apporto di liquidi non è abbondante. Infatti una elevata assunzione di liquidi è in grado di abbassare l'azotemia, determinando il rischio di falsi negativi.

Anche un'attività fisica molto intensa e prolungata, che determina un elevato catabolismo proteico, può determinare un aumento dell'azotemia anche se i reni funzionano perfettamente.

 

Dunque, per verificare l'effettiva presenza di un problema a livello renale, si ricorre in genere alla contemporanea analisi di altri valori, come la creatinina e l'uricemia: se questi valori sono normali, è improbabile che l'azotemia sia elevata per cause di origine renale.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Fluorosi

La fluorosi è un disturbo molto comune che colpisce i denti, caratterizzato da un’ipomineralizzazione dello smalto dei denti.


Visita d'idoneità alla pratica sportiva agonistica

In Italia esistono delle esatte linea guida che regolano e certificano la visita di idoneità alla pratica sportiva agonistica.


Spirometria

La spirometria, o misurazione del respiro, è la modalità più comune per misurare e valutare il lavoro e la funzionalità dei polmoni.


Elettroencefalogramma

L’elettroencefalogramma è uno strumento che in grado di registrare i fenomeni elettrici derivanti dall’attività cerebrale.

 


Biopsia

Per biopsia, o esame bioptico, si intende una procedura a scopo diagnostico, che consiste nel rimuovere un pezzo di tessuto o cellule dal corpo.


Fimosi

Per fimosi si intende l'incapacità di ritrarre la porzione di pelle (prepuzio) che copre la testa del pene (glande).


Fibrosi polmonare

La fibrosi polmonare è una malattia a carico dell’apparato respiratorio, causata dalla formazione di tessuto cicatriziale all’interno del polmone.


Calcoli tonsillari

I calcoli tonsillari, conosciuti anche come tonsilloliti, sono delle formazioni di piccoli detriti, simili a pietre, posti in vicinanza delle tonsille.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.