Globuli rossi

I globuli rossi, o eritrociti, sono particolari cellule del sangue prive di nucleo e di organelli citoplasmatici, dotate solo di una membrana plasmatica che racchiude l'emoglobina ed un numero limitato di enzimi, necessari per il mantenimento dell'integrità della membrana e per la funzione di trasporto dei gas.

I globuli rossi hanno colore rosa e sono i principali responsabili del colore del sangue. La forma dei globuli rossi è a "disco biconcavo", che ha un rapporto tra superficie e volume superiore rispetto alla forma sferica: ciò permette di aumentare gli scambi gassosi.

La membrana dei globuli rossi è particolarmente fluida e questo consente di passare, deformandosi, anche attraverso i capillari più piccoli.

I globuli rossi contengono emoglobina, una molecola in grado di legare ossigeno e anidride carbonica.

La principale funzione dei globuli rossi è quella di trasportare questi due gas, fondamentali per il metabolismo delle cellule, dai polmoni ai tessuti (ossigeno) e viceversa (anidride carbonica).

Globuli rossi

In 1 millimetro cubo di sangue sono presenti circa 5.000.000 di globuli rossi, dunque un individuo adulto ne possiede quasi 15000 miliardi.

Globuli rossi ed eritropoietina

I globuli rossi vengono continuamente generati dal midollo osseo, per rimpiazzare quelli che muoiono. Infatti i globuli rossi non si autoriproducono e la loro vita media è di 120 giorni circa.

Il processo viene regolato da un ormone, l'eritropoietina (EPO), secreto dal rene nell'adulto, scoperto per la prima volta nel 1975 da Miyake nelle urine di soggetti anemici.

 

 

Le cellule renali sono dotate di un sensore della quantità di ossigeno ed, in base al grado di ipossia (riduzione di ossigeno) del sangue che le irrora, regolano la secrezione di eritropoietina.

L'EPO è uno degli ormoni utilizzati come doping ematico, per aumentare la percentuale di globuli rossi nel sangue (l'ematocrito) e di conseguenza la capacità di trasporto dell'ossigeno ai muscoli.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Distrofia di Duchenne

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è il tipo più comune di distrofia ed è causata da un difetto del gene che dovrebbe mantenere i muscoli sani e fa parte quindi delle malattie genetiche ereditarie.


Drepanocitosi

La drepanocitosi, o anemia falciforme, è una forma ereditaria di anemia, una condizione per la quale non vi è un numero sufficiente di globuli rossi sani nel sangue.


Coccigodinia

La coccigodinia, o dolore al coccige, è un’infiammazione che si verifica intorno al coccige, ovvero la struttura ossea che si trova nella parte inferiore della colonna vertebrale.


Cistinuria

La cistinuria è una malattia ereditaria che provoca la formazione di calcoli, prodotti a causa dell’incapacità dei reni di riassorbire la cistina.

 


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Cisti dermoide

Una cisti dermoide è un tumore benigno, detto anche teratoma, che si sviluppa prevalentemente nelle ovaie.


Cisti di Bartolini

Le ghiandole di Bartolini sono due piccole ghiandole dell’apparto femminile esterno, situate su ciascun lato dell'apertura vaginale.


Distrofie muscolari

Le distrofie muscolari sono malattie geneticamente determinate che portano alla degenerazione e la distruzione delle cellule muscolari.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.