Piastrine e coagulazione del sangue

Le piastrine sono elementi corpuscolati del sangue.

Sono le principali cellule che contribuiscono al fenomeno della coagulazione: in particolari condizioni si aggregano insieme allo scopo di favorire l'emostasi e di bloccare le emorragie.

Le piastrine sono prodotte nel midollo osseo e hanno una vita media approssimativamente di 10 giorni. Sono cellule prive di nucleo, ma possiedono granuli e molti organelli citoplasmatici e RNA, hanno una forma tondeggiante o ovale.

Funzione delle piastrine

Piastrine

La coagulazione è un complesso processo a cascata che avviene a seguito della lesione di un vaso sanguigno. L'esposizione del collagene della parete danneggiata e il rilascio di alcune sostanze chimiche determinano l'attivazione delle piastrine, che aderiscono rapidamente al collagene esposto nella parete danneggiata e rilasciano a loro volta delle sostanze (citochine) che promuovono l'attivazione e l'associazione di altre piastrine: si forma così un tappo fragile chiamato trombo bianco.

Le piastrine sono estremamente fragili: pochi secondi dopo la lesione di un vaso si aggregano e si rompono, liberando nel sangue circostante il contenuto dei loro granuli e favorendo la formazione del coagulo. L'aggregazione delle piastrine è limitata da altri fattori rilasciati nella sede i (come ossido nitrico e prostaciclina, un eicosanoide), per evitare che il coagulo interessi un'area troppo vasta generando un trombo che blocca il flusso sanguigno.

 

Valori di riferimento delle piastrine: carenza ed eccesso

I valori di riferimento per le piastrine sono pari a 150.000-400.000 per millimetro cubo di sangue.

La coagulazione del sangue dovuta all'aggregazione delle piastrine è un fenomeno sfavorevole se avviene in condizioni normali, perchè può portare alla trombosi. La loro diminuzione causa alterazioni dell'emostasi con allungamento del tempo di emorragia.

Valori superiori al normale possono essere determinati da carcinomi, carenza di ferro, esercizio fisico molto intenso, febbre reumatica, infiammazioni, da leucemie, da morbo di Hodkin, da osteomieliti, da parto, da policitemia, da splenectomia, traumi, eccesso di vitamina B12.

Valori inferiori possono essere causati da anemia aplastica, deficit di vitamina B12, infezioni virali, leptospirosi, leucemia, linfomi, malaria, porpora, trasfusioni, uso di farmaci (antibiotici, barbiturici, diuretici, fenilbutazone), ipoglicemizzanti, PAS, piramidone e sulfamidici.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Fluorosi

La fluorosi è un disturbo molto comune che colpisce i denti, caratterizzato da un’ipomineralizzazione dello smalto dei denti.


Visita d'idoneità alla pratica sportiva agonistica

In Italia esistono delle esatte linea guida che regolano e certificano la visita di idoneità alla pratica sportiva agonistica.


Spirometria

La spirometria, o misurazione del respiro, è la modalità più comune per misurare e valutare il lavoro e la funzionalità dei polmoni.


Elettroencefalogramma

L’elettroencefalogramma è uno strumento che in grado di registrare i fenomeni elettrici derivanti dall’attività cerebrale.

 


Biopsia

Per biopsia, o esame bioptico, si intende una procedura a scopo diagnostico, che consiste nel rimuovere un pezzo di tessuto o cellule dal corpo.


Fimosi

Per fimosi si intende l'incapacità di ritrarre la porzione di pelle (prepuzio) che copre la testa del pene (glande).


Fibrosi polmonare

La fibrosi polmonare è una malattia a carico dell’apparato respiratorio, causata dalla formazione di tessuto cicatriziale all’interno del polmone.


Calcoli tonsillari

I calcoli tonsillari, conosciuti anche come tonsilloliti, sono delle formazioni di piccoli detriti, simili a pietre, posti in vicinanza delle tonsille.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.