VES (Velocità di Eritrosedimentazione)

VES è l'acronimo di Velocità di EritroSedimentazione, ed è un esame molto importante per valutare lo stato di salute dell'organismo e la presenza di svariate patologie.

L'analisi della VES si basa sul fatto che il sangue contiene una parte corpuscolata e una liquida. Quando un campione di sangue (addizionato con anticoagulante) viene messo in un recipiente i globuli rossi tendono a sedimentare (cioè a precipitare accumulandosi sul fondo del recipiente), spinti dalla forza di gravità.

Tale tendenza alla sedimentazione è contrastata dalla forza di galleggiamento e dalla carica negativa della superficie degli eritrociti, che fa sì che si respingano tra loro.

Se nel plasma sono presenti proteine a carica positiva, che favoriscono l'impilamento delle emazie, può aumentare la tendenza a precipitare dei globuli rossi. Risale al primo dopoguerra la scoperta che, in gravidanza, aumentava la velocità di sedimentazione degli eritrociti. Si pensò allora di utilizzare tale velocità come indicatore diagnostico. Nacque così la VES, uno degli esami di laboratorio più utilizzato, nel bene e nel male, come vedremo.

VES: valori di riferimento

Il valore della VES dopo 1 ora varia a seconda dell'età e del sesso. Nel neonato non superano i 2 mm, nel maschio adulto arrivano a 10 mm, nella femmina adulta a 15 mm, e arrivano a superare i 20 mm nell'anziano.

Ecco una semplice formula per ricavare i valori di riferimento per la VES:

VES uomo = età/2 VES donna = (età+10)/2

VES alta

La VES aumenta soprattutto nelle condizioni fisiologiche o patologiche che implicano un aumento di fibrinogeno, betaglobuline, alfaglobuline e gammaglobuline, tutte proteine del plasma con carica negativa che accelera la sedimentazione dei globuli rossi.

In genere la VES è indice di infiammazione in corso, tuttavia le patologie che ne determinano un aumento sono moltissime e quindi non è semplice interpretare il risultato. Per esempio, una velocità superiore a 100 potrebbe segnalare un tumore maligno o un'artrite reumatoide, ma la sua normalità non può escludere la presenza di queste patologie.

 

 

VES

In alcune patologie, come le collagenopatie, le malattie reumatiche e il morbo di Hodgkin, esiste un a correlazione tra i valori della VES e il grado di attività della malattia. L'esame, in questi casi, risulta utile ai fini del monitoraggio delle condizioni di un paziente o dell'efficacia di una terapia.

Condizioni che aumentano lievemente la VES: anemia, artrosi, gotta, gravidanza, postpartum, mestruazioni, infezioni da cytomegalovirus, toxoplasmosi, rickettsiosi; cirrosi, colite ulcerosa.§

VES tra 20 e 50 mm: anemia, artrosi, gotta, gravidanza, postpartum, mestruazioni, infezioni da cytomegalovirus, toxoplasmosi, rickettsiosi; cirrosi, colite ulcerosa.

VES tra 50 e 90 mm: linfoma, febbre reumatica, artrite reumatoide, artrite temporale di Horton, epatite virale, mononucleosi, glomerulonefrite, metastasi epatiche, ictus, infarto miocardico acuto, tubercolosi, mononucleosi, morbo di Crohn.

VES tra 90 e 100 mm: mieloma, leucemie, polimialgia reumatica, LES, artrite reumatoide, tromboflebite, endocardite subacuta, polmonite, colangite, osteomielite, pielonefrite, ascessi, post cardiochirurgia, carcinoma mammella, carcinoma polmonare, infarto polmonare.

VES bassa

La VES è inferiore alla norma principalmente in presenza di alcune patologie quali l'anemia drepanocitica, la policitemia e l'insufficienza cardiaca.

Anche un danno a carico del fegato può diminuire i valori della VES, e questo può avvenire anche durante una patologia che tende ad aumentarne i valori (altro motivo per affiancare alla VES un'anamnesi il più possibile accurata e altri esami di laboratorio).

La VES come esame di routine

La VES va richiesta come esame ispettivo, insieme alla proteina C reattiva, se si sospetta una malattia proliferativa, necrotizzante o infettiva.

L'opportunità di eseguire o meno tale esame in mancanza di un preciso quesito clinico è stata oggetto di dibattito internazionale, in quanto molto spesso un valore alterato non significa nulla dal punto di vista clinico.

La VES è compresa tra i test che vengono richiesti prima di un ricovero in ospedale, tuttavia questa pratica fornisce elementi diagnostici in una percentuale di casi inferiore al 10 per cento del totale. Questo ha fatto dubitare del valore della VES come esame di routine.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Distrofia di Duchenne

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è il tipo più comune di distrofia ed è causata da un difetto del gene che dovrebbe mantenere i muscoli sani e fa parte quindi delle malattie genetiche ereditarie.


Drepanocitosi

La drepanocitosi, o anemia falciforme, è una forma ereditaria di anemia, una condizione per la quale non vi è un numero sufficiente di globuli rossi sani nel sangue.


Coccigodinia

La coccigodinia, o dolore al coccige, è un’infiammazione che si verifica intorno al coccige, ovvero la struttura ossea che si trova nella parte inferiore della colonna vertebrale.


Cistinuria

La cistinuria è una malattia ereditaria che provoca la formazione di calcoli, prodotti a causa dell’incapacità dei reni di riassorbire la cistina.

 


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Cisti dermoide

Una cisti dermoide è un tumore benigno, detto anche teratoma, che si sviluppa prevalentemente nelle ovaie.


Cisti di Bartolini

Le ghiandole di Bartolini sono due piccole ghiandole dell’apparto femminile esterno, situate su ciascun lato dell'apertura vaginale.


Distrofie muscolari

Le distrofie muscolari sono malattie geneticamente determinate che portano alla degenerazione e la distruzione delle cellule muscolari.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.