Diabete

Il diabete è la più comune tra le malattie metaboliche, ed è caratterizzata da una condizione d'iperglicemia, in altre parole un aumento del glucosio nel sangue. Nelle società industrializzate questa patologia è in aumento. Le abitudini alimentari non corrette e la sedentarietà, sono due delle cause di questo aumento.

I vari tipi di diabete

Parlando di diabete è opportuno distinguere:

  • Diabete insulino-dipendente o tipo I.
  • Diabete non insulino-dipendente o tipo II.
  • Diabete secondario a malattie pancreatiche, indotto da farmaci o sostanze chimiche, anomalie dei recettori insulinici, altre
  • Diabete mellito gestazionale

Il diabete esordisce in modo diverso a seconda del tipo.

Il diabete di tipo I colpisce soggetti al di sotto dei quaranta anni, con un picco di incidenza intorno ai quattordici anni. Questa forma di diabete è secondaria alla distruzione delle cellule produttrici d'insulina, le cellule beta pancreatiche. Il processo distruttivo avviene quasi certamente su base autoimmunitaria, favorito da un aumento della diuresi, aumento dell'appetito non accompagnato da un incremento di peso bensì da una riduzione di peso corporeo, con contemporanea presenza di una condizione di chetoacidosi. Caratteristica di questi pazienti è un rapporto glucagone/insulina alterato con elevati livelli di glucagone e ridotti o assenti livelli di insulina.

Diabete

Il diabete di tipo II, esordisce di solito dopo i quaranta anni, e la diagnosi è spesso fatta in maniera casuale nel corso di un'indagine di laboratorio dove si riscontra una glicemia sopra la norma, frequentemente in pazienti in soprappeso. I valori insulinici sono normali o aumentati, ma è presente una resistenza periferica allazione insulinica: in pratica le cellule dell'organismo non rispondono più in modo normale all'insulina, non sottraggono più il glucosio dal sangue in risposta a una normale dose di insulina, ma necessitano di una quantità superiore, come se si fossero "assuefatte" all'insulina.

 

 

Manca la chetoacidosi caratteristica del tipo I, mentre si manifesta una iperosmolarità plasmatica, secondaria a diuresi aumentata, conseguente ad una glicemia costantemente elevata. Il non riequilibrio dei liquidi persi può portare al coma iperosmolare.

Gli altri tipi di diabete sono molto più rari e indotti da cause specifiche.

I numeri del diabete nel mondo

Più di 170 milioni di persone nel mondo sono affette da diabete. Questo numero è destinato a crescere in modo esponenziale nei prossimi anni soprattutto nei paesi industrializzati, in conseguenza non solo dell'aumento della popolazione e della durata media di vita, ma anche della mancanza di esercizio fisico e dell'alimentazione poco corretta.

Si stima che nel 2025 ci saranno 300 milioni di diabetici; più di 3 milioni di italiani soffrono di diabete ed un milione non lo sa: oltre i quaranta anni, un italiano su tre è a rischio di diabete e quasi uno su cinque è già pre-diabetico.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Distrofia di Duchenne

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è il tipo più comune di distrofia ed è causata da un difetto del gene che dovrebbe mantenere i muscoli sani e fa parte quindi delle malattie genetiche ereditarie.


Drepanocitosi

La drepanocitosi, o anemia falciforme, è una forma ereditaria di anemia, una condizione per la quale non vi è un numero sufficiente di globuli rossi sani nel sangue.


Coccigodinia

La coccigodinia, o dolore al coccige, è un’infiammazione che si verifica intorno al coccige, ovvero la struttura ossea che si trova nella parte inferiore della colonna vertebrale.


Cistinuria

La cistinuria è una malattia ereditaria che provoca la formazione di calcoli, prodotti a causa dell’incapacità dei reni di riassorbire la cistina.

 


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Cisti dermoide

Una cisti dermoide è un tumore benigno, detto anche teratoma, che si sviluppa prevalentemente nelle ovaie.


Cisti di Bartolini

Le ghiandole di Bartolini sono due piccole ghiandole dell’apparto femminile esterno, situate su ciascun lato dell'apertura vaginale.


Distrofie muscolari

Le distrofie muscolari sono malattie geneticamente determinate che portano alla degenerazione e la distruzione delle cellule muscolari.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.