Esami per la prostata

Gli esami per la prostata sono di fondamentale importanza per la diagnosi della ipertrofia prostatica benigna. Questi esami per la prostata sono l'anamnesi, l'esplorazione rettale, l'esame del PSA, l'ecografia e la biopsia. Vediamoli singolarmente.

Anamnesi

Occupa un posto di primaria importanza per diagnostica problemi alla prostata. Il medico devo cogliere le abitudini del paziente, i sintomi e le eventuali alterazioni minzionali. Grande importanza assumono segni come la pollachiura notturna (aumento della frequenza minzionale), il senso imperioso alla minzione, la disuria e lo scarso mitto urinario (quantità di urina espulsa).

La pollachiura va distinta dalla nicturia: in quest'ultima il paziente si alza di notte per urinare e la sua diuresi è aumentata (tipica del diabete insipido), mentre nella pollachiura aumenta la frequenza di minzione ma non la quantità di urina prodotta!

Esplorazione rettale

Esami per la prostata

Altro esame di fondamentale importanza. Il medico, inserendo un dito attraverso l'ano, sente una prostata liscia, omogenea, con margini ben delimitati ma aumentata di volume.

PSA

Il PSA è l'antigene prostatico specifico (Prostate-specific antigen) che trattiamo in un articolo sul PSA.

Ecografia

L'ecografia prostatica è un esame utile, quasi di routine, non traumatico e non dannoso per il paziente visto che non usa radiazioni ma ultrasuoni. Può essere fatta in regione sovra-pubica (permette una buona visuale della prostata ingrandita ma soprattutto della vescica e di un eventuale residuo post-minzionale) ma quella specifica per la prostata è quella trans-rettale. Con una particolare sonda inserita attraverso il retto si arriva alla visualizzazione molto più completa e nitida della prostata.

 

 

Biopsia

Esame utilissimo, permette di fare diagnosi di certezza nei casi dubbi tra carcinoma alla prostata e ipertrofia prostatica benigna, che richiedono ovviamente trattamenti ben diversi.

La biopsia viene effettuata per via trans-perineale o trans-rettale con il paziente sdraiato su un lettino ginecologico in anestesia locale. Si effettuano dei prelievi di tessuto con un ago montato su una specie di pistola, se ne fanno solitamente 12, 6 per ogni lobo della prostata.

La biopsia è utile perché permette di analizzare sia l'architettura del tessuto che le cellule che lo compongono.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Distrofia di Duchenne

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è il tipo più comune di distrofia ed è causata da un difetto del gene che dovrebbe mantenere i muscoli sani e fa parte quindi delle malattie genetiche ereditarie.


Drepanocitosi

La drepanocitosi, o anemia falciforme, è una forma ereditaria di anemia, una condizione per la quale non vi è un numero sufficiente di globuli rossi sani nel sangue.


Coccigodinia

La coccigodinia, o dolore al coccige, è un’infiammazione che si verifica intorno al coccige, ovvero la struttura ossea che si trova nella parte inferiore della colonna vertebrale.


Cistinuria

La cistinuria è una malattia ereditaria che provoca la formazione di calcoli, prodotti a causa dell’incapacità dei reni di riassorbire la cistina.

 


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Cisti dermoide

Una cisti dermoide è un tumore benigno, detto anche teratoma, che si sviluppa prevalentemente nelle ovaie.


Cisti di Bartolini

Le ghiandole di Bartolini sono due piccole ghiandole dell’apparto femminile esterno, situate su ciascun lato dell'apertura vaginale.


Distrofie muscolari

Le distrofie muscolari sono malattie geneticamente determinate che portano alla degenerazione e la distruzione delle cellule muscolari.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.