Acido D-aspartico

L'acido D-aspartico è una delle due forme dell'aminoacido acido aspartico. L'altra forma è l'L-aspartato, anch'esso venduto come integratore alimentare, ma con finalità completamente diverse rispetto all'acido D-aspartico, oggetto di questo articolo.

L'acido D-aspartico interviene come regolatore nella sintesi di alcuni ormoni sessuali, come il GH (ormone della crescita), l'ormone luteinizzante (LH) e l'ormone follicolo-stimolante. Questi ormoni agiscono sul rilascio di testosterone, e per questo si è pensato di utilizzare l'acido D-aspartico come stimolatore della produzione di testosterone.

L'acido D-aspartico viene attualmente promosso come integratore per migliorare la fertilità negli uomini con problemi di sterilità, e come miglioratore della prestazione per atleti di sport di potenza. Attualmente, gli studi hanno dimostrato una possibile efficacia per i soggetti con ridotta produzione di testosterone, mentre per quanto riguarda i soggetti sani, con una concentrazione normale di questo ormone, i benefici sarebbero molto limitati nel tempo, e dunque insufficienti per determinare un aumento della prestazione.

Controindicazioni

L'acido D-aspartico è considerato un integratore sicuro se assunto al massimo per 3 mesi, sebbene non esistano ancora studi approfonditi a riguardo. È sempre bene, pertanto, rivolgersi al medico prima di assumere questo integratore.

Acido D aspartico integratori

Benefici dell'integrazione di acido D-aspartico

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Utile per ripristinare livelli di testosterone normali in soggetti che presentano livelli ridotti

Aumento della fertilità in soggetti con problemi di fertilità

Dosaggio consigliato

Il dosaggio consigliato varia da 2 a 3 g al giorno, fino a 90 giorni. Alcuni studi hanno utilizzato una integrazione consecutiva di 12 giorni, con una settimana di pausa; altri una integrazione continua.

Conclusioni

Gli studi sull'acido D-aspartico non hanno evidenziato alcun incremento della performance sportiva, e dunque attualmente è sconsigliabile l'utilizzo di questo integratore al fine di migliorare la prestazione negli sport di potenza. Per quanto riguarda l'infertilità, l'integrazione può avere qualche effetto positivo, e va valutata con il proprio medico.

Bibliografia

 

 

The role and molecular mechanism of D-aspartic acid in the release and synthesis of LH and testosterone in humans and rats

d-Aspartic acid supplementation combined with 28 days of heavy resistance training has no effect on body composition, muscle strength, and serum hormones associated with the hypothalamo-pituitary-gonadal axis in resistance-trained men

D-Aspartate, a Key Element for the Improvement of Sperm Quality

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.


Bacillus cereus

Il Bacillus cereus è uno dei batteri che più comunemente provocano intossicazioni alimentari nelle ore successive ai pasti.


PAP test

Il PAP test è un esame citologico utilizzato nello screening del carcinoma della cervice uterina.


Selenio

Il selenio è un integratore utile solo in caso di carenza accertata, perché i rischi di sovradosaggio non sono da trascurare.

 


Hoodia gordonii

Hoodia gordonii è un integratore antifame derivato da un cactus, la cui efficacia non è dimostrata e che presenta alcuni problemi di tossicità.


Shock anafilattico

Lo shock anafilattico, chiamato anche anafilassi, è una grave reazione allergica, potenzialmente pericolosa per la vita di una persona.


L-Ornitina

L'ornitina è un integratore potenzialmente utile in caso di patologie che determinano un eccesso di ammoniaca, non sembra essere utile per gli sportivi.


Tè verde

Il tè verde contiene caffeina, polifenoli e catechine: può essere utile per prevenire alcune patologie ma la sua efficacia non è stata ancora pienamente dimostrata.