Berberina

La berberina è un alcaloide del gruppo degli alcaloidi benzilisochinolinici, che in natura si trova nelle radici, nei rizomi, nei fusti o nelle cortecce di alcune piante del genere Berberis, Hydrastis canadensis e Coptis chinensis.

La berberina agisce attivando l'enzima proteina adenosina monofosfato-chinasi attivata (AMPK), e inibisce l'enzima proteina-tirosina fosfatasi 1B (PTP1B).

La berberina è utilizzata da secoli nella medicina tradizionale cinese, oggi è studiata come integratore per i suoi potenziali effetti anti-infiammatori e anti-diabetici. Può anche migliorare la salute intestinale e ridurre il colesterolo, e diminuire la produzione di glucosio nel fegato.

Studi preliminari hanno suggerito che la berberina può agire in sinergia con i farmaci antidepressivi, favorendo la perdita di grasso corporeo.

Controindicazioni

L'uso di berberina è sconsigliato nei neonati e, per precauzione, anche in gravidanza. A dosaggi molto elevati è stato osservato un effetto cancerogeno nei roditori. 

Gli effetti indesiderati più comuni sono i problemi intestinali, evitabili dividendo la dose giornaliera in più assunzioni.

Berberina

Benefici dell'integrazione di acido alfa-lipoico

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Riduce il colesterolo.

Utile per il controllo della glicemia nel diabete.

Dosaggio consigliato

La dose standard di berberina varia da 900 mg a 2 g al giorno, divisa in 3 o 4 assunzioni, da assumere ai pasti.

Conclusioni

La berberina è un integratore molto promettente per quanto riguarda la prevenzione delle malattie cardiovascolari, e per la cura del diabete. Per queste due condizioni gli studi, sebbene non definitivi, sono piuttosto promettenti. L'assunzione di berberina per queste condizioni va effettuata sotto controllo medico.

 

 

Per molte altre condizioni come il cancro, la salute mentale, del fegato, dello stomaco e dell'intestino, e altre sono in corso studi preliminari, alcuni dei quali hanno riscontrato una certa efficacia.

Bibliografia

Efficacy and safety of alpha-lipoic acid supplementation in the treatment of symptomatic diabetic neuropathy

Efficacy and safety of antioxidant treatment with α-lipoic acid over 4 years in diabetic polyneuropathy: the NATHAN 1 trial

Assessment of the antioxidant effectiveness of alpha-lipoic acid in healthy men exposed to muscle-damaging exercise

Alpha-lipoic acid modifies oxidative stress parameters in sickle cell trait subjects and sickle cell patients

Glycemic and oxidative status of patients with type 2 diabetes mellitus following oral administration of alpha-lipoic acid: a randomized double-blinded placebo-controlled study

A randomized, double-blind, placebo-controlled study on the clinical efficacy of oral treatment with DermaVite on ageing symptoms of the skin

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.


Bacillus cereus

Il Bacillus cereus è uno dei batteri che più comunemente provocano intossicazioni alimentari nelle ore successive ai pasti.


PAP test

Il PAP test è un esame citologico utilizzato nello screening del carcinoma della cervice uterina.


Selenio

Il selenio è un integratore utile solo in caso di carenza accertata, perché i rischi di sovradosaggio non sono da trascurare.

 


Hoodia gordonii

Hoodia gordonii è un integratore antifame derivato da un cactus, la cui efficacia non è dimostrata e che presenta alcuni problemi di tossicità.


Shock anafilattico

Lo shock anafilattico, chiamato anche anafilassi, è una grave reazione allergica, potenzialmente pericolosa per la vita di una persona.


L-Ornitina

L'ornitina è un integratore potenzialmente utile in caso di patologie che determinano un eccesso di ammoniaca, non sembra essere utile per gli sportivi.


Tè verde

Il tè verde contiene caffeina, polifenoli e catechine: può essere utile per prevenire alcune patologie ma la sua efficacia non è stata ancora pienamente dimostrata.