Capsaicina o capsicina

La capsaicina (o capsicina) è il principio attivo che si trova nel peperoncino, ed è la sostanza che li rende piccanti.

La capsaicina si può assumere mangiando peperoncino, cotto, crudo o essiccato, insieme a cibi o bevande. È disponibile anche come integratore alimentare, sia in capsule che (più frequentemente) in creme da applicare sulla pelle.

Come crema da applicare per uso topico, la capsaicina viene utilizzata per alleviare il dolore di vario tipo: dolore post-operatorio, neurologico (nevralgia del trigemino, fuoco di sant'Antonio), cefalea a grappolo, osteoartrite e artrite reumatoide, psoriasi, piaghe della bocca causate da radiazioni o chemioterapia.

La capsaicina agisce contro il dolore con un meccanismo particolare: infatti prima aumenta, per poi diminuire l'intensità del segnale doloroso. Inizialmente, quindi, spesso chi applica una crema a base di capsaicina sente il dolore aumentare, ma in un secondo momento questo diminuisce.

La capsaicina è consigliata anche per migliorare la digestione, perché aumenta i liquidi digestivi nello stomaco, inoltre può combattere i batteri che potrebbero causare un'infezione.

Si pensa che la capsaicina possa avere un ruolo nella prevenzione delle malattie cardiache, come stimolatore del sistema cardiovascolare, come ipocolesterolemizzante, e come sostanza in grado di diminuire la pressione sanguigna.

La capsaicina è una sostanza con un discreto potere antiossidante.

Viene anche promossa come integratore per perdere peso, ma gli studi in merito sono ancora troppo pochi per poter esprimere un perere in merito.

 

Controindicazioni

La capsaicina è ritenuta una sostanza sicura, se assunta in modo corretto.

Come tutti sanno, la capsaicina è una sostanza irritante per le mucose, quindi va assunta con cautela, soprattutto per i soggetti non abituati ad essa. Se si assume come alimento, bisogna iniziare con piccole dosi, e aumentare gradualmente. Esistono persone allergiche alla capsaicina: se non siete sicuri di non esserlo, iniziate applicando una crema a base di capsaicina in una piccola zona della pelle, o assumendone dosi molto piccole.

La capsaicina è sconsigliata per chi ha la pressione alta e per chi è in trattamento con farmaci per l'ipertensione.

Non bisogna toccarsi gli occhi o altre mucose dopo aver maneggiato peperoncino o creme a base di capsaicina, per evitare fastidiose irritazioni.

Le creme a base di capsaicina vanno applicate solo sulla pelle intatta.

Capsaicina

Benefici dell'integrazione di capsaicina

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Antidolorifico per uso topico

Dosaggio consigliato

Le creme a base di capsaicina possono essere assunte più volte al giorno, se non causano effetti collaterali. Per bocca, non esistono ancora studi sufficientemente approfonditi per poter consigliare una dose giornaliera specifica, che tra l'altro è molto soggettiva in base alla tolleranza alla sensazione di piccante.

Conclusioni

La capsaicina è una sostanza con proprietà interessanti, ma ancora poco studiata. Attualmente si può dire qualcosa di certo solamente riguardo alle creme a base di capsaicina, che effettivamente sembrano avere un effetto antidolorifico potenzialmente utile per diverse condizioni patologiche.

Bibliografia

 

Alterations Of Autonomic Nervous Activity And Energy Metabolism By Capsaicin Ingestion During Aerobic Exercise In Healthy Men

Pharmacokinetic And The Effect Of Capsaicin In Capsicum Frutescens On Decreasing Plasma Glucose Level

Maximum Tolerable Dose Of Red Pepper Decreases Fat Intake Independently Of Spicy Sensation In The Mouth

Antioxidant activities of two sweet pepper Capsicum annuum L. varieties phenolic extracts and the effects of thermal treatment

Final report on the safety assessment of capsicum annuum extract, capsicum annuum fruit extract, capsicum annuum resin, capsicum annuum fruit powder, capsicum frutescens fruit, capsicum frutescens fruit extract, capsicum frutescens resin, and capsaicin.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Fimosi

Per fimosi si intende l'incapacità di ritrarre la porzione di pelle (prepuzio) che copre la testa del pene (glande).


Fibrosi polmonare

La fibrosi polmonare è una malattia a carico dell’apparato respiratorio, causata dalla formazione di tessuto cicatriziale all’interno del polmone.


Calcoli tonsillari

I calcoli tonsillari, conosciuti anche come tonsilloliti, sono delle formazioni di piccoli detriti, simili a pietre, posti in vicinanza delle tonsille.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.

 


Disprassia

La disprassia è caratterizzata da una mancanza di coordinamento tra le intenzioni mentali e la capacità di coordinare il corpo e le azioni.


Shock ipovolemico

Per shock ipovolemico si indica una condizione nella quale si perde più di un quinto del sangue presente nel corpo, cioè più di un litro di sangue.


Shock anafilattico

Lo shock anafilattico, chiamato anche anafilassi, è una grave reazione allergica, potenzialmente pericolosa per la vita di una persona.


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.