Cartilagine di squalo

La cartilagine di squalo è un particolare tipo di cartilagine gommosa che costituisce lo scheletro dello squalo e in generale dei pesci ad esso affini, i Condritti, come la razza e la chimera.

La cartilagine di squalo essiccata e ridotta in polvere è venduta come integratore per svariati utilizzi, tra cui anche la prevenzione e la cura del cancro, soprattutto del sarcoma di Kaposi, che colpisce spesso le persone colpite dal virus HIV. La cartilagine di squalo è utilizzata anche per l'artrite, la psoriasi, la cicatrizzazione delle ferite, la retinopatia diabetica e l'enterite (infiammazione dell'intestino).

La cartilagine di squalo viene anche venduta sottoforma di crema, da applicare sulla pelle, per combattere l'artrite e la psoriasi.

Controindicazioni

La cartilagine di squalo è probabilmente sicura per maggior parte delle persone quando assunta nelle quantità consigliate per via orale, per un massimo di 40 mesi; e se applicata sulla pelle per un massimo di 8 settimane.

Gli effetti collaterali comprendono sapore sgradevole, nausea, vomito, mal di stomaco, costipazione, ipotensione, vertigini, glicemia alta, livelli elevati di calcio (è sconsigliabile a chi è affetto da ipercalcemia), stanchezza.

Cartilagine di squalo

Benefici dell'integrazione di cartilagine di squalo

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Nessuno

Dosaggio consigliato

Non esistono ancora informazioni sufficientemente documentate per consigliare una dose ottimale.

Conclusioni

La cartilagine di squalo viene promosso soprattutto come integratore anticancro, ma le ricerche effettuate non hanno dimostrato la capacità di questo integratore di combattere qualunque tipo di tumore.

Su altre condizioni, come la psoriasi, esistono alcune ricerche che hanno sperimentato una qualche utilità, ma ne occorrono altre a conferma.

 

 

Allo stato attuale della ricerca, si può affermare che la cartilagine di squalo non è un integratore interessante, per nessun tipo di condizione.

Bibliografia

Effect of shark cartilage derived protein on the NK cells activity

Evaluation of shark cartilage in patients with advanced cancer: a North Central Cancer Treatment Group trial

Neovastat (AE-941) in refractory renal cell carcinoma patients: report of a phase II trial with two dose levels

Neovastat (AE-941), an inhibitor of angiogenesis: Randomized phase I/II clinical trial results in patients with plaque psoriasis

A randomized, double blind, placebo controlled trial of a topical cream containing glucosamine sulfate, chondroitin sulfate, and camphor for osteoarthritis of the knee

Anti-inflammatory and analgesic activity of a water-soluble fraction from shark cartilage

Shark cartilage for cancer treatment

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.


Bacillus cereus

Il Bacillus cereus è uno dei batteri che più comunemente provocano intossicazioni alimentari nelle ore successive ai pasti.


PAP test

Il PAP test è un esame citologico utilizzato nello screening del carcinoma della cervice uterina.


Selenio

Il selenio è un integratore utile solo in caso di carenza accertata, perché i rischi di sovradosaggio non sono da trascurare.

 


Hoodia gordonii

Hoodia gordonii è un integratore antifame derivato da un cactus, la cui efficacia non è dimostrata e che presenta alcuni problemi di tossicità.


Shock anafilattico

Lo shock anafilattico, chiamato anche anafilassi, è una grave reazione allergica, potenzialmente pericolosa per la vita di una persona.


L-Ornitina

L'ornitina è un integratore potenzialmente utile in caso di patologie che determinano un eccesso di ammoniaca, non sembra essere utile per gli sportivi.


Tè verde

Il tè verde contiene caffeina, polifenoli e catechine: può essere utile per prevenire alcune patologie ma la sua efficacia non è stata ancora pienamente dimostrata.