Coenzima Q10

Il coenzima Q10 è un benzochinone, una molecola organica con una catena laterale composta da 10 unità isopreniche. Viene anche chiamato ubichinone, o vitamina Q, anche se non è un composto essenziale per l'organismo (cioè può essere sintetizzato, a differenza delle vitamine).

Diverse malattie sono associate a bassi livelli di Coenzima Q10, come la fibromialgia e l'infarto.

Altre patologie possono causare una diminuzione dei livelli di Coenzima Q10, come la depressione, la sindrome di Prader-Willi, infertilità maschile, la malattia di Peyronie, l'emicrania e il morbo di Parkinson.

L'integrazione di Coenzima Q10, come vedremo, è consigliabile soprattutto per gli ipertesi, per chi assume statine, e per le persone affette da fibromialgia.

Le statine inibiscono la produzione di colesterolo, ma anche di coenzima Q10, e questo può portare ad una compromissione della produzione di energia nei muscoli, con aumento della fatica e del dolore muscolare. Una integrazione di coenzima Q10 potrebbe alleviare alcuni di questi sintomi.

Funzioni del coenzima Q10

Il coenzima Q10 è presente in tutte le cellule eucariotiche, soprattutto nei mitocondri e nelle membrane cellulari. È coinvolto soprattutto nei meccanismi aerobici di produzione di energia, partecipando alle reazioni di ossidazione e di riduzione.

 

Controindicazioni

Il coenzima Q10 non presenta particolari controindicazioni. In alcuni soggetti può causare problemi intestinali come nausea o diarrea, o rash cutanei, seppur molto rari. Il coenzima Q10 può diminure la glicemia e può causare problemi a chi ha problemi legati alla colagulazione del sangue, e può interagire con il Cumadin, riducendone l'effetto.

Coenzima Q10

Benefici dell'integrazione di coenzima Q10

Effetti accertati (forte evidenza)

Pressione alta: diversi studi hanno dimostrato una riduzione della pressione (ma solo nel 50% dei casi), tuttavia ulteriori studi sono necessari, su campioni più grandi della popolazione.

Mialgia associata all'uso di statine: molto soggetti che assumono statine per controllare i livelli di colesterolo avvertono fastidi muscolari (mialgia), che possono essere contrastati dall'integrazione di coenzima Q10. Anche in questo caso, sono necessari ulteriodi studi, su scala più vasta, per confermare questa proprietà.

Funzione antiossidante: soprattutto nei confronti della perossidazione lipidica delle membrane cellulari.

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

 

Fibromialgia: alcuni piccoli studi hanno dimostrato una riduzione dei sintomi della fibromialgia, con assunzioni di 300 mg al giorno di coenzima Q10.

Effetto antiossidante generale

Riduzione dell'ossidazione causata dall'esercizio fisico

Dosaggio consigliato

Il dosaggio consigliato va dai 50 ai 200 mg al giorno. Il coenzima Q10 va assunto durante i pasti.

Conclusioni

Il coenzima Q10 ha un costo non indifferente, e questo rappresenta un grande limite di questo integratore. Con le attuali conoscenze, può essere consigliato a chi ha la pressione alta o per chi soffre di problemi causati dall'uso di statine. Anche chi soffre di fibromialgia può valutare l'assunzione per qualche settimana, per misurarne l'efficacia.

Come antiossidante può essere assunto nei periodi di forte stress fisico, a cicli di 1-2 mesi, visto il costo non indifferente e l'efficacia non dimostrata al 100%.

Bibliografia

Oxidative stress correlates with headache symptoms in fibromyalgia: coenzyme Q10 effect on clinical improvement

Coenzyme Q10 improves seminal oxidative defense but does not affect on semen parameters in idiopathic oligoasthenoteratozoospermia: a randomized double-blind, placebo controlled trial

Reversal of mitochondrial dysfunction by coenzyme Q10 supplement improves endothelial function in patients with ischaemic left ventricular systolic dysfunction: a randomized controlled trial

Effects of coenzyme Q10 supplementation on liver mitochondrial function and aerobic capacity in adolescent athletes

Effects of coenzyme Q10 on vascular endothelial function in humans: A meta-analysis of randomized controlled trials

Coenzyme Q10 supplementation reduces oxidative stress and increase antioxidant enzyme activity in patients with coronary artery disease

Postprandial antioxidant effect of the Mediterranean diet supplemented with coenzyme Q10 in elderly men and women

Coenzyme Q10: a therapy for hypertension and statin-induced myalgia?

Coenzyme Q10 improves blood pressure and glycaemic control: a controlled trial in subjects with type 2 diabetes

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Disprassia

La disprassia è caratterizzata da una mancanza di coordinamento tra le intenzioni mentali e la capacità di coordinare il corpo e le azioni.


Shock ipovolemico

Per shock ipovolemico si indica una condizione nella quale si perde più di un quinto del sangue presente nel corpo, cioè più di un litro di sangue.


Shock anafilattico

Lo shock anafilattico, chiamato anche anafilassi, è una grave reazione allergica, potenzialmente pericolosa per la vita di una persona.


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.

 


Legamenti del ginocchio: lesioni e traumi

I legamenti del ginocchio, i due crociati e i due collaterali: lesioni e traumi.


Coagulazione intravascolare disseminata

La coagulazione intravascolare disseminata (CID) è una rara sindrome che interessa la coagulazione del sangue, è una condizione di salute abbastanza pericolosa.


Croup

Con il termine croup, o laringotracheobronchite, si fa riferimento ad un'infezione delle vie aeree superiori, che ostacola la respirazione.


Cancroide

Il cancroide, conosciuto anche come ulcera molle, è un infezione a trasmissione sessuale ed è causata dal batterio Haemophilus ducreyi.