Curcuma e curcumina

La curcumina è il pigmento giallo contenuta principalmente nella curcuma (Curcuma domestica Valeton), dalla quale prende il nome, e in misura minore nello zenzero.

La spezia, ingrediente principale del curry, si ottiene dal rizoma essiccato e macinato della pianta di curcuma.

La curcumina può essere anche utilizzata come colorante (E100), in questo caso la sostanza viene estratta con solvente dalla polvere di curcuma, l'estratto viene quindi purificato per cristallizzazione per eliminare gli aromi.

La curcuma è una sostanza utilizzata da secoli nella medicina ayurvedica. Esercita effetti antinfiammatori, che insieme ad altre proprietà della molecola sembrano essere protettivi contro alcune forme di cancro.

Studi clinici stanno studiando l'effetto della curcumina su diverse malattie tra cui il mieloma multiplo, il tumore al pancreas, le sindromi mielodisplastiche, il cancro del colon, la psoriasi, l'artrite, la depressione e il morbo di Alzheimer.

Nel 2014 è stata pubblicata una review di studi sull'uomo che non ha riscontrato benefici nel consumo di curcumina per 5-8 settimane per i pazienti affetti da depressione.

La curcumina è una sostanza difficile da assorbire e assimilare quando presa per via orale, alcune sostanze come la piperina contenuta nel pepe possono aumentarne la biodisponibilità. C'è da dire che se si assume curcumina come antitumorale contro il cancro al colon, la scarsa biodisponibilità gioca a favore perché quello che si vuole è proprio che la curcumina resti nell'intestino e in quel sito esplichi la sua funzione.

 

 

 

Controindicazioni

Dosi fino a 12 g di curcumina al giorno per tre mesi sono da ritenersi sicure. Esperimenti in vitro hanno dimostrato un grado di sicurezza piuttosto elevato per questa sostanza.

Curcumina

Benefici dell'integrazione di curcumina

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Protettiva nei confronti di alcune infezioni da virus.

Protettiva nei confronti del fegato.

Effetto antinfiammatorio potenzialmente utile per l'artrite.

Protettiva nei confronti di alcuni tumori.

Dosaggio consigliato

Per scopi che richiedono l'assimilazione da parte dell'intestino occorre che vengano assorbiti da 80 a 500 mg di curcumina. Per ottenere questo risultato occorre aiutare l'assorbimento con la contemporanea assunzione di pepe nero (piperina), oppure utilizzando sostanze maggiormente biodisponibili come i fitosomi di curcumina complessati con fosfatidilcolina (Meriva o BCM-95), le nanoparticelle di curcumina (Theracurmin), o la curcumina solubile in acqua (polivinilpirrolidone).

Se si utilizza la curcumina affinché esplichi la sua azione nell'intestino è sufficiente assumere da 2 a 4 g di curcumina al giorno.

Conclusioni

 

 

La curcumina è un integratore ancora non sufficientemente studiato, potenzialmente utile per alcune condizioni, ma i cui risultati positivi sono ancora da confermare.

Bibliografia

Curcumin effects on blood lipid profile in a 6-month human study

Effect of different curcuminoid supplement dosages on total in vivo antioxidant capacity and cholesterol levels of healthy human subjects

Oral supplementation of turmeric attenuates proteinuria, transforming growth factor-β and interleukin-8 levels in patients with overt type 2 diabetic nephropathy: a randomized, double-blind and placebo-controlled study

Curcumin ingestion and exercise training improve vascular endothelial function in postmenopausal women

Diverse effects of a low dose supplement of lipidated curcumin in healthy middle aged people

High-dose curcuminoids are efficacious in the reduction in symptoms and signs of oral lichen planus

Efficacy and safety of Meriva®, a curcumin-phosphatidylcholine complex, during extended administration in osteoarthritis patients

Curcumin maintenance therapy for ulcerative colitis: randomized, multicenter, double-blind, placebo-controlled trial

Oral supplementation of turmeric decreases proteinuria, hematuria, and systolic blood pressure in patients suffering from relapsing or refractory lupus nephritis: a randomized and placebo-controlled study

Product-evaluation registry of Meriva®, a curcumin-phosphatidylcholine complex, for the complementary management of osteoarthritis

Comparative evaluation of the pain-relieving properties of a lecithinized formulation of curcumin (Meriva(®)), nimesulide, and acetaminophen

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Cisti sinoviali

I gangli, o cisti sinoviali, sono grumi non cancerogeni che si sviluppano tipicamente lungo i tendini o le articolazioni.


Fistole anali

Con il termine fistola anale si intende la formazione di un piccolo canale vicino all’uscita dell’ano.


Granuloma anulare

Il granuloma anulare è un’infiammazione della pelle che comunemente si presenta con piccole lesioni sulla cute.


Herpes genitale

L'herpes genitale è una comune infezione sessualmente trasmissibile causata dal virus herpes simplex (HSV).

 


Idronefrosi

L'idronefrosi è una condizione che si verifica quando un rene si dilata a causa del fallimento del normale drenaggio delle urine.


Giradito

Il giradito, conosciuto anche come patereccio, è un'infezione che può coinvolgere una o più dita della mano.


Colesterolo alto e trigliceridi alti: cosa fare?

Colesterolo e trigliceridi: l'importanza dell'alimentazione nelle malattie cardiovascolari.


Grasso localizzato

Grasso localizzato: è davvero possibile eliminarlo con attività fisica o diete specifiche?

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.