Fosfatidilserina

La fosfatidilserina è un fosfolipide composto da fosfati, serina (un aminoacido) e da acidi grassi. È un componente fondamentale della membrana citoplasmatica, dove svolge il compito di messaggero cellulare, in particolare per regolare l'apoptosi (morte programmata) cellulare.

La fosfatidilserina è un integratore abbastanza famoso. Viene utilizzato prevalentemente per migliorare le capacità cognitive e per curare alcune patologie della funzione cognitiva; ma è conosciuto anche nell'ambito sportivo, come integratore per abbassare i livelli di cortisolo e conseguentemente per migliorare il decadimento delle performance atletiche in seguito all'allenamento. I bodybuilder lo assumono per ridurre il cortisolo, nella speranza che questo contribuisca ad aumentare i livelli di testosterone e conseguentemente promuovere la crescita muscolare.

Controindicazioni

La fosfatidilserina è abbastanza sicura per maggior parte degli adulti e dei bambini se assunta per via orale, alle dosi consigliate, per un periodo massimo di sei mesi.

Gli effetti indesiderati più comuni sono l'insonnia e disturbi allo stomaco, soprattutto per dosi superiori a 300 mg.

La fosfatidilserina è stata ricavata per anni dal cervello dei bovini, ma dopo il caso mucca pazza si è passati a un metodo di produzione basato su alimenti vegetali (soia soprattutto). La maggior parte degli studi clinici hanno usato fosfatidilserina ottenuta da cervello bovino, mentre attualmente in commercio esistono quasi esclusivamente integratori vegetali. Non è ancora noto se questi siano equivalenti: per quanto riguarda le patologie cognitive sembrerebbe di sì, ma non per quanto riguarda la riduzione del cortisolo prodotto in seguito all'esercizio fisico.

 

 

La fosfatidilserina non è stata sufficientemente studiata durante la gravidanza e l'allattamento, dunque è consigliabile evitarne l'assunzione.

La fosfatidilserina può interagire con alcuni farmaci, come gli antistaminici e gli antidepressivi: si consiglia sempre di consultare il medico prima di prendere questo integratore, per chi assume abitualmente farmaci.

Fosfatidilserina

Benefici dell'integrazione di fosfatidilserina

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Declino mentale con l'età. L'integrazione di fosfatidilserina sembra migliorare l'attenzione, il linguaggio e la memoria in persone anziane con declino cognitivo. La maggior parte degli studi sono stati effettuati utilizzando fosfatidilserina di origine animale.

Morbo di Alzheimer. La fosfatidilserina può migliorare alcuni sintomi della malattia di Alzheimer (soprattutto nelle manifestazioni meno gravi della patologia), dopo 6-12 settimane di trattamento. Sembra essere più efficaci nelle persone con sintomi meno gravi. Tuttavia, questi effetti benefici sembrano essere transitori, ovvero tendono a svanire dopo 2-3 mesi di trattamento.

Dosaggio consigliato

Il dosaggio consigliato per i deficit cognitivi varia da 300 a 600 mg al giorno, suddivisi in tre assunzioni.

Conclusioni

La fosfatidilserina è un integratore molto in voga tra i bodybuilder per combattere quella che considerano la loro "bestia nera": il cortisolo. Purtroppo però gli studi sulla riduzione del cortisolo da parte della fosfatidilserina non sono definitivi, e in alcuni casi sono contradditori. Esistono cioè studi che sembrano dimostrarne l'efficacia, e altri no, e tra l'altro quelli positivi sono stati effettuati con integratori a base di fosfatidilserina di origine animale, oggi praticamente scomparsi dal mercato. Non va comunque dimenticato che la riduzione del cortisolo non comporta necessariamente l'aumento del testosterone e la crescita muscolare: come abbiamo più volte detto il corretto funzionamento dell'organismo si basa su delicati equilibri che è ottimistico pensare di stravolgere agendo solo su una sostanza, per fondamentale che sia. Lo stesso vale per gli omega 3 e gli eicosanoidi, promossi come panacea dalla dieta a zona, per esempio.

 

Riteniamo dunque prematuro affermare con sicurezza, come si legge in tanti siti internet, che la fosfatidilserina sia efficace per promuovere la crescita muscolare, o in generale la prestazione sportiva.

Per quanto riguarda il declino delle capacità cognitive, l'integrazione può essere interessante sia per prevenire, che per curare, soprattutto se assunta con la comparsa dei primi sintomi. Per altre patologie si consiglia sempre di consultare il parere del medico.

Bibliografia

The effects of IQPLUS Focus on cognitive function, mood and endocrine response before and following acute exercise

Soybean-derived phosphatidylserine improves memory function of the elderly Japanese subjects with memory complaints

Phosphatidylserine containing omega-3 fatty acids may improve memory abilities in non-demented elderly with memory complaints: a double-blind placebo-controlled trial

Effects of phosphatidylserine on exercise capacity during cycling in active males

Phosphatidylserine supplementation and recovery following downhill running

Blunting by chronic phosphatidylserine administration of the stress-induced activation of the hypothalamo-pituitary-adrenal axis in healthy men

Effects of phosphatidylserine in Alzheimer's disease

Double-blind cross-over study of phosphatidylserine vs. placebo in patients with early dementia of the Alzheimer type

Effect of Phosphatidylserine on Cerebral Glucose Metabolism in Alzheimer's Disease

The influence of soy-derived phosphatidylserine on cognition in age-associated memory impairment

The effect of phosphatidylserine administration on memory and symptoms of attention-deficit hyperactivity disorder: a randomised, double-blind, placebo-controlled clinical trial

The effect of phosphatidylserine containing Omega3 fatty-acids on attention-deficit hyperactivity disorder symptoms in children: a double-blind placebo-controlled trial, followed by an open-label extension

The effect of phosphatidylserine on golf performance

The effects of IQPLUS Focus on cognitive function, mood and endocrine response before and following acute exercise

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Neurite ottica

La neurite ottica è un'infiammazione che interessa e danneggia il nervo ottico, un fascio di fibre nervose.


Chikungunya

La Chikungunya è una malattia virale trasmessa all'uomo da una zanzara infetta. Solitamente il virus provoca febbre.


Distrofia di Duchenne

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è il tipo più comune di distrofia ed è causata da un difetto del gene che dovrebbe mantenere i muscoli sani e fa parte quindi delle malattie genetiche ereditarie.


Drepanocitosi

La drepanocitosi, o anemia falciforme, è una forma ereditaria di anemia, una condizione per la quale non vi è un numero sufficiente di globuli rossi sani nel sangue.

 


Coccigodinia

La coccigodinia, o dolore al coccige, è un’infiammazione che si verifica intorno al coccige, ovvero la struttura ossea che si trova nella parte inferiore della colonna vertebrale.


Cistinuria

La cistinuria è una malattia ereditaria che provoca la formazione di calcoli, prodotti a causa dell’incapacità dei reni di riassorbire la cistina.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Cisti dermoide

Una cisti dermoide è un tumore benigno, detto anche teratoma, che si sviluppa prevalentemente nelle ovaie.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.