Hoodia gordonii

Hoodia è una pianta della famiglia delle Apocynaceae, originaria del Sud Africa. È una pianta succulenta, "cactus-simile", che può raggiungere il metro di altezza e che produce grandi fiori con un forte odore e colore marrone.

Hoodia gordonii è utilizzata tradizionalmente dai Boscimani del deserto del Namib come soppressore dell'appetito, per resistere alle carestie, frequenti nel deserto. La pianta è stata brevettata dal Council for Scientific and Industrial Research (CSIR) e il brevetto è stato poi venduto a Unilever, che con la pianta ha prodotto integratori alimentari antifame finalizzati alla perdita di peso.

L'estratto secco degli steli e delle radici di hoodia gordonii sono utilizzati per produrre integratori in capsule, polveri, compresse masticabili, estratti liquidi e tè, spesso gli integratori a base di Hoodia vengono addizionati con altri principi attivi con proprietà dimagranti, come il tè verde o il cromo picolinato.

I principi attivi di Hoodia Gordonii sono i glicosidi steroiedi, presenti nella pianta in numero elevato (oltre 30).

Controindicazioni

Uno studio sui topi ha dimostrato che Hoodia gordonii è potenzialmente tossica, e in seguito un altro studio finanziato da Unilever ha dimostrato una potenziale tossicità anche sugli umani. Anche per questo motivo Unilever nel 2008 ha cessato la commercializzazione di questo integratore.

Hoodia gordonii

Benefici dell'integrazione di Hoodia gordonii

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Nessuno

Dosaggio consigliato

Le dosi consigliate di Hoodia Gorgonii sono di un grammo due volte al giorno, di un estratto di 70% di glicosidi steroidei da assumere un'ora prima di un pasto. Tuttavia, bisogna considerare che non ci sono prove certe riguardo alla dose ottimale, perché l'efficacia di questo integratore non è stata dimostrata, e la dose tossica rilevata nello studio sui topi è identica alla dose consigliata nell'utilizzo come integratore.

Conclusioni

Hoodia gordonii è un integratore potenzialmente tossico e la cui efficacia come antifame non è stata dimostrata. Riteniamo dunque che sia un integratore da evitare.

Bibliografia

 

Characterization of in vitro pharmacokinetic properties of hoodigogenin A from Hoodia gordonii

Effects of 15-d repeated consumption of Hoodia gordonii purified extract on safety, ad libitum energy intake, and body weight in healthy, overweight women: a randomized controlled trial

New study offsets toxic findings

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Carcinoma baso-cellulare

Il carcinoma baso-cellulare (o basalioma) è un tipo di cancro che colpisce il tessuto cutaneo.


Chetoacidosi alcolica

Per chetoacidosi, in generale, si intende una disfunzione metabolica che si verifica quando nell’organismo è presente un’elevata concentrazione di acidi.


Cheratite da herpes simplex

La cheratite da herpes simplex è un’infezione che colpisce l’occhio, in particolare la cornea ed è causata dalla presenza del virus herpes simplex (HSV).

 


Chetoacidosi diabetica

La chetoacidosi diabetica è una grave complicazione del diabete, in particolare del diabete di tipo I.


Ecocardiogramma

l'ecocardiogramma è un comune test che permette di avere un immagine del cuore in movimento, grazie all’utilizzo degli ultrasuoni.


Calcolosi salivare

Per calcolosi salivare, o scialolitiasi, si intendono delle formazioni di minerali cristallizzati, simili a pietre, che si formano nelle ghiandole salivari.


Criptococcosi

La criptococcosi è una malattia, abbastanza rara, causata da un tipo di fungo, chiamato Cryptococcus, che si trova in quasi tutto il mondo.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.