Irvingia gabonensis o Mango africano

Irvingia gabonensis (mango africano, o mango selvatico) è un'albero originario dell'Africa, più precisamente della zona delle foreste umide situate al nord dell'Angola, nella Repubblica Democratica del Congo, nella Nigeria, nella Costa d'Avorio e nel sud-ovest dell'Uganda. È coltivata anche in altri stati africani, come Camerun, Costa d'Avorio, Ghana, Togo e Benin.

Il mango africano produce semi ad alto contenuto di grassi (soprattutto saturi, a catena media e lunga), di cui non si conosce un utilizzo come medicinale da parte degli abitanti del luogo, e che oggi vengono usati prevalentemente nella produzione di cosmetici, ma da qualche anno, anche di integratori dimagranti.

Questo seme viene promosso come bruciagrassi, sulla base di alcuni studi effettuati a partire dal 2005, studi preliminari, perché di scarso spessore scientifico e talvolta finanziati da soggetti in conflitto di interessi. Nessun principio attivo contenuto nel mango africano è peculiare di questo seme: sono tutti riscontrabili in molti altri prodotti alimentari. Tali principi attivi possono avere un effetti benefico sull'organismo, come quasi tutti gli elementi contenuti nei vegetali, tuttavia allo stato attuale della ricerca nulla si può dire con certezza riguardo ai benefici potenzialmente ottenibili dall'integrazione con mango africano.

Controindicazioni

Il mango africano è ritenuto relativamente sicuro, se l'estratto grezzo dei semi viene assunto da adulti per un massimo di 4 settimane. L'estratto di semi standardizzato, chiamato IGOB131, è stato studiato per 10 settimane senza riscontrare particolari problemi. Gli effetti collaterali più comuni riguardano flatulenza, mal di testa, e disturbi del sonno.

A causa dell'assenza di studi approfonditi, si sconsiglia l'utilizzo di mango africano in gravidanza e allattamento.

Il mango africano potrebbe interferire con il metabolismo del glucosio e quindi è sconsigliato prima di un intervento chirurgico, mentre i soggetti diabetici dovrebbero controllare con attenzione i livelli di glucosio durante l'integrazione con mango africano.

Mango africano

Benefici dell'integrazione di irvingia gabonensis

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Nessuno

Dosaggio consigliato

Le quantità consigliate sono molto variabili (da 150 a 3200 mg al giorno), prese ai pasti. La dose  efficace non è attualmente nota, se, come sembra, l'effetto dimagrante è causato dalle fibre contenute negli integratori di mango africano, conviene attestarsi vicino alle quantità massime consigliate per sperare di ottenere qualche risultato.

Conclusioni

Il mango africano è un integratore ancora poco studiato: esistono solo 3 piccoli studi, tra cui almeno uno finanziato da soggetti in conflitto di interessi, che hanno dimostrato una certa efficacia come ausilio per facilitare la perdita di massa corporea e massa grassa da parte di soggetti in sovrappeso o obesi.

 

 

Probabilmente questi risultati sono dovuti al contenuto di fibre del mango africano, che si espandono nelo stomaco aumentando il senso di sazietà. Abbiamo visto che questo tipo di integratori (come il glucomannano) abbiano in realtà un'efficacia molto limitata.

Concludendo, allo stato attuale della ricerca il mango africano non è un integratore interessante.

Bibliografia

IGOB131, a novel seed extract of the West African plant Irvingia gabonensis, significantly reduces body weight and improves metabolic parameters in overweight humans in a randomized double-blind placebo controlled investigation

The effect of Irvingia gabonensis seeds on body weight and blood lipids of obese subjects in Cameroon

The use of a Cissus quadrangularis/Irvingia gabonensis combination in the management of weight loss: A double-blind placebo-controlled study

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Neurite ottica

La neurite ottica è un'infiammazione che interessa e danneggia il nervo ottico, un fascio di fibre nervose.


Chikungunya

La Chikungunya è una malattia virale trasmessa all'uomo da una zanzara infetta. Solitamente il virus provoca febbre.


Distrofia di Duchenne

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è il tipo più comune di distrofia ed è causata da un difetto del gene che dovrebbe mantenere i muscoli sani e fa parte quindi delle malattie genetiche ereditarie.


Drepanocitosi

La drepanocitosi, o anemia falciforme, è una forma ereditaria di anemia, una condizione per la quale non vi è un numero sufficiente di globuli rossi sani nel sangue.

 


Coccigodinia

La coccigodinia, o dolore al coccige, è un’infiammazione che si verifica intorno al coccige, ovvero la struttura ossea che si trova nella parte inferiore della colonna vertebrale.


Cistinuria

La cistinuria è una malattia ereditaria che provoca la formazione di calcoli, prodotti a causa dell’incapacità dei reni di riassorbire la cistina.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Cisti dermoide

Una cisti dermoide è un tumore benigno, detto anche teratoma, che si sviluppa prevalentemente nelle ovaie.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.