Mucuna pruriens

Il genere Mucuna appartiene alla famiglia delle Fabaceae, sottofamiglia Papilionaceae, e comprende un centinaio di legumi. Mucuna pruriens è legume rampicante, che produce fiori di colore violaceo. Alcuni di questi hanno una peluria urticante sul bacello, essi vengono indicati con i termini inglesi "cowitch" e "cowhage", mentre quelle non urticanti sono chiamate "velvet bean".

Mucuna pruriens viene utilizzata, come molti altri legumi, per fissare l'azoto nel suolo, fertilizzandolo; ma viene anche utilizzata per scopi alimentari, da alcune popolazioni che vivono in Africa e nelle zone subtropicali dell’Asia, soprattutto nei periodi di carestia, a causa del fatto che questo legume contiene diversi fattori antinutrizionali come la L-DOPA, le triptamine, i fenoli, i tannini, le lectine, gli inibitori della proteasi e anche alcoloidi allucinogeni, tutte sostanze che vengono eliminate o fortemente ridotte con la cottura, previa eliminazione dell'acqua di cottura.

Come integratore, Mucuna pruriens viene utilizzato soprattutto per il contenuto in L-DOPA (levodopa), per curare il morbo di Parkinson. Alle foglie della pianta vengono attribuite proprietà afrodisiache, antiulcera, antinfiammatorie.

Controindicazioni

L'assunzione di Mucuna pruriens è sconsigliata in caso di problemi al fegato e al cuore, in gravidanza ed allattamento.

Mucuna pruriens non si può inserire nella formulazione di integratori alimentari, perché non figura nella lista delle piante medicinali ammesse.

Mucuna pruriens

Benefici dell'integrazione di Mucuna pruriens

Effetti accertati (forte evidenza)

Ha un effetto simile, o addirittura superiore, ai farmaci a base di levodopa

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Può avere un effetto positivo nella cura dell'infertilità

Dosaggio consigliato

Gli studi hanno utilizzato 5 g di polvere essiccata di Mucuna pruriens per curare la malattia di Parkinson e la fertilità.

Conclusioni

Mucuna pruriens è una pianta interessante, perché potenzialmente utile nella cura del morbo di Parkinson e per l'infertilità. Gli effetti collaterali, tuttavia, non sono trascurabili e l'azione è molto simile a quelli di un medicinale, dunque questo integratore va assunto solamente sotto controllo medico.

 

 

Attualmente Mucuna pruriens non è disponibile, in Italia, come integratore.

Bibliografia

Mucuna pruriens improves male fertility by its action on the hypothalamus-pituitary-gonadal axis

Mucuna pruriens Reduces Stress and Improves the Quality of Semen in Infertile Men

A proton NMR study of the effect of Mucuna pruriens on seminal plasma metabolites of infertile males

Association of L-DOPA with recovery following Ayurveda medication in Parkinson's disease

An alternative medicine treatment for Parkinson's disease: results of a multicenter clinical trial. HP-200 in Parkinson's Disease Study Group

Mucuna pruriens in Parkinson's disease: a double blind clinical and pharmacological study

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.


Bacillus cereus

Il Bacillus cereus è uno dei batteri che più comunemente provocano intossicazioni alimentari nelle ore successive ai pasti.


PAP test

Il PAP test è un esame citologico utilizzato nello screening del carcinoma della cervice uterina.


Selenio

Il selenio è un integratore utile solo in caso di carenza accertata, perché i rischi di sovradosaggio non sono da trascurare.

 


Hoodia gordonii

Hoodia gordonii è un integratore antifame derivato da un cactus, la cui efficacia non è dimostrata e che presenta alcuni problemi di tossicità.


Shock anafilattico

Lo shock anafilattico, chiamato anche anafilassi, è una grave reazione allergica, potenzialmente pericolosa per la vita di una persona.


L-Ornitina

L'ornitina è un integratore potenzialmente utile in caso di patologie che determinano un eccesso di ammoniaca, non sembra essere utile per gli sportivi.


Tè verde

Il tè verde contiene caffeina, polifenoli e catechine: può essere utile per prevenire alcune patologie ma la sua efficacia non è stata ancora pienamente dimostrata.