Multivitaminici

I multivitaminici sono integratori che contengono un mix di vitamine e minerali, allo scopo di fornire una copertura della RDA (dose giornaliera raccomandata) di tutti i micronutrienti essenziali.

I multivitaminici, dunque, non hanno lo scopo di risolvere problemi specifici tramite la somministrazione di un particolare nutriente, ma sono piuttosto rivolti a chi vuole scongiurare il rischio di non assumere sufficienti micronutrienti con la dieta.

Studi scientifici sui multivitaminici

Praticamente tutti gli studi sui multivitaminici hanno dimostrato la loro inefficacia nel prevenire le patologie che maggiormente colpiscono la popolazione dei paesi occidentali, come le malattie cardiovascolari e il cancro. Questo non significa che siano inefficaci. Infatti dai multivitaminici non ci si aspetta tanto la soluzione di patologie molto gravi, quanto un piccolo beneficio per l'organismo che, protratto per molti anni, consenta di ottenere un beneficio tangibile in età avanzata, in termini per esempio di minor invecchiamento. Questo tipo di beneficio, tuttavia, è difficilmente misurabile anche con studi scientifici, che pure non mancano. Per esempio, uno studio del 2009 ha dimostrato che le donne che avevano assunto un multivitaminico avevano telomeri più lunghi rispetto al gruppo di controllo. I telomeri sono le parti terminali del DNA, e la loro lunghezza è associata allo stato di invecchiamento dell'organismo. Ovviamente questo studio non basta per dimostrare l'efficacia dei multivitaminici, che tuttavia non possono essere bocciati su tutta la linea.

I multivitaminici sono sicuramente utili in alcune situazioni, come in gravidanza, situazione in cui una integrazione di acido folico ha dimostrato di apportare diversi vantaggi.

Multivitaminici

Controindicazioni

I multivitaminici non presentano controindicazioni particolari, se il dosaggio si limita a coprire il 100% della RDA, o rimane comunque molto lontano dalle quantità che potrebbero comportare un sovradosaggio. Esistono studi che dimostrano la potenziale nocività di alcune vitamine, se assunte a dosaggi elevati, come la vitamina E e la vitamina A, dosaggi che tuttavia sono molto superiori, rispetto a quelli della maggior parte dei multivitaminici in commercio.

Alcune vitamine possono interferire con certi farmaci (per esempio gli anticoagulanti), e quindi è sempre bene chiedere al proprio medico prima di assumere un multivitaminico.

Conclusioni

 

 

I multivitaminici possono essere assunti come "assicurazione", per avere la certezza di non incappare in carenze nutrizionali. Visto che gli effetti collaterali sono nulli, o comunque molto poco probabili, il rapporto tra rischio e beneficio può considerarsi soddisfacente, anche se il beneficio è tutt'altro che dimostrato. Bisogna considerare che i potenziali benefici sono a lungo termine, quindi l'assunzione di un multivitaminico andrebbe effettuata per sempre, per sperare di avere un effetto positivo, per esempio, sull'invecchiamento.

I soggetti che più beneficiano dei multivitaminici sono coloro che seguono una dieta poco variata, povera di frutta e verdura, i soggetti malnutriti, e le persone indigenti, che spesso trascurano la propria alimentazione per motivi economici. Paradossalmente, tuttavia, questi ultimi non sono di certo tra i consumatori abituali di multivitaminici, per gli stessi motivi economici che non consentono loro di adottare una dieta corretta.

Bibliografia

Multivitamin/mineral supplements and prevention of chronic disease

Dietary supplements and mortality rate in older women: the Iowa Women's Health Study.

Multivitamin use among multi-ethnic, low-income adults

Folic Acid for the prevention of Neural Tube Defects

Effects of multivitamin supplementation on DNA damage in lymphocytes from elderly volunteers

Multivitamin use and telomere length in women

“Multivitamins/Multiminerals.” ConsumerLab.com. ConsumerLab.com LLC, 2013. 12 October 2013

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Neurite ottica

La neurite ottica è un'infiammazione che interessa e danneggia il nervo ottico, un fascio di fibre nervose.


Chikungunya

La Chikungunya è una malattia virale trasmessa all'uomo da una zanzara infetta. Solitamente il virus provoca febbre.


Distrofia di Duchenne

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è il tipo più comune di distrofia ed è causata da un difetto del gene che dovrebbe mantenere i muscoli sani e fa parte quindi delle malattie genetiche ereditarie.


Drepanocitosi

La drepanocitosi, o anemia falciforme, è una forma ereditaria di anemia, una condizione per la quale non vi è un numero sufficiente di globuli rossi sani nel sangue.

 


Coccigodinia

La coccigodinia, o dolore al coccige, è un’infiammazione che si verifica intorno al coccige, ovvero la struttura ossea che si trova nella parte inferiore della colonna vertebrale.


Cistinuria

La cistinuria è una malattia ereditaria che provoca la formazione di calcoli, prodotti a causa dell’incapacità dei reni di riassorbire la cistina.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Cisti dermoide

Una cisti dermoide è un tumore benigno, detto anche teratoma, che si sviluppa prevalentemente nelle ovaie.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.