Riso rosso fermentato

Il riso rosso fermentato, o lievito rosso, è prodotto facendo fermentare il riso ad opera del lievito Monascus purpureus. Il riso rosso fermentato contiene una sostanza, la monacolina k, simile come effetto sull'organismo alle statine di sintesi, utilizzate per ridurre il colesterolo alto.

Con le statine non condivide solamente gli effetti positivi, ma anche quelli collaterali: per questo motivo il riso rosso fermentato deve essere considerato alla stregua di un farmaco anti-colesterolo.

Vedi anche: integratori per il colesterolo alto.

Controindicazioni

Il riso rosso fermentato è abbastanza sicuro per la maggior parte delle persone quando assunto per via orale per un massimo di 3 mesi. Gli effetti collaterali più comuni sono bruciori di stomaco, meteorismo, mal di testa e vertigini.

Il riso rosso potrebbe anche causare effetti indesiderati simili alle statine, come danni al fegato, dolore e danni ai muscoli.

Gli integratori non sono controllati come i farmaci e quindi può capitare che non contengano il quantitativo dichiarato. In effetti è proprio quello che risulta da uno studio di altroconsumo sugli integratori di riso rosso.

Il riso rosso non fermentato correttamente può contenere citrinina, un veleno che può causare danni ai reni.

Riso rosso fermentato integratori

Benefici dell'integrazione di riso rosso fermentato

Effetti accertati

Riduce il colesterolo nei soggetti con ipercolesterolemia

Dosaggio consigliato

Da 1200 a 2400 mg, due volte al giorno. Solo i prodotti contenenti una quantità di principio attivo simile a quello contenuto nelle statine sono risultati efficaci per ridurre il colesterolo.

Conclusioni

Il riso rosso fermentato agisce sul colesterolo con gli stessi meccanismi delle statine, e quindi con gli stessi effetti collaterali. Considerando le altre controindicazioni, che le statine non hanno, e cioè la variabilità nel contenuto di principio attivo e le potenziali contaminazioni, è sconsigliabile l'uso di questo integratore ed è opportuno preferirgli i medicinali (vedi farmaci per il colesterolo alto).

Bibliografia

 

 

Effects of lipoprotein lipase and statins on cholesterol uptake into heart and skeletal muscle

Effects of long-term plant sterol or stanol ester consumption on lipid and lipoprotein metabolism in subjects on statin treatment

Powdered red yeast rice and plant stanols and sterols to lower cholesterol

HypoCol (red yeast rice) lowers plasma cholesterol - a randomized placebo controlled study

The treatment of hypercholesterolemic children: efficacy and safety of a combination of red yeast rice extract and policosanols

Combined treatment with Dif1stat and diet reduce plasma lipid indicators of moderate hypercholesterolemia more effectively than diet alone: a randomized trial in parallel groups

Extracts of Monascusus purpureus beyond statins--profile of efficacy and safety of the use of extracts of Monascus purpureus

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.


Bacillus cereus

Il Bacillus cereus è uno dei batteri che più comunemente provocano intossicazioni alimentari nelle ore successive ai pasti.


PAP test

Il PAP test è un esame citologico utilizzato nello screening del carcinoma della cervice uterina.


Selenio

Il selenio è un integratore utile solo in caso di carenza accertata, perché i rischi di sovradosaggio non sono da trascurare.

 


Hoodia gordonii

Hoodia gordonii è un integratore antifame derivato da un cactus, la cui efficacia non è dimostrata e che presenta alcuni problemi di tossicità.


Shock anafilattico

Lo shock anafilattico, chiamato anche anafilassi, è una grave reazione allergica, potenzialmente pericolosa per la vita di una persona.


L-Ornitina

L'ornitina è un integratore potenzialmente utile in caso di patologie che determinano un eccesso di ammoniaca, non sembra essere utile per gli sportivi.


Tè verde

Il tè verde contiene caffeina, polifenoli e catechine: può essere utile per prevenire alcune patologie ma la sua efficacia non è stata ancora pienamente dimostrata.