Zenzero

Lo zenzero è una pianta erbacea perenne, di cui si utilizza il rizoma (fusto sotterraneo) carnoso, che contiene i principi attivi della pianta: l'olio essenziale (il cui principio attivo principale è lo zingiberene), i gingeroli e gli shogaoli (che gli conferiscono il classico effetto pungente in bocca), le resine e le mucillagini. 

Il rizoma dello zenzero è usato come spezia (vedi lo zenzero), come una medicina e come alimento (sott'aceto, candito). Può essere usato fresco, essiccato e polverizzato, o anche come succo o olio.

Lo zenzero è utilizzato per vari tipi di problemi di stomaco, tra cui la nausea mattutina, le coliche, i disturbi di stomaco, il meteorismo, la diarrea, la nausea causata dalla chemioterapia, la nausea e il vomito causati dal decorso postoperatorio, e la perdita di appetito.

Viene utilizzato anche per il dolore da artrite o il dolore muscolare, il dolore mestruale, le infezioni del tratto respiratorio superiore, la tosse e la bronchite.

L'olio ottenuto da zenzero viene talvolta applicato sulla pelle per alleviare il dolore, per esempio causato dalle ustioni.

Controindicazioni

Lo zenzero è abbastanza sicuro, per la maggior parte delle persone. Gli effetti collaterali sono lievi, e includono bruciore di stomaco, diarrea, malessere generale. Alcune donne hanno riferito un aumento del sanguinamento durante le mestruazioni.

Quando applicato sulla pelle, può causare irritazione.

Gli studi sull'utilizzo dello zenzero in gravidanza sono controversi: per precauzione sarebbe meglio evitarne l'assunzione. Per quanto riguarda l'allattamento, non ci sono sufficienti evidenze per decretare la sicurezza degli integratori di zenzero.

Lo zenzero può interagire con diversi farmaci, per questo si consiglia di consultare il medico prima di assumere questo tipo di integratore.

Zenzero integratori

Benefici dell'integrazione di zenzero

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Nausea e vomito dopo la chirurgia. Diverse ricerche hanno dimostrato che l'assunzione di 1 grammo di zenzero un'ora prima un intervento chirurgico sembra ridurre la nausea e vomito durante le prime 24 ore dopo l'intervento.

Vertigini. Gli integratori di zenzero sembrano ridurre i sintomi delle vertigini, tra cui la nausea.

Dolore mestruale. Alcune ricerche hanno dimostrato la riduzione dei sintomi del dolore mestruale in alcune donne se assunto durante le mestruazioni.

 

 

Artrite. Alcune ricerche hanno dimostrato una riduzione modesta del dolore in alcuni casi di artrosi. È stato utilizzato un estratto di zenzero specifico (Zintona CE), 250 mg quattro volte al giorno, che hanno ridotto il dolore al ginocchio dopo 3 mesi del trattamento. In un altro studio è stato utilizzato un estratto differente, l'Eurovita Estratto 77 (EV ext-77), ottenendo anche in questo caso risultati positivi.

Previene la nausea e il vomito in gravidanza.

Dosaggio consigliato

Per la nausea in gravidanza sono stati utilizzati 250 mg di zenzero 4 volte al giorno.

Per la nausea e il vomito postoperatori, 1-2 grammi di radice di zenzero in polvere un'ora prima dell'anestesia.

Per l'artrite sono stati utilizzati prodotti specifici, contenenti mediamente 200-250 mg di zenzero, da assumere 4 volte al giorno.

Conclusioni

Lo zenzero è un integratore potenzialmente utile per combattere la nausea, causata da diverse condizioni; e per combattere l'infiammazione delle articolazioni nell'artrosi. Si consiglia di consultare il medico prima di assumere zenzero, soprattutto in caso di gravidanza.

Bibliografia

Efficacy of ginger for nausea and vomiting: a systematic review of randomized clinical trials

Effectiveness and safety of ginger in the treatment of pregnancy-induced nausea and vomiting

The efficacy of ginger for the prevention of postoperative nausea and vomiting: a meta-analysis

Effect of a ginger extract on pregnancy-induced nausea: a randomised controlled trial

Effectiveness of ginger for prevention of nausea and vomiting after gynecological laparoscopy

The efficacy of ginger in prevention of postoperative nausea and vomiting after major gynecologic surgery

Anti-emetic effect of ginger powder versus placebo as an add-on therapy in children and young adults receiving high emetogenic chemotherapy

A randomized controlled trial of ginger to treat nausea and vomiting in pregnancy

Ginger syrup as an antiemetic in early pregnancy

Ginger for nausea and vomiting in pregnancy: randomized, double-masked, placebo-controlled trial

Ginger treatment of hyperemesis gravidarum

Ginger consumption enhances the thermic effect of food and promotes feelings of satiety without affecting metabolic and hormonal parameters in overweight men: A pilot study

Ginger (Zingiber officinale) reduces muscle pain caused by eccentric exercise

Phase II study of the effects of ginger root extract on eicosanoids in colon mucosa in people at normal risk for colorectal cancer

Comparing analgesic effects of a topical herbal mixed medicine with salicylate in patients with knee osteoarthritis

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.


Bacillus cereus

Il Bacillus cereus è uno dei batteri che più comunemente provocano intossicazioni alimentari nelle ore successive ai pasti.


PAP test

Il PAP test è un esame citologico utilizzato nello screening del carcinoma della cervice uterina.


Selenio

Il selenio è un integratore utile solo in caso di carenza accertata, perché i rischi di sovradosaggio non sono da trascurare.

 


Hoodia gordonii

Hoodia gordonii è un integratore antifame derivato da un cactus, la cui efficacia non è dimostrata e che presenta alcuni problemi di tossicità.


Shock anafilattico

Lo shock anafilattico, chiamato anche anafilassi, è una grave reazione allergica, potenzialmente pericolosa per la vita di una persona.


L-Ornitina

L'ornitina è un integratore potenzialmente utile in caso di patologie che determinano un eccesso di ammoniaca, non sembra essere utile per gli sportivi.


Tè verde

Il tè verde contiene caffeina, polifenoli e catechine: può essere utile per prevenire alcune patologie ma la sua efficacia non è stata ancora pienamente dimostrata.