Obesità come metafora della scalata

Il Modello della speranza, ovvero l'analisi delle varie fasi attraversate da un obeso durante la perdita di peso, consente di capire qual'è la direzione da seguire per combattere in modo efficace l'obesità.

La perdita di peso può essere considerata come la scalata di una montagna dove la meta è rappresentata dal peso ideale e le difficoltà del percorso sono rappresentate dalle situazioni a rischio come l'Eclissi e la Disinibizione.

Per superarli occorre una guida esperta: l'obesiologo, che ha il compito di addestrare il paziente riguardo ai pericoli che incontrerà durante la scalata.

L'obesiologo dovrà avvertire il paziente dicendogli che non è possibile arrivare alla vetta in linea retta, con la fretta di arrivare e senza mai fermarsi.

Comportandosi in questo modo la stanchezza prenderebbe il sopravvento e si cadrebbe vittima delle difficoltà del percorso.

Bisogna invece fermarsi perodicamente, riposare e riprendere la scalata dopo aver recuperato le energie.

Obesita scalata

La stanchezza si indentifica con la fame, le difficoltà del percorso sono l'Eclissi e la Disinibizione. La fame eccessiva mette a dura prova le capacità di resistere, e fa cadere nello stadio di frustrazione.

Se l'obesiologo non interviene a modificare l'atteggiamento del paziente, è facile che esso cada in Eclissi o in Disinibizione, recuperando il peso perso e interrompendo la relazione con l'obesiologo.

Invece il paziente deve saper ascoltare i segnali della stanchezza e fermarsi a riposare, smettendo di perdere peso, interrompendo la restrizione calorica per riposarsi e riacquistare le energie mentali per ricominciare la scalata verso il peso ideale.

 

 

È ovvio che per insegnare al paziente tutte queste cose non basta una visita di 20 minuti, ma occorre una struttura organizzata formata da professionisti di campi diversi, occorre materiale didattico, ma soprattutto occorrono pazienti disposti a capire che il problema non è così semplice come tutti vorrebbero far credere ma bisogna mettere in campo molte risorse in termini di tempo e di denaro.

Un sistema del genere prende il nome di Modello Educativo Integrato, e ad oggi rappresenta il metodo in grado di ottenere i risultati migliori in assoluto.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.


Bacillus cereus

Il Bacillus cereus è uno dei batteri che più comunemente provocano intossicazioni alimentari nelle ore successive ai pasti.


PAP test

Il PAP test è un esame citologico utilizzato nello screening del carcinoma della cervice uterina.


Selenio

Il selenio è un integratore utile solo in caso di carenza accertata, perché i rischi di sovradosaggio non sono da trascurare.

 


Hoodia gordonii

Hoodia gordonii è un integratore antifame derivato da un cactus, la cui efficacia non è dimostrata e che presenta alcuni problemi di tossicità.


Shock anafilattico

Lo shock anafilattico, chiamato anche anafilassi, è una grave reazione allergica, potenzialmente pericolosa per la vita di una persona.


L-Ornitina

L'ornitina è un integratore potenzialmente utile in caso di patologie che determinano un eccesso di ammoniaca, non sembra essere utile per gli sportivi.


Tè verde

Il tè verde contiene caffeina, polifenoli e catechine: può essere utile per prevenire alcune patologie ma la sua efficacia non è stata ancora pienamente dimostrata.