Articolazione dell'anca - Anatomia

L'articolazione dell'anca, chiamata anche coxo-femorale, è una classica enartrosi, ovvero un'articolazione le cui superfici articolari sono costituite da un osso con forma sferica, o semisferica, e da una concavità, sempre sferica, che lo contiene. Due classici esempi di enartrosi sono l'articolazione della spalla e dell'anca. Queste articolazioni sono le più mobili in assoluto, consentendo movimenti di rotazione e circumduzione, flessione ed estensione, adduzione e abduzione.

Nell'articolazione dell'anca la testa del femore, che ha una forma pressoché sferica di 4-5 cm di diametro, si articola con il bacino, che possiede una cavità emisferica (acetabolo) in grado di alloggiarla quasi perfettamente. Il labbro dell'acetabolo è una protuberanza di tessuto connettivo che amplia la superficie dell'acetabolo, consentendo di avvolgere in modo più completo la testa del femore e svolgendo altresì una funzione di contenimento dell'articolazione. 

Legamenti dell'articolazione dell'anca

Al centro della cavità dell'acetabolo (cavità glenoidea) si trova una depressione a forma di quadrilatero, non rivestita da cartilagine, nella quale si inserisce il legamento rotondo del femore, che si inserisce sulla testa del femore in una zona chiamata "fo­vea capitis" (fossetta della testa del femore). Questo legamento non è particolarmente teso, come lo sono abitualmente i legamenti interossei (come i legamenti del ginocchio, per esempio).

Anatomia dell'articolazione dell'anca

L'articolazione è mantenuta in sede anche dalla capsula articolare, un manicotto fibroso che avvolge l'articolazione ed è ulteriormente rinforzato da tre legamenti, che non sono altro che ispessimenti della capsula stessa: l'ileofemorale, l'ischiofemorale e il pubofermorale.

Completa le strutture legamentose di supporto la zona orbicolare, un fascio di rinforzo situato sotto la capsula, in posizione profonda, che staccandosi dal'acetabolo "abbraccia" il femore tornando a collegarsi al punto di origine.

 

 

La membrana sinoviale riveste la superficie interna della capsula articolare, avvolgendo completamente il legamento rotondo.

Anatomia dell'articolazione dell'anca

Muscoli dell'anca

I muscoli dell'anca si inseriscono sul femore, sul bacino e sulla colonna vertebrale consentendo i molteplici movimenti che l'anca può compiere.

Di seguito trovi un elenco dei muscoli dell'anca in funzione del movimento ai quali contribuiscono.

Rotazione esterna: grande gluteo; medio e piccolo gluteo; ileopsoas; adduttore breve, lungo e grande adduttore; piriforme; sartorio; pettineo; otturatore esterno; otturatore interno; quadrato del femore.

Rotazione interna: medio e piccolo gluteo; tensore fascia lata; grande adduttore.

Estensione: grande gluteo; medio e piccolo gluteo; grande adduttore; piriforme; semimebranoso; semitendinoso; bicipite femorale (capo lungo);

Flessione: ileopsoas; tensore fascia lata; pettineo; adduttore lungo; adduttore breve; gracile; retto femorale; sartorio.

Abduzione: medio gluteo; tensore fascia lata; grande gluteo; piccolo gluteo; piriforme; otturatore; interno.

Adduzione: grande adduttore; adduttore lungo; adduttore breve; grande gluteo; gracile; pettineo; quadrato del femore; otturatore esterno.

Articoli sull'articolazione dell'anca

Frattura del collo del femore

La frattura del collo del femore interessa la porzione di osso compresa fra la testa e la regione sottotrocanterica dell'osso femorale. Interessa maggiormente gi anziani in quanto predisposti a questo tipo di lesioni a causa dell'osteoporosi, che indebolisce il tessuto osseo riducendone la massa...

 

Artrosi d'anca

L'artrosi dell'anca, anche chiamata coxartrosi, è una patologia cronico degenerativa che evolve in modo lento e progressivo negli anni, e può portare a disabilità grave e costringere all'intervento di protesi d'anca. L'artrosi è di gran lunga la patologia più comune, nell'adulto, dell'articolazione dell'anca...

 

Intervento di protesi d'anca

L'intervento di protesi d'anca è un intervento chirurgico nel quale si inserisce una protesi che sostituisce la testa del femore e, in alcuni casi, un'ulteriore protesi che sostituisce la cavità dell'acetabolo. È uno degli interventi chirurgici più frequenti, soprattutto oltre i 50 anni...

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Distrofia di Duchenne

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è il tipo più comune di distrofia ed è causata da un difetto del gene che dovrebbe mantenere i muscoli sani e fa parte quindi delle malattie genetiche ereditarie.


Drepanocitosi

La drepanocitosi, o anemia falciforme, è una forma ereditaria di anemia, una condizione per la quale non vi è un numero sufficiente di globuli rossi sani nel sangue.


Coccigodinia

La coccigodinia, o dolore al coccige, è un’infiammazione che si verifica intorno al coccige, ovvero la struttura ossea che si trova nella parte inferiore della colonna vertebrale.


Cistinuria

La cistinuria è una malattia ereditaria che provoca la formazione di calcoli, prodotti a causa dell’incapacità dei reni di riassorbire la cistina.

 


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Cisti dermoide

Una cisti dermoide è un tumore benigno, detto anche teratoma, che si sviluppa prevalentemente nelle ovaie.


Cisti di Bartolini

Le ghiandole di Bartolini sono due piccole ghiandole dell’apparto femminile esterno, situate su ciascun lato dell'apertura vaginale.


Distrofie muscolari

Le distrofie muscolari sono malattie geneticamente determinate che portano alla degenerazione e la distruzione delle cellule muscolari.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.