Contrattura muscolare

La contrattura è la lesione più lieve cui un muscolo può andare incontro, infatti nell'arco di 3-7 giorni la sintomatologia può tranquillamente risolversi in quanto le fibre muscolari non vengono danneggiate.

La contrattura consiste in un aumento permanente del tono del muscolo e può avvenire sia durante ma soprattutto dopo l'attività fisica.

L'atleta avverte una contrattura del muscolo, che non si rilassa più e non si allunga. Alla palpazione si evoca dolore e i sintomi possono comparire anche tardivamente, dopo 8 ore se non addirittura il giorno dopo.

Si tratta di una lesione imputabile ad uno stato di affaticamento del muscolo, in assenza di lesioni anatomiche evidenziabili macroscopicamente o al microscopio ottico che si può verificare per un riscaldamento non adeguato o per uno sforzo non idoneo alla preparazione atletica del soggetto.

Terapia della contrattura

Contrattura muscolare

La terapia della contrattura (sempre che non ci siano associate altre lesioni muscolari tipo un allungamento di alcune fibre muscolari) consiste nel semplice riposo dall'attività sportiva e da ogni altra attività che possa evocare dolore o fastidio della zona contratta. In questo modo dopo massimo 7 giorni si guarisce.

Per accelerare il recupero si può ricorrere a dei massaggi che devono essere eseguiti da mani esperte (non devono essere troppo energici altrimenti peggiorano la situazione) oppure a impacchi caldi e umidi che facciano aumentare la temperatura della cute e del muscolo.

 

 

Un altro metodo utile potrebbe essere lo stretch and spray, che consiste nell'allungare il muscolo in maniera massimale e quindi usare uno spray refrigerante in modo da minimizzare il dolore e l'ipertono muscolare. Anche questo metodo deve essere messo in atto da una persona esperta.

È possibile usare antinfiammatori e miorilassanti in caso di dolore come in tutti i traumi muscolari, di qualsiasi entità essi siano.

Un utile test per sapere se si è guariti è quello di eseguire un'attività poco più impegnativa del semplice camminare (come salire e scendere le scale nel caso di contratture alle gambe, le più frequenti in assoluto): quando non si avverte più fastidio è un buon segno di guarigione. La ripresa deve comunque essere graduale, aumentando il carico gradualmente, fino a raggiungere i livelli precedenti l'infortunio nell'arco di 3-4 giorni circa.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Neurite ottica

La neurite ottica è un'infiammazione che interessa e danneggia il nervo ottico, un fascio di fibre nervose.


Chikungunya

La Chikungunya è una malattia virale trasmessa all'uomo da una zanzara infetta. Solitamente il virus provoca febbre.


Distrofia di Duchenne

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è il tipo più comune di distrofia ed è causata da un difetto del gene che dovrebbe mantenere i muscoli sani e fa parte quindi delle malattie genetiche ereditarie.


Drepanocitosi

La drepanocitosi, o anemia falciforme, è una forma ereditaria di anemia, una condizione per la quale non vi è un numero sufficiente di globuli rossi sani nel sangue.

 


Coccigodinia

La coccigodinia, o dolore al coccige, è un’infiammazione che si verifica intorno al coccige, ovvero la struttura ossea che si trova nella parte inferiore della colonna vertebrale.


Cistinuria

La cistinuria è una malattia ereditaria che provoca la formazione di calcoli, prodotti a causa dell’incapacità dei reni di riassorbire la cistina.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Cisti dermoide

Una cisti dermoide è un tumore benigno, detto anche teratoma, che si sviluppa prevalentemente nelle ovaie.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.