Dito a scatto

Il dito a scatto, noto anche come tenosinovite stenosante, è una condizione per cui un dito rimane bloccato in una posizione piegata. Il disturbo interessa, infatti, i tendini della mano, indispensabili per la sua corretta flessione.

Il dito a scatto si verifica quando un'infiammazione restringe lo spazio all'interno della guaina che avvolge il tendine del dito colpito, in questo modo il dito potrebbe scattare da una posizione piegata a una posizione dritta in modo rapido, come un grilletto che viene tirato e poi rilasciato (per questo motivo viene anche chiamato "trigger finger").

Se la condizione del dito a scatto è grave, esso può rimanere bloccato in una posizione piegata per parecchio tempo, provocando anche un forte dolore, il quale necessita di soluzioni mediche. Le persone che svolgono un lavoro o un hobby, che richiedono azioni di presa ripetitive sono a più alto rischio di sviluppare tale patologia.

La condizione è anche più comune nelle donne e in chiunque soffra di diabete.

Il trattamento del dito a scatto varia a seconda della gravità.

Cause

I tendini sono corde fibrose che passano dal muscolo all'osso, collegandoli. Ogni tendine è avvolto da una guaina protettiva e il dito a scatto si verifica quando la guaina tendinea del dito colpito si irrita, o si infiamma, e quindi si gonfia.

Questa infiammazione interferisce con il normale movimento di scivolamento del tendine attraverso la guaina. Le irritazioni prolungate della guaina del tendine possono produrre cicatrici, ispessimento e formazione di grumi (noduli), che impediscono e peggiorano il movimento del tendine.

 

 

 

Fattori di rischio

I fattori che aumentano il rischio di sviluppare il dito a scatto includono:

  • Prese ripetute: particolari tipi di occupazione lavorativa e alcuni hobby, che coinvolgono l'uso della mano in maniera ripetitiva e prolungata, possono aumentare il rischio di incorrere nel dito a scatto.
  • Microtraumi ai tendini.
  • Patologie sistemiche: alcune persone che soffrono di diabete o di artrite reumatoide sono a più alto rischio di sviluppare il dito a scatto.
  • Appartenenza di genere: il dito a scatto è più comune nelle donne.

Sintomi

I segni e sintomi del dito a scatto possono presentarsi in forma più o meno grave e comprendono:

  • dito particolarmente rigido, specialmente al mattino;
  • sensazione di spostamento del dito dalla sua posizione naturale;
  • presenza di noduli nel palmo della mano alla base del dito colpito;
  • scatti improvvisi del dito da piegato a dritto;
  • dito bloccato in una posizione piegata, con impossibilità di raddrizzamento.

Il dito a scatto colpisce più frequentemente il pollice, il dito medio e l'anulare della mano dominante. Può essere coinvolto anche più di un dito e il problema potrebbe interessare entrambe le mani.

Il blocco è, di solito, più pronunciato al mattino, e potrebbe insorgere mentre si cerca di afferrare fermamente un oggetto o quando si cerca di raddrizzare un dito particolarmente intorpidito.

Diagnosi

La diagnosi del dito a scatto non richiede la somministrazione di test particolarmente elaborati.

Il medico, possono svolgere una diagnosi basandosi sulla storia clinica del paziente ed eseguendo un esame fisico. Durante l'esame fisico, il medico potrebbe richiedere di aprire e chiudere la mano, di valutare il livello di dolore e di provare ad eseguire movimenti di fluidità, per verificare la gravità del blocco.

È consigliato inoltre esaminare il palmo della mano per verificare l'eventuale presenza di grumi, associati al blocco.

Dito a scatto

Terapia

Il trattamento del dito a scatto varia a seconda della sua gravità e durata. I farmaci che potrebbero essere prescritti sono degli anti-infiammatori non steroidei (FANS), come l'ibuprofene o il naprossene, che possono alleviare il dolore, ma non diminuire il gonfiore, che causa la costrizione della guaina tendinea, responsabile dell'intrappolamento del tendine.

Altri trattamenti non invasivi possono includere:

  • Riposo: per almeno tre o quattro settimane sarebbe bene evitare le attività che richiedono una presa ripetitiva o l'uso prolungato di macchine vibranti.
  • Ghiaccio o fonti di calore: alcune persone provano una sensazione di miglioramento della patologia mettendo del ghiaccio sul palmo più volte al giorno, mentre altre persone provano un maggior beneficio utilizzando un panno impregnato di acqua calda, soprattutto nelle prime ore del mattino.
  • Un tutore: il medico potrebbe suggerire di indossare una stecca durante la notte, per tenere il dito colpito in posizione estesa, solitamente il tutore si usa per un massimo di sei settimane. La stecca può aiutare il tendine a riposare e impedisce l'arricciamento delle dita o la chiusura della mano in un pugno durante il sonno, queste posizioni scorrette possono rendere più doloroso il movimento delle dita al mattino.
  • Esercizi di stretching: il medico potrebbe anche suggerire degli esercizi leggeri di stretching per aiutare a mantenere fluida la mobilità del dito.

 

 

Si può anche ricorrere a rimedi chirurgici e altre procedure mediche, se i sintomi sono particolarmente gravi, o se i trattamenti meno invasivi non hanno aiutato, e tra questi ci sono:

  • Iniezione di cortisonici: un'iniezione di un farmaco steroideo vicino, o nella guaina del tendine, potrebbe ridurre l'infiammazione e consentire al tendine di scivolare liberamente. Questo è il trattamento più comune e, nelle persone che non soffrono di diabete, è efficace fino al 90 per cento dei pazienti, mentre nelle persone che soffrono di diabete, è efficace in circa la metà delle volte. Potrebbe essere necessaria una seconda iniezione per ottenere di risultati migliori.
  • Liberazione percutanea del dito a scatto: dopo aver anestetizzato la zona del palmo della mano, il medico può inserire un ago nel tessuto attorno al tendine colpito. Con l'aiuto dell'ago, il medico, può far tornare il dito nella posizione normale, sbloccando il tendine. Questo trattamento può essere effettuato solo sotto controllo ecografico, in modo che il medico possa vedere dove sia la punta dell'ago sotto la pelle, per essere sicuri che apra la guaina tendinea senza danneggiare il tendine o i nervi circostanti. Questa procedura di solito è effettuata nello studio o nell'ambulatorio del medico.
  • Chirurgia: attraverso una piccola incisione vicino alla base del dito colpito, un medico chirurgo può tagliare e aprire la sezione ristretta della guaina tendinea. Questa procedura è fatto solitamente in una sala operatoria, richiede un periodo di riposo post operatorio e potrebbe anche richiedere alcune sedute di fisioterapia.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Salute

Salute: le principali patologie, la diagnosi, le cause, la prevenzione, la terapia e le cure.


Difetto interatriale

Il difetto interatriale, o difetto del setto atriale, è una malformazione della membrana che divide gli atri del cuore.


Diabete insipido

Il diabete insipido è un raro disturbo caratterizzato da una diminuita capacità dei reni a concentrare le urine.


Demenza vascolare

La demenza vascolare è un termine generale che racchiude una serie di deficit cognitivi riguardanti la compromissione del ragionamento e della memoria.

 


Cuore polmonare

Il cuore polmonare è una condizione cardiaca in cui il ventricolo destro subisce un’alterazione della sua struttura anatomica.


Dermatofibroma

Il dermatofibroma lenticolare benigno, o istiocitoma, è un comune nodulo cutaneo, ovvero una piccola formazione dura al tatto, di eziologia sconosciuta.


Colpo di frusta

Il colpo di frusta è un infortunio al collo causato da un brusco movimento del collo, solitamente rapido e improvviso.


Colite ulcerosa

La colite ulcerosa è una malattia intestinale che causa infiammazioni e ulcere a livello del tratto digestivo.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.