Condroma

Il condroma è un tumore benigno composto da cartilagine ialina matura. Tali neoplasie in genere hanno un potenziale di crescita limitato e non sono localmente aggressive. Questi tumori sono chiamati encondromi quando si presentano nel canale midollare dell'osso mentre vengono chiamati eccondromi (o condromi) periostali quando si presentano sulla superficie dell'osso. I condromi possono anche sorgere dalle guaine sinoviali dei tendini o nei tessuti molli adiacenti ai tendini della mano e dei piedi degli adulti; in questi casi, sono definiti come condromi sinoviali.

Circa il 60% degli encondromi si verificano più frequentemente nelle piccole ossa delle mani e dei piedi oppure a livello delle ossa tubolari lunghe. Delle ossa lunghe, il femore è il più comunemente coinvolto (17%), seguito dall'omero prossimale (7%).

Gli encondromi sono rari nelle ossa piatte (es. bacino, costole, scapole e vertebre) e molto rari nelle ossa craniofacciali. In particolare, raramente colpiscono le ossa del tronco, dove invece i condrosarcomi sono comuni. Tuttavia, gli encondromi sono comuni nello scheletro assiale, dove i condrosarcomi sono rari.

Gli eccondromi periostali appaiono tipicamente a livello delle ossa tubolari lunghe, con il 50% osservati sull'omero prossimale. Gli atri siti più comuni includono le piccole ossa tubolari della mano e a livello delle inserzioni dei tendini; tuttavia, questi tumori possono svilupparsi anche a livello metafisario e diafisario.

Cause

I condromi si sviluppano da porzioni di cartilagine in crescita che sono entrate nel canale midollare della metafisi o nella giunzione metafisico-diafisi. Queste proliferazioni persistono come isole nell'osso per poi svilupparsi dall'ossificazione encondrale. Tali neoformazioni sono sottoposte agli stessi fattori di crescita della cartilagine normale e crescono fino all'età adulta.

Gli eccondromi periostali tendono a svilupparsi all'interno e al di sotto del tessuto connettivo periostale. Questo tumore a lenta crescita erode e induce la sclerosi nell'osso corticale contiguo, producendo l'aspetto caratteristico a "popcorn".

Il codroma sinoviale deriva invece dalla metaplasia della cartilagine di tessuto connettivo subsinoviale.

 

 

 

Manifestazioni cliniche

Gli encondromi sono di solito asintomatici. Nella maggior parte dei casi, sono diagnosticati incidentalmente durante una radiografia di routine. Le lesioni espansive nelle piccole ossa tubolari delle mani possono apparire come gonfiori a livello delle dita.

Il dolore è raramente accompagnato dalla patologia. Quindi, l'improvvisa manifestazione del dolore in una lesione precedentemente asintomatica potrebbe suggerire una microfrattura patologica o la trasformazione di una lesione benigna in una lesione maligna. Il tasso di cambiamento maligno negli encondromi solitari è ancora controverso.

Condroma

Nei condromi periostali le lesioni sono superficiali e possono apparire come gonfiori palpabili. Questi tumori si presentano comunemente dove sono presenti tendini e legamenti connessi all'osso. Tali condromi possono interferire con la funzione di queste strutture e produrre dolore o disagio locale durante le attività.

Sono state inoltre riportate le seguenti inusuali presentazioni:

  • dolore al ginocchio anteriore prodotto dal condroma patellare;
  • condroma della punta nasale;
  • condroma del cuoio capelluto;
  • osteocondroma periosteale della tibia prossimale si presenta con caratteristiche simili alla sindrome di Osgood-Schlatter.

Diagnosi

Essendo i condromi asintomatici, generalmente vengono diagnosticati casualmente a seguito di una radiografia eseguita per altri motivi.

Ai raggi X l’encondroma produce un difetto radiotraslucido localizzato con la presenza di calcificazioni; la quantità di lucenza o opacità dipende dal grado di calcificazione. Per tale motivo, le lesioni agli stadi iniziali, non possono avere calcificazioni radiologicamente visibili, mentre altre lesioni possono mostrare una calcificazione molto irregolare e disomogenea.

 

 

La maggior parte degli encondromi sono metafisari; questa osservazione è coerente con la teoria secondo cui queste lesioni sono resti di cartilagine fisiologica embrionale che non riescono a ossificare.

Nelle ossa lunghe, gli encondromi in genere non mostrano contorni distinti. Ciò è in contrasto con il loro aspetto nelle ossa tubolari corte; infatti il contorno delle ossa corte è comunemente espanso. Se una lesione corticale è presente insieme all'estensione del tessuto molle e alla reazione ossea periostale, si dovrebbe sospettare la trasformazione maligna.

Poiché gli encondromi sono neoformazioni benigne, il loro aspetto radiologico non dovrebbe crescere o cambiare in un adulto. Se si osserva una modifica, in particolare la diminuzione della calcificazione o lo sviluppo della traslucenza nella lesione calcificata, dovrebbe essere sospettato un condrosarcoma o una trasformazione maligna. Il motivo è che la calcificazione si verifica nella cartilagine e non nei condrociti maligni che si dividono attivamente di un condrosarcoma.

L'aspetto radiografico tipico di un condroma periostale è quello di una lesione superficiale ben definita con calcificazioni a puntini. È possibile notare l'erosione della corteccia sottostante e, alcuni tumori di lunga durata, possono essere associati alla sclerosi subcondrale.

Per differenziare i condromi dai condrosarcomi, si riconosce che i condromi in genere non cambiano o non aumentano di dimensioni, di forma, di lucenza o non appaiono calcificazioni.

Terapia

In seguito a un trattamento appropriato, i pazienti con condromi hanno generalmente una buona prognosi e la maggior parte rimangono asintomatici.

Gli encondromi delle ossa lunghe sono di solito asintomatici e non richiedono alcun trattamento. Se la diagnosi è incerta, se le lesioni alla radiografia non danno un’immagine definita, se sono sintomatiche e di dimensioni limitate, o se sono in qualche modo sospette, è indicata una diagnosi istopatologica (biopsia) per accertare la natura della lesione.

Gli encondromi sono rari a livello dello scheletro assiale; tuttavia, se si trovano nelle costole, nello sterno, nel bacino o nelle scapole, devono essere trattati con una vasta resezione locale e una valutazione istopatologica per escludere la possibilità di condrosarcoma, condizione comune in questi siti.

Dopo il curettage e l'innesto osseo, gli encondromi generalmente guariscono bene con il consolidamento del sito innestato. Se la lesione è ricorrente può alterare le ossa tubulari corte e può essere trattata con successo con una seconda procedura di curettage e con successivo esame istopatologico. Il tasso di ricorrenza è basso per gli encondromi della mano trattati chirurgicamente e il principale fattore di rischio per la ricorrenza è una diagnosi di encondroma multipli; la trasformazione maligna è rara.

Per i condromi periostali è indicata una grande resezione locale poiché i condrosarcomi superficiali possono simulare clinicamente e radiologicamente questi tumori benigni. L'ampia resezione locale è una procedura curativa.

Nei casi di condroma sinoviale, a seconda dei sintomi (specialmente se sono solo di tipo meccanico), è spesso necessari la semplice rimozione. Il condroma sinoviale è una condizione autolimitante locale e può arrivare ad una fase di riposo. Tuttavia, se la lesione produce sintomi frequenti, può essere necessaria la sinoviectomia per controllare la malattia.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Cisti sinoviali

I gangli, o cisti sinoviali, sono grumi non cancerogeni che si sviluppano tipicamente lungo i tendini o le articolazioni.


Fistole anali

Con il termine fistola anale si intende la formazione di un piccolo canale vicino all’uscita dell’ano.


Granuloma anulare

Il granuloma anulare è un’infiammazione della pelle che comunemente si presenta con piccole lesioni sulla cute.


Herpes genitale

L'herpes genitale è una comune infezione sessualmente trasmissibile causata dal virus herpes simplex (HSV).

 


Idronefrosi

L'idronefrosi è una condizione che si verifica quando un rene si dilata a causa del fallimento del normale drenaggio delle urine.


Giradito

Il giradito, conosciuto anche come patereccio, è un'infezione che può coinvolgere una o più dita della mano.


Colesterolo alto e trigliceridi alti: cosa fare?

Colesterolo e trigliceridi: l'importanza dell'alimentazione nelle malattie cardiovascolari.


Grasso localizzato

Grasso localizzato: è davvero possibile eliminarlo con attività fisica o diete specifiche?

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.