Kir

Il Kir è un cocktail di origine francese che trae il suo nome dall'abate Kir di Digione in Borgogna, il quale, intorno al 1950, iniziò a proporre nei ricevimenti ufficiali una bevanda lievemente alcolica gradita soprattutto alla clientela femminile: essa univa due prodotti tipici della Borgogna, il vino bianco Chablis e la Crème de Cassis ottenuta dalla macerazione del ribes nero in alcol, prodotto che recentemente ha ottenuto l'AOC (ovvero Appellation d'Origine Contrôlée “Crème de Cassis de Bourgogne”).

Il Kir fa parte dei cocktail da aperitivo, è molto fresco e fruttato.


Partendo dal Kir sono nate numerose varianti:

Kir
  • il Kir Royale: con champagne in sostituzione al vino fermo
  • il Kir Imperiale: con champagne e crema di lamponi in sostituzione alla crema di ribes nero
  • il Kir on the Sky: con Vodka e lime in sostituzione del vino o dello Champagne
  • il Kir Normand: con sidro di Normandia in sostituzione del vino
  • il Kir Breton: con sidro bretone in sostituzione del vino
  • il Cidre Royal: con sidro e Calvados

Caratteristiche del Kir

Tipo di cocktail: any time, pre dinner, short drink.

Grado alcolico: 12,1° alcolici.

Categoria alcolica: mediamente alcolico (cosa significa?)

 

 

Ricetta IBA del Kir

  • 3,5 cl vino bianco secco (preferibilmente Chablis de Bourgogne)
  • 1,5 cl Crème de Cassis de Bourgogne

Il Kir si prepara direttamente nella flûte, versando prima la Crème de Cassis e infine colmando con il vino ben freddo. In alternativa si può usare un qualsiasi calice da vino bianco. Non sono previste decorazioni, ma volendo si può completare con una zeste di limone.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Torta giapponese (Japanese cotton cheesecake)

Japanese cotton cheesecake, ovvero la torta giapponese a base di formaggio che ha sbancato sul web negli ultimi anni.


Coniglio al forno con patate

Coniglio al forno con patate: un secondo piatto italiano classico che tutti conosciamo, vediamo insieme la ricetta.


Cioccolato plastico

Il cioccolato plastico: una pasta modellabile per creare decorazioni per torte e dolci.


Come si cuoce la pasta?

Come si cuoce la pasta? Il sale va fino o grosso? Prima o dopo l'ebollizione? E se me lo scordo? Quale pentola usare? È vero che si può cuocere a fuoco spento?

 


Cuocere la pasta a fuoco spento?

La pasta si cuoce correttamente a qualunque temperatura superiore agli 80 gradi: per questo la cottura a fuoco spento (o cottura passiva) è possibile, tuttavia i vantaggi non sono molto interessanti.


Biscotti di castagne

I biscotti di castagne vengono prodotti a partire dalla farina di castagne, nel periodo autunnale e per tutto l'inverno, che sostituisce del tutto o in parte la farina bianca comune.


Panna cotta

La panna cotta: un dolce piemontese simile al budino a base di panna.


Paste di meliga

Le paste di meliga, i frollini piemontesi tipici del cuneese.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.