Baci di Cherasco

I baci di Cherasco sono dei cioccolatini dalla forma irregolare composti da cioccolato fondente e nocciole delle Langhe IGP prima tostate e poi sminuzzate grossolanamente.

I baci di Cherasco sono un prodotto piemontese e prendono il nome dalla cittadina omonima, Cherasco, della provincia di Cuneo, nelle Langhe. Negli ultimi anni si stanno diffondendo anche nel resto d'Italia e sono reperibili nelle enoteche e nei negozi di delicatessen, ma rimangono un prodotto raro e di fattura artigianale, commercializzato solo dalle poche pasticcerie di Cherasco.
Questo, però, fa sì che siano un prodotto di alta qualità, ottenuti con pochissimi ingredienti (massa di cacao, zucchero e nocciole) e consiglio di provarli anche se l'aspetto può risultare un deterrente dato che hanno forme irregolari, spezzate a mano e si trovano spesso ammassati gli uni sugli altri dentro sacchetti di plastica producendo un effetto estetico poco invitante...
Il prezzo è di circa 10€ per un sacchetto da 200g. 

La storia dei baci di Cherasco

Baci Cherasco

I baci di Cherasco sono stati inventati da un pasticcere, Marco Barbero, nel 1881, e sono nati come un prodotto di recupero. Durante il periodo natalizio egli trovò il modo di riutilizzare le nocciole avanzate dalla produzione di torroni e inventò questi cioccolatini ancora oggi prodotti e confezionati dalla pasticceria Barbero.

Si possono preparare anche in casa, è davvero semplicissimo, basta munirsi di alcuni piccoli pirottini e di ingredienti di ottima qualità.

Ricetta dei baci di Cherasco

Ingredienti:

  • 200 g di cioccolato fondente
  • 120 g di nocciole piemontesi IGP
  • 1 cucchiaino di zucchero a velo

 

Procedimento: tostare le nocciole in forno a 180°C per circa 10 minuti, finché non avranno assunto un bel colore dorato (in alternativa, se non si ha molto tempo, si possono comprare le nocciole già tostate).
Sistemare le nocciole tra due fogli di carta da forno sopra un piano da lavoro abbastanza ampio e sminuzzarle con un batticarne facendo in modo da ottenere una granella non troppo fine.
Sciogliere il cioccolato a bagnomaria con lo zucchero a velo, quindi unire le nocciole.

Prelevare il composto aiutandosi con due cucchiai bagnati e sistemarlo sui pirottini (ne serviranno una ventina).
Quando saranno raffreddati, far solidificare i baci di Cherasco in frigorifero per almeno 2 ore prima di servirli.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Insetti commestibili

Gli insetti commestibili: da esclusivo appannaggio di alcuni popoli etnici a cibo che salverà il futuro mondiale.


Fritto misto all'italiana

Si fa presto a dire fritto misto all'italiana ma le varianti regionali sono tantissime.


Fritto misto di pesce

Il fritto misto di pesce: il secondo piatto di mare per eccellenza, a base di gamberi, calamari e alici.


Fritto di paranza

La paranza o il fritto di paranza: un piatto di mare che prevede una grande varietà di pesci con le lische fritti.

 


Crocchette di patate

Le crocchette di patate o crocchè sono un classico cibo da strada diffuso soprattutto nel Meridione e in Spagna.


Crema fritta - cremini fritti

La crema fritta: uno dei protagonisti del fritto misto all'italiana mangiato sia come contorno che come dessert.


Olive all'ascolana

Le olive all'ascolana, ripiene di carne e fritte: un piatto che dalle Marche ha fatto il giro del mondo.


Quique Dacosta

Enrique detto Quique Dacosta: lo chef spagnolo tre stelle Michelin e presente nell'elenco dei 50 Best Restaurants.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.